Spettacoli
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Salic'è - Spettacoli
Spettacoli

Spettacoli (60)

La Compagnia delle Giaccùre Stritte registra un altro successo. Ieri sera, al Palazzo Marchesale Belmonte Pignatelli di Galatone ha ricevuto il premio come “Migliore Commedia”.
Da ormai quattro anni, – La Compagnia ti Santu Luca in collaborazione con la Pro Loco e il Comune di Galatone organizza la Rassegna Teatrale in Vernacolo “VOX populi, e per l’occasione la compagnia salicese, il 19 agosto 2017, nell’atrio del Palazzo Marchesale, ha portato in scena “La Grazia”. Scritta da Mimino Perrone e tratta dalla commedia siciliana “San Giovanni Decollato” di Nino Martoglio, La Grazia, narra le vicende di Mastro Agostino, modesto ciabattino e fervente devoto di Santa Pupa che, vessato dalle angherie verbali della petulante moglie Concetta, chiede alla santa la grazia di far “cadere la lingua alla moglie”. Nel ruolo dei personaggi principali Anna Innocente (Concetta) e Franco Verdesca (Mastro Agostino), anch’essi premiati rispettivamente come migliore attrice protagonista e miglior attore protagonista, “per la resa efficace e brillante del personaggio, l’evoluzione scenica e la capacità di interazione con il pubblico” alcune delle motivazioni che hanno portato a questa scelta. Si legge invece nelle motivazioni del premio come Miglior Commedia, vinto dalla compagnia, “Per il testo teatrale, che pur nell’innovazione, ha saputo riprendere i topoi tipici della commedia popolare in vernacolo, sia nel linguaggio, che nei personaggi, che nella rappresentazione scenografica.” Un sapiente lavoro di regia, che ha reso la commedia apprezzabile e gradevole, è da riconoscere ovviamente al regista Mimino Perrone, che ha dichiarato “Consentitemi di congratularmi con la Compagnia tutta per questi riconoscimenti che ritengo meritati. E quando dico tutta intendo proprio tutti i componenti del gruppo per lo spirito di abnegazione che dimostriamo nell'onorare in tutti i modi gli impegni presi. Il premio come migliore commedia è il coronamento del lavoro di squadra ed è suddiviso tra tutto il cast.  Ed anche il riconoscimento personale ad Anna e Franco, senza voler  in alcun modo sminuire il loro impegno e la loro bravura, è la risultante del lavoro, magari un pò più umile, di tutti gli altri cooprotagonisti: Antonio Leuzzi, Luigi Palazzo, Loredana Persano, Patrizia Dell’Anna, Gabriele Cagnazzo, Alessandro Marinaci e Francesco Bosco ( nel ruolo di Don Calogero per la prima volta in quest’occasione come sostituzione last minute, ndr) e di Chiara Morciano (suggeritrice)”.
Gli altri partecipanti alla rassegna: la compagnia “Mozzicasanti” di Arnesano con “Saverio Pennellessa” di Luigi Pascali“Lu curtigghiu” di Lecce, con “Milioni e crisantemi” di William Fiorentino“Alitzai” di Alezio con “Mamma mia pe lu pilu… cci paccìa” di Claudio Napoli e la “Ghefiura” di Squinzano con “Tutti pazzi per il teatro” di Alessandro Garofalo.
L’evento ha avuto una grande partecipazione da parte del pubblico, un chiaro segnale di come il teatro dialettale non solo piace, ma incuriosisce, suscitando nello spettatore spunti di riflessione, tra i sorrisi. Dopotutto la nostra tradizione e la nostra cultura è da riconoscersi proprio al dialetto, che appartiene al nostro modo di essere e di vivere la vita.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Iniziato il conto alla rovescia, per il nono anno consecutivo per uno degli eventi più importanti dell'Amministrazione Comunale di Guagnano: "Il Premio Terre del Negramaro ".
L’evento, organizzato da Comune di Guagnano e Comitato Tecnico Operativo del Progetto “Premio Terre del Negroamaro”, con la collaborazione di Pro Loco Guagnano ’93 e Arci Rubik.
Si parte il 17 agosto con la serata di anteprima dal titolo Vignaculture il percorso enoturistico per le vie del centro storico di Guagnano. Un walking tour interamente organizzato da Salento Wine Tours;
Appuntamento alle 19 al Sudeststudio di Guagnano (s.p.104, Km 3), dove Ernesto Di Renzo, docente di Antropologia dei Patrimoni Culturali e Gastronomici e Antropologia del Turismo presso l’Università di Tor Vergata, terrà un intervento dal titolo “Da Dioniso all’Enoturismo: come il vino si fa cultura”.  Seguirà, spazio al cookin’ dj set di Don Pasta, dj, economista e appassionato di gastronomia nato in Salento, definito dal New York Times “uno dei più inventivi attivisti del cibo”.
La sera del 18 agosto a partire dalle 21 andrà in scena la tradizionale kermesse; sul grande palco di piazza Madonna del Rosario importanti personalità, locali e non, riceveranno il noto riconoscimento dedicato al Negroamaro per aver dato lustro.
Riceveranno il Premio Terre del Negroamaro: Lucia Buffo, giornalista del TG2 di origini salentine, da anni impegnata nel settore dell’enogastronomia; Eduardo Pascali, preside della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università del Salento; Luca Calabrese, chirurgo oncologo e presidente dell’Associazione “Salvatore Calabrese Onlus”; Claudio Quarta, titolare dell’azienda vinicola “Claudio Quarta Vignaiolo”; Silvia Perrone, ballerina e parte integrante del “Canzoniere Grecanico Salentino”. Ospite Vittoria Cisonno del Movimento Turismo del Vino Puglia. La cornice musicale sarà a cura di The Three Souls Soul, presenterà la serata la giornalistaAzzurra De Razza.
Terminate le premiazioni, la scena sarà tutta diAntonella Ruggiero. Toccherà infatti ad una delle voci più versatili del panorama musicale italiano deliziare il pubblico con l’atteso concerto nella storica piazza salentina. L’accompagneranno, sul palco di Guagnano, i musicistiMark Harris,Roberto ColomboeIvan Ciccarelli.
Il Premio Terre del Negroamaro è patrocinato da: Regione Puglia, Provincia di Lecce, Università del Salento, Camera di Commercio di Lecce, Coldiretti Lecce, Unione dei Comuni del Nord Salento. 
 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Sabato 29 e domenica 30 luglio torna a Guagnano la 37° edizione della storica sagra "Dell'Uva Cardinal e del Vino".
Era il lontano 1981 quando a Guagnano il locale comitato feste,  insieme ad un gruppo di produttori di uva, decise di creare la sagra in piazza. Fu la piazza il luogo scelto per una serie di motivi: come storico punto di ritrovo ma, al tempo stesso, come il punto dove i nostri agricoltori reclutavano i dipendenti a giornata per il lavoro nei campi. La piazza di Guagnano si vestiva a festa ed il colore predominante era il ROSSO PORPORA: da qui il nome di uva CARDINALE. Come raccontano i nostri produttori più anziani, infatti, il nome è  dovuto al fatto che il colore rosso dell'uva richiamava l'abito talare dei cardinali. Un'uva croccante e deliziosa che, al momento in cui si mastica, emana sensazioni e sapori che non si possono descrivere. Un' uva da tavola unica e dal sapore inconfondibile. 
Nel corso degli anni l'evento, per ragioni di sicurezza, è stato spostato presso largo Pertini di fronte alla villa comunale dove tuttora si svolge con cadenza annuale.
La sagra dell'uva cardinal e del vino è organizzata dalla Pro loco Guagnano 93 in collaborazione con il comune di Guagnano e presenta un programma bello e ricco, nelle due serate, di tanta buona musica, buon vino, divertimento per grandi e piccoli, e le buone prelibatezze gastronomiche locali come "li pezzetti" della Maria Scalinci.
L'evento ha inizio sabato 29 luglio con il concerto degli OPA CUPA del maestro Cesare Dell Anna, famosa band che unisce sonorità tipiche dell Italia del Sud e melodie balcaniche. Per i più piccoli ampio spazi con gonfiabili ed animazione a cura dell'associazione il paese dei balocchi. Domenica 30 luglio, invece, alle ore 20.00 vi sarà la gara della cassetta di "Uva Cardinal più bella" evento, questo, storico e tradizionale che nel corso degli anni ha visto i produttori sfidarsi fino alla fine.
Una tradizione oggi ancor più significativa ed emozionante in quanto l'uva è presente in quantità minore rispetto al passato ma sempre meritevole di amore e rispetto per la tradizione ed i sacrifici di tante generazioni che si porta dietro. Ricordo da bambino che, in questi giorni, Guagnano pullulava di mediatori e commercianti, provenienti da ogni dove, che facevano a gara tra chi doveva acquistare l'uva migliore. Basta chiedere all amico Angelo Suffianò, memoria storica dell uva cardinal e membro della giuria tecnica ad-onorem, per tuffarsi in un passato bello ed emozionante che difficilmente i nostri "figli-social" oggi possono comprendere! 
Alle ore 21.00 di domenica 30 luglio, dopo la premiazione, si esibiranno i Party Rock Salento con le loro parodie e, ad seguire, lo show di El Taxi e Street Angel con la loro musica 80-90, Reggaeton, pop e latina.
Nell'ampio spazio espositivo non mancheranno stand di artigianato locale, stand dedicati alla solidarietà ed al volontariato e, soprattutto, non mancheranno gli stand dei produttori dove poter acquistare la preziosissima e gustosissima "Uva Cardinal"  protagonista indiscussa dell'evento e regina di bellezza e di bontà.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
PORTO CESAREO (LE) Sabato 5 agosto p.v., ore 20:00, ai piedi dell’antica torre costiera di S. Stefano (meglio conosciuta come torre Chianca), il regista Marco Tullio GIORDANA riceverà la statuetta del dio Thot, simbolo dell’Alto Riconoscimento “Virtù e Conoscenza” che annualmente viene assegnato a chi con l’ingegno, il talento e la sua opera meritoria ha dato lustro alla terra mediterranea.
E’ stata una giuria presieduta dal Prof. Giuliano VOLPE (Presidente del Consiglio Superiore dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) ad assegnargli l’ambìto Premio per la sezione “Speciale Mare Nostrum” con la seguente motivazione: “Persona di alta moralità, appassionato regista e sceneggiatore, vincitore di quattro David di Donatello, per aver saputo affrontare e raccontare con originalità i temi della violenza, del terrorismo, del potere mafioso e dell’’immigrazione, marcando punti di vista, liberi da convenzioni, che destano da uno stato di indifferenza”.
La consegna del Premio sarà curata da Salvatore ALBANO (Sindaco di Porto Cesareo), Paola CAZZELLA (Assessore alla Cultura) e Cosimo Damiano ARNESANO (Ideatore e Direttore Artistico del “Virtù e Conoscenza”).
Nell’ambito della Cerimonia di premiazione, che segue quella già avvenuta nel mese di giugno per altre personalità, è previsto un dialogo-confronto tra il dott. GIORDANA, Enzo DEL VECCHIO (Giornalista RAI, già vincitore della passata edizione del “Virtù e Conoscenza”) ed Elsa Valeria MIGNONE (Sostituto Procuratore della Repubblica) sui temi dell’immigrazione, della criminalità e del terrorismo. Anche il pubblico potrà intervenire.
Atteso è l’intervento di due giovani salentini di successo: Francesco Giuseppe RAGANATO (Regista, vincitore del “Premio internazionale del documentario e del reportage mediterraneo” organizzato da RAI e CMCA di Marsiglia) ed Agnese CORRERA (Regista e sceneggiatrice a cui l’Associazione MediterraneaMente, grazie al contributo dell’Assessorato alla pubblica Istruzione della Regione Puglia, ha commissionato il documentario “Virtù e Conoscenza”).
Sarà la cantautrice Chiara PAPA ad aprire la serata con alcuni sui brani tratti dall’album “Donne” prodotto dall’etichetta “Dodicilune”. I balli e i canti della tradizione popolare salentina saranno invece eseguiti dalla band “Quelli della Taranta”.
Per l’occasione i responsabili del CEA (Centro Educazione Ambientale) accompagneranno i presenti a visitare la Mostra Archeologica “Storie dal mare di Porto Cesareo. La statua del dio Thot e le recenti ricerche di archeologia subacquea”, realizzata all'interno della torre Chianca dal Comune di Porto Cesareo in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Taranto.
Certamente un evento da non perdere; una serata all’insegna del grande cinema, della buona musica e della cultura mediterranea, da trascorrere piacevolmente in uno scenario paesaggistico d’incanto.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Al via oggi, 12 luglio, ad Acaya, la seconda edizione del festival di cinema francese 'Vive le cinéma', organizzato dall'Apulia Film Commission diretto da Alessandro Valenti, Angelo Laudisa, Brizia Minerva, e finanziato dalla Regione Puglia, che si concluderà nella giornata di domenica 16 luglio, in piazza Vittorio Veneto a Vernole.
La serata inaugurale vedrà la presentazione delle due giurie, quella dei lungometraggi, composta da Maya Sansa, Laure Marsac e Pietro Sermonti, guidata dalla regista e attrice Nicole Garcia, e quella riguardante i cortometraggi e documentari, composta da Càmelia Jordana, Syrus Shahidi e Mauro Marino, guidata dal regista, produttore, attore e sceneggiatore Ivan Taieb
Dopo la presentazione della giuria ci sarà un'esibizione di Raffaele Casarano e la prima proiezione, ossia il capolavoro di Alain Gomis "Félicité", fresco vincitore dell'Orso d'Argento al Festival del cinema di Berlino.
Sulla scia del successo ottenuto l'anno scorso per questa manifestazione, continua e si cerca di ripetere la piccola rivoluzione culturale, sempre ad Acaya. Sono stati chiamati i nomi più importanti tra produttori, attori, giornalisti, musicisti, imprenditori francesi per cercare di trasformare un piccolo borgo del Salento nella capitale dell’industria cinematografica francese. 
Oltre alle proiezioni di anteprime internazionali, si svolgeranno dei masterclass a cura di Luca Bandirali, che avranno come protagonisti Bertrand Bonello, Nicole Garcia e Julie Bertuccelli.
L'ingresso è gratuito e il programma completo si può trovare sul sito http://vivelecinema-festival.com/

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

unnamed

Questo giovedì 6 luglio l'appuntamento è alle ore 21.15, presso il giardino delle Manifatture Knos di Lecce, per poter assistere alla performance finale del laboratorio "Dracula. Quanto sangue abbiamo regalato", diretto da Mauro Scarpa (regista, scrittore ed educatore). 

Dopo un anno di lavoro intenso sulle emozioni e l'intimità, partendo dal libro "Dracula" di Bram Stoker andrà in scena il primo studio con un testo liberamente tratto dall'opera di riferimento, scritto da Mauro Scarpa.
Durante il laboratorio, ospitato dalla sede dell'associazione SEYF, si è cercato di capire chi sia la concretizzazione di Dracula nella vita di ognuno di noi. Quel male silenzioso e subdolo, che cercando di sedurci con inganni e carinerie, ci lascia in continua attesa, prendendo tutto quello che abbiamo da offrire senza concedere mai niente di sè.
mauro scarpa
Le domande ricorrenti "Chi è per te Dracula? Per quanto tempo ancora gli concederai le tue vene senza protestare? Quanto è eccitante il pericolo?sono state le colonne portanti per tutti questi mesi, poiché ognuno ha sempre nel suo profondo la tentazione a cedere sopraffatto dal gusto del proibito e del pericoloso. Se questo percorso possa concludersi con una via d'uscita, trovata esclusivamente grazie ad una ferma lucidità resta da scoprirlo giovedì. Quello che è certo, come ha dichiarato Mauro Scarpa è che "non basta la paura a giustificare la resa".
Gli interpreti in scena sul palco delle Manifatture Knos saranno: Annalisa Caputo, Denise Colletta, Anna Conserva, Davide D'Onofrio, Dario Goffredo, Mauro Scarpa, Erika Serafini, Susanna Valzano
Posti limitati. 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Domenica, 02 Luglio 2017 12:09

Modena Park, il concerto dei record

Scritto da

"Qui si fa la storia" è questo il grido con cui 220 mila persone , l'1 Luglio 2017 si apprestavano a partecipare a quello che sarebbe stato uno tra i concerti più grandi di sempre.
Modena Park diventa così il concerto con più paganti al mondo, entrando di prepotenza nella storia della musica mondiale. Una carriera lunga 40 anni, quella di Vasco, ripercorsa da oltre tre ore e mezzo di grandi successi. Il concerto dei record, così come è stato definito, ha fatto vivere a chi c'era un susseguirsi di emozioni. Vasco dopo essere arrivato a Modena Park accompagnato da un elicottero, debutta su uno dei palchi più grandi di sempre (quasi 150 metri) con "Colpa d'Alfredo" ( in cui è presente un riferimento a Modena Park) per poi proseguire sulle note di "Bollicine", "Anima fragile", "Ogni volta", "Rewind" (durante la quale è andato in scena un flash mob in cui tutte le donne hanno tolto i loro reggiseni con la scritta "fammi godere" per poi sventolarli per aria), "Sally", "Liberi liberi", "Vivere" e tanti altri capolavori che hanno fatto la fortuna del Kom (ne sono stati eseguiti 39 in tutto). Negli interludi si sono poi esibiti due chitarristi storici della band di Vasco: Maurizio Solieri e Andrea Braido. Ha preso parte alla serata anche Gaetano Guerrieri frontman degli stadio che ha introdotto e suonato al pianoforte "Anima fragile".
Naturalmente, a concludere la serata non poteva di certo non mancare la sua amatissima "Albachiara", accompagnata da un grande spettacolo pirotecnino e una promessa: "Alla prossima".

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I loro video sono cliccatissimi sul web, la loro pagina facebook conta oltre centoquindicimila fans, vantano celebri collaborazioni e numerosissime ospitate, stiamo parlando dei Party Zoo Salento .
Nato da un’idea di Giampaolo Catalano nell’Ottobre 2011 , il gruppo comico è composto da Pasquale Zonno, Roberto Miceli, Franco Millelire, lo stesso Giampaolo e rappresenta, ad oggi, una delle realtà più riuscite ed affermate del nostro territorio.
Dopo il successo della loro prima parodia, sulle note della canzone dei Party Rock Anthelm (da cui trae ispirazione il nome del gruppo) , i Party Zoo Salento non hanno più smesso di far sorridere i loro numerosi fans.
Oggi i loro video sono richiestissimi e attesi da tutti, ricordiamo tra i principali : “El Pietrin”, “Duilio el Pizzarron”, “Beddhru Lecce Style”, “Il Re del web” e tanti altri.
Il loro ultimo video, all’insegna della promozione del Salento e delle sue bontà , ha superato le ottocentomila visualizzazioni su facebook , con la parodia della canzone vincitrice della 67esima edizione del festival di Sanremo, " Lu salentinu’s-panza".


Noi abbiamo avuto il piacere di fare una chiacchierata insieme a due di loro.


Come è nata la vostra collaborazione?

 

ROBERTO: "Veniamo da storie di vita differenti: Pasquale già faceva animazione come Zonno Cacudi in piazze e discoteche, mentre Giampaolo nasce come autore e attore, ha studiato a Roma per tanto tempo, io ho un percorso di teatro e villaggi turistici da cui l'industria mi aveva allontanato, e poi il ritrovarsi insieme è stato il treno da prendere per poter rigiocare con il palcoscenico, con le parrucche e con la telecamera".


PASQUALE: "Perché è uno zoo e fra animali ci si incontra" (ride, ndr).

 

Pur facendo ridere avete trattato anche temi importanti.

 

ROBERTO:" Recentemente abbiamo collaborato con entusiasmo con CUORE AMICO.
Giampaolo ha fatto una grande opera. E' stata una canzone orecchiabile, facile da canticchiare e con un bel testo dal gran significato. E' stato un progetto molto complicato perché non è facile mettere insieme varie personalità come i Sud Sound System, gli Apres la classe, Checco Lepore, capitano del Lecce calcio, gli Scemi Freddi e tanti altri. Le riprese sono durate una settimana e il fonico ha fatto una magia ottenendo un risultato emozionante.
Quello che più mi è piaciuto, è stata la commozione di chi si è rivisto alla presentazione.
Abbiamo trattato anche tanti altri temi importanti come quello che ci è stato commissionato per una conferenza stampa che aveva come tema "il pericolo del web nei vari settori" e noi abbiamo scelto il tema della pedofilia. Altri temi sono stati: la violenza sulle donne e il maltrattamento degli animali , in seguito ad un episodio (la storia di Angelo, cane ucciso di Sangineto).
In questo video molto cliccato, io fingo di picchiare l'amico a quattro zampe che in realtà è il mio ed era l'unico attore del gruppo" (ride, ndr).

 

Vi aspettavate questo successo?


ROBERTO:"Ci ha fatto molto piacere ricevere qualche complimento o qualche critica costruttiva da attori, registi o webstar più forti di noi".


PASQUALE: "Sicuramente è un bel fenomeno territoriale".

 

Da cosa nascono le vostre parodie?


PASQUALE:" Per quanto riguarda le battute presenti nelle parodie e nei video, la maggior parte sono di Giampaolo .
Lui prende ispirazione dalla vita reale e dai nostri personaggi, lui ti cuce le battute addosso.
E' lui l'autore , è lui che scrive, è lui che la cosa se la immagina".

 

Quali sono i personaggi da cui traete spunto?


INSIEME: "Sicuramente possiamo affermare che Lino Banfi sta a Roberto come Celentano sta a Zonno e De sica sta a Giampaolo".


Come siete sul set?

 

ROBERTO: "Pasquale è un "Trasformista muto," lui non caratterizza il personaggio per quello che è il personaggio stesso ma per il suo aspetto esteriore.
Non esiste in Italia un altro personaggio come Pasquale con tanta dedizione in quello che fa e una precisione maniacale".

 

PASQUALE: "Io credo che Roberto nella comicità sia il più bravo anche se spesso poi lo definiamo il "Comico serio " per via della sua serietà".


Un personaggio che suscita molta simpatia tra i vostri fans e sempre presente nei vostri video è Franco!


INSIEME :" Proprio così, Franco è noto come “Super Pecoratore “ ed è uno tra i pilastri del nostro gruppo.
Inoltre cogliamo l’occasione per citare e ringraziare anche tutti i nostri amici che compaiono in maniera ricorrente nei nostri video e chi invece lavora con gran pazienza dietro le quinte, come : Alessio Fularino e Roberto Tuttecose".

 

Quanto tempo impiegate a girare un video?

 

INSIEME: "Ci sono state volte in cui le riprese sono durate anche quattro o cinque giorni, mentre altre in cui sono durate quattro ore.
Dipende da quanti personaggi ci sono e cosa rappresenti nel video.
Ci sono riprese invece che son state effettuate anche con più camere in scena, mentre altre come nel caso dell’ultimo video ad esempio, che le riprese sono state fatte in sole tre ore con un iPhone".


Progetti futuri?


PASQUALE:" Sicuramente continueremo a fare serate per tutto il Salento, inoltre ci saranno tante novità: vi dico solo che ripartiranno i leccesi falsi e cortesi, ripartirà Trump, arriverà una nuova super parodia estiva e non vi dico altro".

 

Come possono due che nella vita fanno gli imprenditori prestarsi a girare video comici indossando parrucche e travestimenti?

 

ROBERTO:" Perché nella vita giochiamo a fare sul serio".

 

Di seguito rilasciamo il link :
-Della loro pagina Facebook : https://www.facebook.com/partyrocksalento/

-Della loro ultima parodia : https://youtu.be/NlujLOwAIJ8

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Sabato, 18 Marzo 2017 15:13

CAMPI SALENTINA RICORDA CARMELO BENE

Scritto da

Nel quindicesimo anniversario della scomparsa, Campi Salentina ricorda il suo cittadino più illustre Carmelo Bene con un seminario a cura  della compagnia Mura di Flamenco Andaluso e dell'istituto Galilei-Costa con il patrocinio del Comune presso la sede "Alessandro Volta". Il direttore artistico della compagnia Massimo Mura introduce la figura di Carmelo Bene accompagnato dall'ascolto delle poesie "la cornata e la morte" e "corpo presente" di Federico García Lorca  direttamente dalla voce di Carmelo Bene. Altre poesie sono lette da Denise Colletta. La parola passa al sindaco di Campi Salentina  Egidio Zacheo che  afferma:"L'importanza di portare Bene nelle scuole, affinché i ragazzi siano coscienti della grande eredità che hanno ricevuto. Dobbiamo essere capaci di maturare la consapevolezza del dovere che abbiamo di conoscere Carmelo Bene. A giorni istituiremo un bando per borse di studio sulle tesi che approfondiranno Carmelo Bene. Ancora non è considerato come di deve. Quando è stato inaugurato l'Apollo, non c'è stato un solo fugace rapido riferimento a Bene. Quando si inaugura un teatro qui, non si può non citare Bene. Non hanno nemmeno voluto dedicare il teatro . Noi lo faremo qui a Campi. Il primo teatro in Italia, forse il primo al mondo dedicato a Carmelo Bene. Non per esibirlo come una bandiera, lui è già una locomotiva! Va da solo! Consegnai le chiavi a Carmelo nel 95, purtroppo dopo non si è più valorizzata la sua figura. In una terra che lui amava. Una concittadina ha scritto una favola su Bene, l'ho pubblicata e distribuita a tutti i bambini. La cultura non vive nell'iperuranio, ma è materiale. Ringrazio la scuola, Mura, Vergallo, Nocera e Arnesano per questo loro contributo in questa scuola che amo molto. Nata perché ho vinto un braccio di ferro con la provincia".

Il seminario continua con gli interventi di Tarcisio Arnesano, amico di Carmelo Bene e del professore Vergallo Walter, critico letterario che individua dei parallelismi e dei legami tra Garcìa Lorca, Carmelo Bene, Leopardi e Pascoli. Conclude l'evento il professore Maurizio Nocera che ha esibito ai presenti delle pergamene appartenenti allo stesso Bene.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 16 Marzo 2017 15:04

LE VIE DEI PELLEGRINI CON RICCARDO RELLA

Scritto da

Sabato 18 Marzo nella seconda serata culturale alla Galleria “La Colonna” di Salice in via Vittorio Emanuele II, si affronterà l'affascinante tema dei Pellegrinaggio nell’antichità lungo la via Francigena, quel "Ponte tra Occidente e Oriente, tra cristianesimo e paganesimo" del medioevo che ha avuto nel Salento una delle mete principali di passaggio verso la Palestina. Ospiti della serata il professore Ezio Sarcinella, docente di matematica e fisica e Riccardo Rella, uno degli speleologi della famosa grotta dei Cervi e leader del gruppo escursionistico SpeleoTrekkingSalento di Lecce. La sala ospiterà le mostre allestite dagli artisti Sandro Greco, Le Thuy Ai, Isabelle Deledda.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 1 di 5

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi610
Ieri1702
Questa Sett.8216
Questo Mese14771
Totale1341458

Sabato, 21 Ottobre 2017 17:46

Chi è on line

Abbiamo 203 visitatori e nessun utente online