Locale
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Giovedì, 01 Marzo 2018 16:03

Politiche 2018 - Noi con l’Italia incontra gli elettori

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

SALICE SALENTINO – Si è tenuto qualche sera fa l’incontro organizzato dal circolo cittadino di Noi con l’Italia, coordinato da Daniel Cannoletta. Il giovane coordinatore nella premessa a quella che è stata anche la serata inaugurale del circolo, ha esortato i presenti al voto per Noi con l’Italia, ricordando che il rischio è che il primo partito sia quello dell’astensione. Per Cannoletta, lo scudo crociato presente nel simbolo è un richiamo verso i valori di coerenza, lealtà e famiglia. Elogiando le persone che ne fanno parte in quanto “sono la testimonianza di quei valori”.

Tra i numeri presenti anche Renato Stabile, consigliere provinciale, il quale ha lamentato l’assenza di Tonino Rosato, sindaco di Salice Salentino “Questa è stata la sua ed è la sua casa, mi dispiace che non ci sia. – afferma Stabile – Probabilmente, è assente per un valido motivo” – conclude. Stabile nel suo intervento ha elogiato il Presidente della Provincia Gabellone e il suo impegno in questa campagna elettorale. “Questa battaglia non la vinceremo sulle TV e sui giornali ma entrando nelle case e facendo capire alla gente il perché devono votare Noi con L’Italia.”.

Subito dopo c’è stato l’intervento di Federica Nuzzaci, candidata alla Camera dei Deputati. Per la candidata: “Bisogna andare incontro alle esigenze delle aziende, dei commercianti e degli artigiani. – afferma – e noi conosciamo queste esigenze.”. Nuzzaci ha inoltre affermato “Per me è importante condividere un progetto politico fatto di concretezza. – continua – La politica è un’arte nobile”. Nel suo appello conclusivo la candidata ha elencato quello che per lei è il partito Noi con l’Italia: “Siamo tutti un gruppo, siamo corretti, siamo coerrenti, siamo seri, non parliamo per slogan ma per progetti e idee realizzabili”.

Simona Manca, docente e candidata al Senato della Repubblica esorta la platea “Noi vi chiediamo di essere candidati con noi” e a “non votare di pancia o per slogan”. Anche lei dispiaciuta per l’assenza di Tonino Rosato, nel suo intervento ha parlato anche degli avversari politici “Il centrosinistra ha fatto la riforma della buona scuola ma non penso ci sia uno studente, un docente o un preside che ritenga quella una riforma della buona scuola.”. Ha attaccato il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, quando nell’intervento a “Porta a Porta” ha parlato della situazione della Embraco: “Parlava come se non fosse lui il Presidente del Consiglio, sembrava una scena surreale, sembrava di stare in un film.”. La candidata ha voluto fare anche una panoramica dei suoi alleati “Anche il voto a destra deve essere ragionato, non ci preoccupano le esternazioni di troppo, il tema è che nei nostri paesi va fatta una scelta su basi razionali.”. Secondo Manca: “Votare Lega significa votare un partito che vuole fare gli interessi del nord”, mentre, “Votare Forza Italia significa votare per chi? Perché non li vediamo – continua – sono persone a noi sconosciute che Berlusconi ha candidato in Puglia”. Nel suo appello elettorale, Manca spiega “Noi abbiamo costruito il programma e individuato i candidati che sono del territorio”, “Siamo un partito che ha rimesso al centro il mezzogiorno.”.

La serata si è conclusa con l’intervento del Presidente della Provincia Antonio Maria Gabellone. “Salice è una parte di territorio importante per il Salento” – dice mentre annuncia che a Salice saranno realizzati lavori di pubblica illuminazione. Gabellone nel suo appello al voto spiega come Noi con l’Italia abbia messo in campo persone del territorio, in quello che è un “momento importante perché dopo 5 anni di centrosinistra il paese è ingessato”, poi spiega il rapporto che c’è con Raffaele Fitto “Noi siamo rimasti con Fitto non solo per la stima e amicizia ma per la convinzione che abbiamo nelle sue idee e nei progetti”. Conclude il suo intervento contro l’astensionismo e non risparmia nemmeno i populisti: “L’impegno dell’amministratore non è promettere lavoro ma garantire sviluppo.”.

Letto 131 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi183
Ieri249
Questa Sett.870
Questo Mese8100
Totale1452675

Mercoledì, 20 Giugno 2018 21:04

Chi è on line

Abbiamo 166 visitatori e nessun utente online