Calcio
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Mercoledì, 04 Settembre 2013 08:54

2° Giornata di Serie A: Scoppiettante turno

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)


 

Sabato 31 agosto va di scena la 2° giornata di campionato. Scoppiettante turno di campionato con un totale di 43 reti segnate nelle 10 partite giocate, un record eguagliato che non veniva raggiunto dalla stagione 2004/05

Iniziamo con l'anticipo della seconda giornata, alle 18.00, di Chievo-Napoli; prova di maturità per i partenopei ch,e negl ultimi 4 anni, hanno sempre perso tra le mura del Bentegodi; bestia nera anche per Benitez che ai tempi dell'Inter ne uscì sconfitto; partita subito in discesa per il Napoli che passa in vantaggio grazie allo scatenato Hamsik;

il Chievo agguanta il pareggio con il giovane Paloski servito da Hetemaj; Callejon firma il raddoppio per il Napoli grazie all'assist del Pepita Higuain e ancora una volta è Paloski a pareggiare i conti. Hamsik sembra incontenibile e fa tris e dopo appena 5 minuti il ecco il poker con l'argentino Higuain; Napoli che sfata il tabù Bentegodi e Chievo troppo rinunciatario porta la partita ad un 4 a 2 per i partenopei.

Alle 20.45 presso "Altleti Azzurri d'Italia" si gioca Atalanta-Torino; partita equilibrata fino al fischio della prima frazione di gioco, poi arrivano le 2 reti del mach, entrambe firmate dalla dea nel secondo tempo, primo gol con Stendardo e poi Lucchini, di testa, firma il raddoppio; partita dunque che termina 2 a 0 per l'Atalanta ai danni di un ottimo Torino un pò sfortunato che, in piu occasioni, ha sfiorato la rete.

Altra partita giocata alle 20.45 è Sassuolo-Livorno, entrambe neo promosse; Livorno che va in vantaggio grazie a Greco alle soglie dello scadere del primo tempo; nella ripresa il solito Zaza pareggia per il Sassuolo ma, solo  3 minuti, il Livorno raddoppia grazie al gol di Emeghara, tris con Paulinho e poker di nuovo con Emeghara che firma la sua personale doppietta; lo Stadio Alberto Braglia vede finire la partita 4 a 1 per il Livorno, pesante il risultato per il Sassuolo, che incassa la prima sconfitta in casa.

Pioggia di gol anche presso lo "Juventus Stadium" dove i bianconeri affrontano la Lazio per la seconda volta nell'arco di 15 giorni.

Il risultato è quasi identico a quello visto all'olimpico di Roma nella supercoppa; la Signora passa in vantaggio grazie a vidal servito da Pogba, Juve che raddoppia sempre con lo stesso marcatore del primo gol (Vidal) ma dopo solo 2 minuti Klose accorcia le distanze: il primo tempo finisce sul risultato di 2 a 1 con la Juve padrona del campo e una Lazio senza idee e priva di carattere.

Nella ripresa è un ex romanista che porta a segno il terzo gol per i bianco neri, Mirko Vucinic, seguito poi dal gol del compagno di squadra Tevez che fa poker.

La partita finisce 4 a 1 per la Juventus ed a svantaggio di una Lazio che non è  stata mai in partita all'infuori dei primi minuti del secondo tempo.

Domenica 1 Settembre alle 20.45 si gioca la partita Bologna-Sampdoria; presso lo "Stadio Renato Dall'Ara" la partita finisce con un 2 a 2 da spettacolo; Sampdoria che passa in vantaggio grazie a Eder, Bologna che pareggia con moscardelli e passa in vantaggio grazie a un gran gol di Kone, risultato che poi viene raggiunto grazie a Gabbiadini; un punto per entrambe le squadre che hanno dimostrato un ottimo calcio.

A San Siro il Milan affornta il Cagliari, rossoneri a caccia della prima vittoria in campionato dopo quella ottenuta in champions contro il Psv; la squadra milanese passa in vantaggio grazie a Robinho, raddoppio che arriva dai piedi di un difensore centrale, Mexes, che mette in porta una palla respinta da Agazzi; Cagliari che accorcia grazie a un gran gol di Sau ma è Mario Balotelli a fare tris con una bomba sotto l'incrocio; partita che finisce col risultato di 3 a 1 per il Milan. I rossoneri ottengono la prima vittoria in campionato a San Siro contro un buon Cagliari che esce sconfitto ma a testa alta.

Alle 18.00 scende in campo la Roma che ospita il Verona gasato dalla vittoria ottenuta alla prima giornata contro il Milan.

La squadra giallorossa inizia forte e va in vantaggio con l'ex nero azzurro Maicon aiutato da una deviazione decisiva, Roma che raddoppia grazie a una vera e autentica perla di Pjanic, tris che arriva grazie al nuovo arrivato Ljajic; all'Olimpico di Roma finisce dunque 3 a 0 per i giallorossi, Verona mai pericoloso e che ha evitato un punteggio molto piu pesante grazie alla prova sontuosa del portiere Rafael, il miglior giocatore in campo.

Risultato quasi tennistico al "Luigi Ferraris" dove il Genoa affronta la Fiorentina alle 20.45; vantaggio dei gigliati grazie ad Albero Aquilani con un colpo di testa, raddoppio di Pepito Rossi e, prima dello scadere del 1° tempo, Gomez fa tre a zero per la Fiorentina; nella ripresa il Genoa reagisce e va in gol con l'ex di turno Alberto Gilardino ma poi Giuseppe Rossi fa poker per la viola; Genoa che accorcia di nuovo le distanze grazie al rigore realizzato da Francesco Lodi ma la Fiorentina fa la manita grazie ad un altro rigore di Gomez che ottiene una doppietta e fa nascere un accenno di rissa, smorzata sul nascere; la Fiorentina espugna il Ferraris con un largo risultato per 5 a 2 sul Genoa.

Un'altra partita alle 20.45 viene giocata al "Friuli" ed è Udinese-Parma; Udinese che passa in vantaggio grazie a Badu dopo 10 minuti dall'inizio restando in vantaggio fino alla fine del primo tempo e che raddoppia nella ripresa con Heurtaux. Antonio Cassano accorcia le distanze con un colpo di testa ma Muriel chiude la partita su rigore; al "Fruili" il Parma viene battuto 3 a 1 dagli uomini di Guidoni.

Al "Massimino" sempre alle 20.45 il Catania ospita l'Inter di Mazzarri. Partita a senso unico per i neroazzurri che vanno in gol col solito Palacio; nella ripresa è il giapponese Yuto Nagatomo grazie a un bel colpo di testa, tris di Alvarez che chiude la partita; l'Inter batte il Catania per 3 a 0, prima sconfitta interna per gli uomini di Maran.

Letto 5731 volte Ultima modifica il Mercoledì, 04 Settembre 2013 11:13

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi573
Ieri578
Questa Sett.4538
Questo Mese35554
Totale1262753

Giovedì, 22 Giugno 2017 20:28

Chi è on line

Abbiamo 179 visitatori e nessun utente online