Locale
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Sabato, 12 Maggio 2018 23:17

Il Sindaco Rosato: Consiglio alla Cuppone coerenza e impegno

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ancora una volta, oggetto della discussione sul palazzo municipale salicese, è la posizione della Consigliera Sonia Cuppone.

La Consigliera, votata all'interno della lista Uniti per Salice, da tempo ha dimostrato un allontanamento dalla maggioranza "non devo rendere conto a nessuno, men che meno agli infausti interlocutori di oggi" ci aveva dichiarato in una passata intervista.

Il Sindaco Rosato, a seguito di comportamenti che, a suo dire, si sono dimostrati non solo privi di coerenza ma anche tipici di chi conduce un'opposizione alla maggioranza ha risposto alla Cuppone quanto segue.

"Convinto che i problemi personali e quelli economici di ognuno di noi non siano di interesse della collettività, ritengo comunque opportuno chiarire alcuni aspetti che riguardano le esternazioni della Consigliera  Cuppone.

Intanto, vorrei fosse chiaro che non ho mai avuto alcuna velleità di essere “padrone delle ferriere” e giammai ho preteso di disporre di altro, rispetto ai compiti e doveri che il mandato conferitomi richiede.

Consiglio invece, a chi mi considera “Sua Maestà”, la lettura del “Padrone delle ferriere” di Geogers  Ohnet: è una storia sentimentale e a tratti melodrammatica, che trovo particolarmente aderente al temperamento della Consigliera e che potrebbe anche rasserenarla e addolcirla, almeno quanto basta.

È sconveniente per un consigliere comunale, a prescindere dalla sua collocazione in maggioranza o no, disquisire sui modi e sui comportamenti strumentalizzando le parole e i fatti.

Interlocutori poco seri, violenze verbali, supponenza e sciatteria.

Declinazioni di un vecchio dizionario politico che evidenziano una forma priva di qualsiasi contenuto, un polemica sterile e per nulla costruttiva, che peraltro presupporrebbe, se coerenza ci fosse, un allontanamento, un prendere le distanze ma invece… le parole rimangono contenitori vuoti e non seguono i fatti.

Anzi, quasi con accanimento terapeutico, la Consigliera Cuppone rivendica l’appartenenza ad un gruppo del quale sin dal primo momento non ha condiviso nulla.

Grottesca, la circostanza.

Nel merito, e in relazione alle competenze per le quali Cuppone è stata invitata a far parte della coalizione, devo fare delle considerazioni.

Come mai, nonostante la sua accademica formazione giuridica, non conosca, o peggio non comprenda cosa il suo ruolo le consenta e cosa no.

Forse non sa che è il Consiglio Comunale che discute le “proposte di delibere” e che, quando occorre, queste ultime possono essere modificate con degli emendamenti, così come è successo nell’ultimo Consiglio.

Forse non sa che la sede preposta per la discussione delle proposte di deliberazione e per sollevare eventuali obiezioni ad esse è, per i consiglieri di maggioranza e per chi si riconosce in detto ruolo, il pre-consiglio e nelle riunioni propedeutiche allo stesso.

Faccio inoltre presente che, nel nostro ordinamento giuridico, gli atti amministrativi sono, per lo più - quando ricorrono le condizioni - illegittimi, e non è contemplata la categoria degli atti “invotabili”…

Dovrei soffermarmi anche sulla possibilità di nullità degli atti, che maldestramente la Consigliera paventa, ma credo possa riparare ripassando l’argomento sui suoi testi universitari.

Tutto il resto, appartiene alla sua elucubrazione dei fatti.

Per quanto mi riguarda, senza alcuna supponenza, ho solo preso atto dei suoi comportamenti e disconoscendole la coerenza che proclama in ogni dove, le ho solo augurato buon lavoro là dove lei stessa – di fatto – si è collocata, ovvero nei banchi dell’opposizione."

Letto 441 volte Ultima modifica il Sabato, 12 Maggio 2018 23:23

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Valentina Capoccia

Ingegnere Informatico, Valentina ha da sempre avuto predilezione per tutto ciò che riguarda il sociale, la cultura e lo sport.

Vicepresidente dell'Associazione Culturale fino a settembre del 2016.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi47
Ieri167
Questa Sett.214
Questo Mese6128
Totale1483403

Martedì, 23 Ottobre 2018 07:23

Chi è on line

Abbiamo 153 visitatori e nessun utente online