Rugby
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Giovedì, 31 Gennaio 2013 08:55

FABRIZIO ROMANO: "MERITIAMO LA SERIE B!",WALTER: "BISOGNA LAVORARE,CE LA GIOCHEREMO!" Intervista doppia ai fratelli Romano

Scritto da
Vota questo articolo
(7 Voti)
Si e conclusa sabato 26 gennaio l'11 giornata del campionato rugbistico di serie C1, Campionato dominato senza alcuna difficoltà dalla Svicat Rugby che, con 53 punti, ha già conquistato con largo anticipo l'accesso matematico ai play off che potranno consentire, alla formazione salentina, l'ingresso al più prestigioso campionato di serie B.
L'ultima Giornata ha visto imporsi a "R.Trevisi" (di Campi Salentina) la squadra di casa su un impotente Monopoli con un risultato di 53 a 6: il punteggio non lascia spazio a interpretazioni!
Punto di forza della compagine campiota del Presidente Camilli è Fabrizio Romano, apertura beneventana che vanta esperienze nel campionato francese e nel campionato di serie A e serie B italiano.
Giocatore determinante per la Svicat, Fabrizio, ha realizzato ben 164 dei 551 punti complessivi messi a segno dalla squadra.
Nuovo innesto del mercato invernale inoltre è proprio il fratello di Fabrizio: Walter Romano, estremo Classe 90 ma con alle spalle una già ricca e importante carriera in Scozia, Inghilterra e nel Campionato di serie B italiano e top10 U20, andato già in meta proprio nell ultima giornata di campionato, dopo una corsa indisturbata di circa 40 metri.
Vediamo ora le interviste i due atleti.
 
              
 
PERCHE' E COME NASCE LA VOSTRA PASSIONE RUGBISTICA?
 
FABRIZIO: ho iniziato a 5 anni, seguendo gli zii che giocavano a Rugby e che erano nel giro delle  Nazionali, poi papà è diventato dirigente e di conseguenza Presidente di una piccola Società e così ho continuato la mia passione: ho sempre giocato a rugby!
 
WALTER: Anch'io ho iniziato a giocare 5 anni proprio grazie a mio fratello Fabrizio, che aveva iniziato prima di me, e ai miei giocatori che mi hanno indirizzato verso questo sport.
 
 
SONO PASSATI ORMAI DIVERSI ANNI DALLA VOSTRA PRIMA ESPERIENZA, COME SI E' EVOLUTO IL RUGBY DA ALLORA?
 
FABRIZIO: sicuramente è molto più organizzato a livello di squadra e di preparazione fisica. Al giorno d'oggi preparazione fisica e tecnica sono fondamentale: se non sei preparato non puoi giocare. L'esperienza nelle squadre in cui ho giocato mi ha dato tanto, ho imparato che il lavoro durante l'anno e soprattutto durante la settimana è solo la base per poter scendere in campo e pensare di poter giocare mentre prima bastavano poche qualità per scendere in campo e fare bella figura.
 
WALTER: il rugby è cambiato molto dal passato, adesso è un gioco molto più veloce e fisico e occorre sepre più allenamento in palestra e preparazione dal punto di vista tecnico.
 
 
QUALI SONO I VALORI PIU' IMPORTANTI CHE QUESTO SPORT HA SAPUTO TRASMETTERVI?
 
FABRIZIO: anzitutto il rispetto e il saper stare tra le gente. Il rugby mi ha fatto conoscere tantissime persone e soprattutto amici: basti pensare che ho avuto la possibilità di giocare per la Francia, per l'Italia e avere tantissimi amici ovunque.
Grazie al rugby impari a relazionarti con le persone e a conoscerle per quello che sono, perchè chi gioca a rugby è sempre una persona di gran cuore.
 
WALTER: Per me il rugby è rispetto, fiducia verso il compagno ma soprattutto sacrificio, perchè solo attraverso il sacrificio si possono raggiungere traguardi importanti. 
 
 
AVETE VISSUTO ENTRAMBI IMPORTANTI ESPERIENZE RUGBISTICHE  ALL'ESTERO, QUALI SONO LE DIFFERENZE RISCONTRATE DAL CAMPIONATO ITALIANO?
 
FABRIZIO: Prima di tutto la conoscenza del rugby nella Nazione. La Francia, ad esempio, pone molta più attenzione verso questo sporto, anche una partita di piccolo campionato può essere molto seguita. Mi è capitato di giocare in federale 3, che era il quinto campionato e per assistere alle partite era necessario pagare 5 euro, cosa che in Italia è impensabile perchè la serie C è il campionato inferiore.
In Francia alla gente non pesava pagare dei soldi per vedere una partita perchè lì il livello era alto e la gente si allenava con serietà acquisendo un bagaglio tecnico molto alto.
 
WALTER: Io ho giocato sia in Inghilterra che in Scozia e posso garantire che lì vi è tutta un'altra la cultura.
I ragazzini iniziano a giocare a rugby fin da giovanissimi. In Italia c'è la passione e una preferenza verso il calcio, risulta di fatti lo sport più seguito, e questo sport fa di conseguenza la differenza ancge a livello internazionale.
 
MA ORA DIAMO UNO SGUARDO AL PRESENTE, PROPRIO DURANTE IL CORSO DELLA PARTITA CONTRO IL MONOPOLI IL PRESIDENTE CAMILLI HA AFFERMATO CHE I PRESIDENTI SONO IL SEDICESIMO UOMO IN CAMPO DEL RUGBY, CHE PENSATE AL RIGUARDO?
 
 
FABRIZIO:  Trovare un Presidente come il Sign. Camilli Fabrizio è stato importantissimo, avendo girato più club credo sia uno dei pochi che mette così tanta passione e cerca di avere un rapporto vero con i giocatori, come se fosse un secondo padre. Fabrizio è una persona molto legata non soltanto alla squadra, ma anche alla persona, e accoglie egregiamente i nuovi arrivi e questo è importantissimo perchè ti fa sentire a tuo agio, ti fa sentire bene e apprezzato fin dal primo giorno: proprio per questo credo che sia il miglior Presidente che io abbia mai avuto.
 
WALTER: Conosco da poco Fabrizio Camilli e posso garantire che è uno dei migliori Presidenti che si possa avere perchè mette passione per questo sport, sacrificio e instaura con ogni atleta un rapporto come un padre lo ha con un figlio; trovo che tutto ciò sia alla base per costruire qualcosa di positivo!
 
 
 
11 VITTORIE SU 11, DOVE PUO' ARRIVARE QUESTA SQUADRA?
 
 
 
FABRIZIO: Abbiamo gia conquistato l'accesso matematico ai play-off e credo che anche lì abbiamo buone possibilità di far bene e superarli senza troppi problemi. L'obiettivo è la serie B, non l'abbiamo mai nascosto!
La Svicat deve andare in serie B, lo meritiamo, stiamo migliorando di partita in partita. Speriamo di continuare così perche la strada imboccata è quella giusta!
 
 
WALTER: Sono arrivato a Campi da 3 settimane e ho giocato 2 partite. Ho visto un gruppo molto affiatato ma bisogna lavorare tanto.Vengo da un esperienza in Reggio Calabria dove ho giocato in serie B, la differenza si nota ma credo che potremo giocarcela ai play off con chiunque.
 
 
FATE UN INVITO AI VOSTRI TIFOSI
 
 
FABRIZIO: Invito tutti a venire alle nostre partite perchè vedere una squadra che vince è sempre un piacere. Fin ora abbiamo dimostrato anche del bel gioco, quindi credo sia un piacere venirci a vedere.
 
 
WALTER: Invito tutti a venire numerosi alle nostre partite, è importante il calore del pubblico che spero ci sosterrà fino alla fine!
Letto 2327 volte Ultima modifica il Giovedì, 31 Gennaio 2013 12:23

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi445
Ieri1802
Questa Sett.4565
Questo Mese18724
Totale1289622

Venerdì, 28 Luglio 2017 10:53

Chi è on line

Abbiamo 383 visitatori e nessun utente online