Calcio
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.


 

Nelle zone alte continua il buon momento di Blu bar che si impone agevolmente su Villa Baldassarri, ma anche Tonio Sport non perde un colpo e si sbarazza con un tennistico 6 a 1 del malcapitato Calcetto Club.

Perde terreno, invece, Baccaro Autotrasporti che si fa inchiodare sul 2 a 2 da Pistacchiotto Cherì.

Ne approfitta, per agganciare il terzo posto, Macelleria GEAL che travolge per 8 a 3 Chiodi Sport Serena che comunque scende in campo con soli sette calciatori.

Picciotti costruzioni conquista il primo punto in classifica del suo campionato costringendo al pareggio Circolo Giovanile

Non si può commentare la gara tra Nuova Copertino ed Habanero cafè.

 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Mercoledì, 07 Novembre 2012 09:49

4ª giornata Campionato Provinciale A.C.S.I. di Lecce

Scritto da

 

 

Cambia poco al vertice della classifica: tutte e tre le prime hanno la meglio sui propri avversari. L’impresa più importante è senza dubbio quella di Blu bar che riesce a superare la quotatissima formazione di Veglie Habanero cafè.
Più facili le affermazioni delle altre capolista: Tonio Sport non ha problemi a sbarazzarsi di Chiodi Sport Serena e anche Baccaro Autotrasporti batte, con lo stesso risultato, Villa Baldassarri.
Fa un importante passo in avanti in classifica la formazione Macelleria GEAL che si piazza al quarto posto superando di misura Picciotti costruzioni.
Bella prova di Calcetto Club che conquista i primi punti del suo campionato battendo nettamente Pistacchiotto Cherì.
Circolo Giovanile continua a pareggiare: sia con Nuova Copertino e sia nel recupero con Habanero cafè.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Venerdì, 02 Novembre 2012 15:41

186° “Derby d’Italia”: Juventus vs Inter

Scritto da


Domani sera alle 20.45 andrà di scena allo Juventus Stadium di Torino il 186° “Derby d’Italia”, così come fu soprannominato da Gianni Berra nel 1967. Le statistiche parlano di 83 vittorie della Juventus, 46 pareggi, e 56 vittorie dell’Inter.

 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

Tre squadre rimangono in testa alla classifica a quota 7 punti: Baccaro Autotrasporti batte per 5 a 2 il fanalino di coda Picciotti costruzioni, ma anche Tonio Sport supera Villa Baldassarri: entrambe raggiungono Blu bar che non va oltre il pari con Macelleria GEAL.

Nuova Copertino e Pistacchiotto Cherì vincono rispettivamente con Calcetto Club e Chiodi Sport Serena e rientrano nel gruppo delle prime.

La gara di Habanero cafè con Circolo Giovanile viene rinviata a lunedì prossimo.

 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Dopo due giornate di campionato sono solo due le squadre rimaste a punteggio pieno: Habanero Club, trascinata da un fantastico Giuseppe Sabatino, travolge Calcetto Club e rimane in testa in coabitazione con Blu bar che vince di misura contro Chiodi Sport Serena.

Tonio Sport e Baccaro Autotrasporti si dividono la posta e perdono quindi terreno sulle prime. Nuova Copertino e Pistacchiotto Cherì riscattano la falsa partenza avendo la meglio rispettivamente con Picciotti costruzioni e Villa Baldassarri.

La sfida tra Macelleria GEAL e Circolo Giovanile si chiude a reti bianche.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Lunedì, 22 Ottobre 2012 15:02

L’ira funesta della vecchia signora

Scritto da

L’ultimo turno di campionato ci ha consegnato un quadro dei valori delle contendenti diverso, e più definito rispetto al turno immediatamente precedente.

La partita di Torino, campo principale di questa domenica, rimasta in equilibrio per 80 minuti, ha evidenziato i limiti di un Napoli che, forte dei successi fin ora ottenuti in campionato (sei), voleva accontentarsi di un pareggio che, qualora ottenuto contro la Juve a Torino, sarebbe stato un ottimo risultato.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Mercoledì, 17 Ottobre 2012 09:15

1ª giornata Campionato Provinciale A.C.S.I. di Lecce

Scritto da

Sabato scorso è cominciato il 21° Campionato Provinciale A.C.S.I. di Lecce. Subito in evidenza la formazione Baccaro Autotrasporti che si è imposta su Calcetto Club con un travolgente 7 a 1.

Nella classica tra Trepuzzi e Campi, Tonio Sport non ha avuto difficoltà ad avere la meglio su Pistacchiotto Cherì.

Macelleria Geal ha sorpreso la quotata Nuova Copertino grazie ad un eurogol scaturito da un maldestro rinvio del portiere.

Blu bar fa un sol boccone di Circolo Giovanile mentre Chiodi Sport Serena commemora con un pareggio la recente scomparsa di Serena, giovanissima nipote del presidente.

Senza commento la gara tra Picciotti e Habanero.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 11 Ottobre 2012 15:30

Aspettando "la partita"

Scritto da

Manca ancora qualche giorno alla partita tra le due squadre più in forma del campionato: Juventus e Napoli.

L’avvio scoppiettante delle due antagoniste sta infiammando il torneo nostrano, altrimenti scevro di temi salienti.

Le due milanesi (Inter e Milan), da sempre protagoniste, sono, per ragioni diverse, lontane dal vertice, afflitte da problemi d’identità e maturazione, e non sono in grado di competere, in questo momento, ai vertici.

Chi invece sembra che la piena maturazione l’ha raggiunta, è la compagine partenopea, che forte dei suoi quattro protagonisti più accreditati schierati in attacco, osannati come eroi al pari di chi è già leggenda a Napoli, Diego Armando Maradona, sembra in questo momento l’unica vera alternativa alla corazzata Juventus.

Dopo anni di purgatorio, i bianconeri sono prepotentemente tornati alla ribalta già dalla passata stagione, vincendo uno scudetto, dominando il campionato, sono forti di un’imbattibilità in campionato che dura oramai da più di quaranta partite ufficiali, a riconferma di tanto blasone acquisito nel tempo.

La sconfitta in finale di Coppa Italia dei torinesi patita al cospetto degli azzurri, è stata un’onta per i dominatori del campionato, e la rivincita in Supercoppa Italiana giocata ad agosto a Pechino, con gli strascichi polemici, ha fatto da preludio al prossimo incontro. Ciò renderà la sfida ancora più significativa e l’attesa più febbrile.

A fronte di quest’incontro, anche gli impegni della nostra nazionale di calcio sembrano solo degli impicci da risolvere al più presto. Quello che tutti aspettano oramai è sabato 20 ottobre alle 18.00, dove le due contendenti si affronteranno.

I tifosi dell’una e dell’altra squadra sono già pronti a esultare per la vittoria.

Tutti sono però consapevoli che anche in caso di sconfitta di una delle due, il torneo sarà ancora aperto, le giornate che mancano alla fine sono ancora tante.

L’eventuale vincente darà però un forte segnale a tutto il campionato.

Auguriamoci solo che alla fine si possa parlare di calcio e di gesta sportive, e che nessun altro fattore possa essere citato come determinante per l’esito finale.

 

C.P.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 04 Ottobre 2012 16:25

La svolta del nostro calcio

Scritto da

Dopo sei giornate, il campionato di calcio di Serie A, ha già motivi di riflessione per chi ama questo sport.

Anticipato come un campionato ridimensionato nei suoi valori assoluti, rispetto al passato, per vari fattori sopravvenuti, assistiamo in ogni caso, ad una competizione che suscita interesse, e non solo per gli addetti ai lavori.

 

La mancanza di risorse economiche e la conseguente fuga dei “top player” verso nuovi lidi; l’abbassamento del livello tecnico medio dei calciatori impegnati; il mancato arrivo di giocatori stranieri validi; la cattiva gestione dei vivai e la conseguente

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Venerdì, 21 Settembre 2012 09:23

Il patteggiamento nel diritto sportivo

Scritto da

 

 

Oggi, 21 settembre , si svolgerà l'ennesima puntata dello scandalo che ha colpito , come accade oramai da diversi anni, il mondo del calcio , e che ha visto coinvolti personaggi più o meno noti . E' , infatti, in programma l'udienza del TNAS, chiamato ad esprimersi sul ricorso del tecnico bianconero, Antonio Conte condannato a 10 mesi di squalifica per omessa denuncia.


La bufera che si è abbattuta sul calcio ha sollevato, anche questa volta, molte critiche soprattutto per quel che concerne il sistema di giustizia sportiva, visto dai più come un sistema che necessità di essere riformato.

Uno dei temi di maggiore discussione è stato sicuramente quello relativo all'istituto del patteggiamento. Facciamo una breve disamina.
Il Codice di Giustizia Sportiva parla di tale istituto in due articoli: l'art. 23 e l'art. 24. In particolare, l'art. 23 è rubricato "Applicazione di sanzioni su richiesta delle parti" in base al quale "1. I soggetti di cui all’art. 1 comma 1 possono accordarsi con la Procura federale, prima che termini la fase dibattimentale di primo grado, per chiedere all’organo giudicante l’applicazione di una sanzione ridotta, indicandone le specie e la misura. 2. L’organo giudicante, se ritiene corretta la qualificazione dei fatti come formulata dalle parti e congrua la sanzione indicata, ne dispone l’applicazione con ordinanza non impugnabile, che chiude il procedimento nei confronti del richiedente. 3. L’applicazione di sanzioni su richiesta delle parti è esclusa nei casi di recidiva e nei casi di cui all’art. 7, comma 6." L'art. 24 , invece , è rubricato "Collaborazione degli incolpati" e sancisce che "1.

 

In caso di ammissione di responsabilità e di collaborazione fattiva da parte dei soggetti sottoposti a procedimento disciplinare per la scoperta o l’accertamento di violazioni regolamentari, gli organi giudicanti possono ridurre, su proposta della Procura federale, le sanzioni previste dalla normativa federale ovvero commutarle in prescrizioni alternative o determinarle in via equitativa. 2. In tal caso, la riduzione può essere estesa anche alle società che rispondono a titolo di responsabilità diretta od oggettiva."


Come si vede , la prima norma prevede un accordo sulla quantificazione della pena che prescinde dall'ammissione di responsabilità, che deve intervenire tra il deferito e la procura federale, per poi essere sottoposto all'organo giudicante, che ne dispone l'applicazione, a condizione che la pena patteggiata sia ritenuta congrua. La seconda norma, al contrario, prevede un'ammissione di responsabilità e una collaborazione del soggetto sottoposto a procedimento disciplinare, che poi vedrà ridotta o commutata la pena su proposta della Procura Federale. Alla luce della disputa che si è venuta a creare in ogni dove circa il fatto che il patteggiamento preveda un'ammissione di colpa da parte di chi lo richieda, bisogna precisare che il patteggiamento non prevede nessuna ammissione di responsabilità. Del resto pure in ambito penale l'istituto dell' applicazione della pena su richiesta di parte (art. 444 c.p.p.) non integra un riconoscimento della propria colpa. Sicché, la dottrina e la giurisprudenza tendono ad individuare in tale istituto una strategia difensiva, sia per il reo che voglia godere di determinati benefici (ad es. riduzione della pena), sia per l'innocente che ritenga non potersi difendere adeguatamente nel processo sportivo a causa dei limiti alle prove producibili in giudizio, nonché a causa dell'inversione dell'onere della prova.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 6 di 6

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi14
Ieri176
Questa Sett.1248
Questo Mese3576
Totale1488579

Sabato, 17 Novembre 2018 03:27

Chi è on line

Abbiamo 139 visitatori e nessun utente online