Cartoline non spedite #102 Tesi

White-Cozy-Minimal-Photo-Collage-Facebook-Post-10

In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima di terrore, in cui non si sa mai se ci si può fidare dell'altro è deleterio psicologicamente, ma purtroppo l'alternativa sarebbe restare chiusi in casa e dimenticarsi del mondo fino a data da destinarsi, cosa che ovviamente non si può fare (a meno che non si voglia diventare un hikikomori). E soprattutto, il fatto che la gente si sia dimenticata del mondo non rispecchia la realtà: le vite degli altri sono andate avanti, esattamente come la nostra, e continuano a farlo, solo con un'aggiunta d'incertezza colossale, alla quale già noi figli dei boomers eravamo abituati, del tipo, posso ancora sentirlo il dottore in sala parto: "Benvenuto piccolo esserino pieno di liquido amniotico, il mondo può essere bello ma può essere anche crudele. Ricordati soprattutto di non ambire mai al posto fisso, yeah, resilienza, è nato, creatività, è due chili e trecento grammi, problem-solving, reinventati ogni giorno, auguriii!". Neanche un anno gli avete fatto compiere al quel povero corpicino indifeso, che già ha dovuto introiettare il fatto che i sogni se li deve scordare, sono cose per ricchi, non sia mai che un bambino avesse un sogno! Via per favore, queste banalità, queste sciocchezze. Crescendo poi è stato peggio, devi fare così, devi fare questo, devi fare quello, fino al periodo "ma fai un po' che cazzo ti pare che non abbiamo tempo da perdere con te". Destabilizzante. Uno passa tutta la vita a credere di dover soddisfare le esigenze che ti impongono gli altri e poi alla fine ti viene detto che hai sbagliato tutto, che avresti dovuto pensarci prima se avessi voluto fare le cose che ti piacevano, che potevi farlo, nessuno te l'avrebbe impedito per davvero, erano cose dette tanto per dire, così, per scoraggiarti un po'. Tipo la porta della legge di Kafka, quella in cui nessuno può entrare tranne noi. Quindi sì, in questo periodo tesi lo siamo tutti, ma ancora di più lo è quella che ho portato a stampare, finalmente. Nella prima pagina, quella per le dediche, ho scritto: "A chi crede ancora nei sogni, e a chi li fa avverare". Ed è per loro che io continuo, nonostante tutto. 

Cartoline non spedite #103 Piantiamola
Cartoline non spedite #101 Tè caldo

Related Posts

 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Already Registered? Login Here
Guest
Wednesday, 03 March 2021
If you'd like to register, please fill in the username, password and name fields.

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to http://www.sali-ce.it/

Oggi473
Ieri699
Total293706

Who Is Online

8
Online

03 March 2021

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

04 January 2021
Cartoline non spedite
Ci sono certi momenti in cui bisogna sottrarre. È che una passa tutta una vita a pensare che accumulare gli servirà, perché così gli hanno fatto credere. Maledette credenze. E allora in quelle credenze, ci mette di tutto, insieme ai piatti, alle...
29 December 2020
Cartoline non spedite
 Un bicchiere di vin brulé tra i mercatini natalizi, l'entusiasmo di una ragazzina in cui ti rivedi da piccola, l'abbraccio di un'amica che non vedevi da tempo per raccontarsi la vita degli ultimi mesi. No, questo Natale non è stato proprio così...
22 December 2020
Cartoline non spedite
Si sono concluse oggi le lezioni del primo semestre dell'università. Iniziare una magistrale senza nemmeno poter guardare negli occhi qualcuno dei tuoi compagni sarebbe stato uno sproloquio solo qualche mese fa, invece non è neanche passato un anno d...
15 December 2020
Cartoline non spedite
Ho letto in un articolo che il sindaco di Parma (capitale della cultura 2020), Federico Pizzarotti, ha manifestato il suo dispiacere per la chiusura, negli ultimi mesi, di tutto ciò che riguarda il mondo della cultura. Ha proprio detto: "In un moment...
08 December 2020
Cartoline non spedite
"Distanziamento sociale" sarà parola dell'anno, o meglio, una delle parole dell'anno, anche se poi, a voler essere precisi questo termine è composto da un sostantivo e un aggettivo, quindi non è del tutto appropriato riferirsi a esso come parola e di...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account