×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 68

Wednesday, 31 October 2012 16:03

Il ddl Anticorruzione è legge

Written by
Rate this item
(4 votes)

L'aula della Camera ha approvato il ddl anti-corruzione, dopo che ieri era stata concessa la fiducia, recante Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione. I voti a favore del disegno di legge sono stati 480 contro  19 , 25  gli astenuti.

Il testo va ad inserirsi in un progetto diretto ad intensificare l’efficacia e la praticità delle misure di opposizione al fenomeno della corruzione, cercando al tempo stesso di allineare l'ordinamento interno ai principali strumenti sovranazionali di lotta al fenomeno corruttivo , in primis alla Convenzione penale sulla corruzione del 1999.

Vediamo dunque  le principali  novità del DDL.

Assistiamo, anzitutto, ad un intervento sull'art. 317 c.p. , il quale viene circoscritto alla semplice ipotesi in cui la condotta concussiva ( concussione per costrizione) abbia provocato un effetto di costrizione nei confronti del privato da parte del pubblico ufficiale. E' previsto nella fattispecie , inoltre , un aumento del minimo edittale della pena, non più 4 ma 6 anni di reclusione . Invariata la misura massima di anni 12 .

Le condotte di induzione (concussione per induzione) vanno a confluire nel nuovo art. 319 quater c.p. rubricato "Indebita induzione a dare o promettere denaro o altra utilità".

Sono previsti poi incrementi di pena per i reati di Corruzione in atti giudiziari (la pena contemplata per l’ipotesi base passa da tre – otto anni a quattro – dieci, mentre per la forma aggravata di cui al secondo comma dell’art. 319 ter si prolunga la pena minima da quattro a cinque anni), di corruzione propria (da quattro a otto anni rispetto agli attuali due – cinque), di peculato (la pena minima passa da tre a quattro) e di Abuso di ufficio ( dagli attuali sei mesi – tre anni si passa da uno a quattro anni).

Viene inserito, inoltre, il delitto di "Traffico di influenze illecite" previsto dall’ ex art. 346 bis c.p.(da uno a tre anni di reclusione). La  norma prevede la punibilità, sia di chi si fa consegnare o promettere del denaro o altra utilità, sia di chi eroga o promette, mediante un'azione con riferimento ad un atto avverso ai doveri dell’ufficio o all’omissione o al ritardo di un atto dell’ufficio.

"Sono molto soddisfatta", ha esordito il Ministro della Giustizia Paola  Severino,   "i numeri della votazione dimostrano come ci sia stata una grande condivisione di questo progetto", aggiungendo, "sulla incandidabilità dei condannati ci sarà un’immediata applicazione della delega per utilizzarla prima delle elezioni".

Critico, infine, il leader dell'Idv Antonio Di Pietro. "Noi riteniamo, come sottolineato anche dall'Anm e dal Csm, che siamo di fronte all'ennesima occasione mancata, ad un'amnistia parziale, anzi, mascherata".

Read 1676 times Last modified on Wednesday, 31 October 2012 16:09

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi590
Ieri651
Total89723

Who Is Online

1
Online

08 April 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account