Locale
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Sabato, 31 Marzo 2018 11:00

Salice. Aumento della TARI per il 2018

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Salice Salentino – Durante la mattinata di giovedì il Consiglio Comunale ha approvato il Piano Economico Finanziario in merito alla TARI (Tassa sui rifiuti), prevedendone l’aumento. La delibera è stata votata dalla maggioranza consiliare, con l’astensione dei consiglieri Cuppone, Manno, Ianne e l’assenza del gruppo di minoranza Salice nel Cuore (che hanno lasciato l’aula per protesta a causa di una diatriba dovuta a un errore nella documentazione ricevuta, in merito alla delibera n. 10). Il costo totale del servizio è di 1.487.960,15€ (al di sotto del costo standard calcolato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, di circa 1.766.321€).

I dati che vi riportiamo sono stati presi dal Piano Economico Finanziario, allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 29/03/2018, attualmente online sull’Albo Pretorio del Comune di Salice Salentino.

Gli aumenti maggiori si avranno per le utenze non domestiche. Tra questi, i meno colpiti saranno le “Attività industriali con capannoni di produzione” che vedranno innalzare la tassa dell’8,03%. Mentre le più colpite saranno le “Attività artigianali di produzione di beni specifici”, il cui importo da pagare salirà dell’11,51%.

Gli incrementi interesseranno quasi tutte le tipologie previste dalla tabella indicata nel PEF. Tra le principali attività interessate: Negozi di abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli. Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista. Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie. Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio. Campeggi, distributori di carburanti, impianti sportivi. Bar, caffè, pasticceria. Attività artigianali di produzione beni specifici.

A salire saranno anche gli importi dovuti dalle utenze domestiche su tutti gli scaglioni previsti dal PEF (da un minimo di +6,01% a un massimo di +11,57%). Se la famiglia media è composta da quattro componenti, ubicati in una casa di 100 mq, allora, l’aumento è dell’8,45% (passando da 379,31€ lorde a 411,38€ lorde, circa 30€ in più).

Restano invariate la modalità di pagamento a 4 rate, le cui scadenze previste per i pagamenti sono: 30 giugno 2018, 31 agosto 2018, 31 ottobre 2018 e 7 dicembre 2018.

Letto 585 volte Ultima modifica il Martedì, 03 Aprile 2018 13:25

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi195
Ieri351
Questa Sett.1819
Questo Mese5314
Totale1460493

Domenica, 22 Luglio 2018 22:00

Chi è on line

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online