Musica
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Musica

Musica (105)

Si terrà venerdì 14 settempre la prima edizione del concorso di canto "A night for music", evento organizzato a scopo benefico in favore dell'associazione SMA.

Patrocinato dal Comune di Salice Salentino e con la collaborazione dell'associazione culturale Salic'è e dell'Avis di Salice Salentino, la serata verrà presentata da Davide Persano, Viola Simmini e Lorenzo Mazzotta.

Un concorso aperto ad ogni fascia d’età che vede in programma interventi di importanti realtà locali come la "Compagnia della Piccola Luna", Alessia de Blasi, Giovan Informazioni e "I ritmo binario".I partecipanti saranno valutati da una giuria competente che stabilirà quali saranno i primi tre finalisti che si contenderanno i posti nel podio.L'importante e lodevole serata di beneficenza avrà luogo presso il Centro Polifunzionale di Salice Salentino "Padre Benigno Perrone" alle ore 20.30.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
invito taranto copia
Si svolgerà sabato 9 giugno dalle 15.30 alle 16.15, al Circolo Ufficiali (Ta) la presentazione degli operatori del progetto "La chitarra che canta".
Il progetto del doppio album prodotto dall’etichetta indipendente “Compagnia Mura di Flamenco Andaluso”, con sede a Lecce, copre 45 anni di storia (dal 1958 al 2003) di canzoni d’Autore italiane e internazionali attraverso le cover interpretate in modo originale e suggestivo, col suo stile Classico e Flamenco, dal chitarrista compositore e autore Max Mura, associato Siae, che ha già eseguito in anteprima live una selezione di cover dell’album a settembre scorso nell’ambito del Festival MEI di Faenza. A cura della Compagnia Mura di flamenco andaluso. Con Maurizio Nocera (etnoantropologo e scrittore).

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

silviaaaa

Silvia Flores, una trentasettenne brindisina, che canta sin da bambina da qualche mese è online con il suo primo singolo “Lasciarti andare”. Scritto da Maurizio Musumeci (autore, tra gli altri brani, di “Parole in circolo” di Marco Mengoni) e arrangiato dal sassofonista e compositore Luca Manno (Vudz, Richie Stephens & The Ska Nation Band, Cesko & Banana Swing, Smoke & Fire band). Il singolo, prodotto da Fuzz Records, è accompagnato dal videoclip firmato da Islam Mohamed e girato nelle cave di Bauxite di Otranto.

Un love pop in cui la protagonista non riesce ad accettare la fine della relazione, che metaforicamente è da imputarsi alla pioggia. Un brano intenso ed emozionante eseguito da Cristian Martina (batteria), Marco Rollo (piano), Claudio Grasso (chitarra), Stefano Compagnone (basso).

 

Se dovesse descriversi al pubblico attraverso il testo di tre canzoni, quali sarebbero?
Silvia Flores: Sarebbero sicuramente: “Arriverà l’amore” di Emma Marrone, “Testarda io” di Iva Zanicchi e poi “Com’è straordinaria la vita” di Dolcenera.

Sono tre testi che racchiudono speranza nel futuro prevalentemente nell’ambito sentimentale, ma che hanno anche alcuni tratti orgogliosi, la ricerca di una soddisfazione personale. Devo dedurre che in lei convivano aspetti diversi, vari alti e bassi, malinconia ed entusiasmo... 
SF: Eh sì...sono stata sempre innamorata dell’amore. La mia speranza è che questo mondo cambi, che ci sia pace e che la gente si circondi di sentimenti puri, come l’amore, appunto. Nella mia esperienza sentimentale posso riportare molte delusioni, ma finalmente, proprio la musica mi ha fatto conoscere il mio attuale fidanzato Luca Manno (musicista ed anche arrangiatore del brano, ndr).

Ah, quindi Luca è anche il suo fidanzato, non ne ero a conoscenza! Crede che sia importante avere una passione in comune per far funzionare un rapporto in questo ambiente? Ho letto alcune discussioni che la riguardavano sui social, di gelosia e invidie, non è un mondo facile sicuramente..

SF: Sì, avere una passione in comune è molto importante, quasi fondamentale. Per quanto riguarda quelle discussioni, le gelosie e le invidie provengono da gente che neanche mi conosce personalmente, ma comunque com'è che si dice? Nel bene o nel male, purché se ne parli.

Certo. Da quello che ho potuto capire lei crede che l'amore vero sia più forte di qualsiasi cosa quindi mi auguro che sarà così anche questa volta. A proposito, nella sua canzone parla della non rassegnazione verso un amore finito. Le è capitato nella sua vita?
SF: Oh sì, certo. Magari fosse capitato solo una volta. Ma dammi del tu.

Ok Silvia. Se ipoteticamente dovesse succederti di essere costretta a scegliere tra l'amore e la carriera in ambito musicale tu cosa sacrificheresti?
SF:  Per come sono fatta io, di sicuro la carriera. Senza dubbio. L’amore per me è la cosa più importante.

Ho sperato fino all'ultimo che dicessi l'amore, ma sei davvero una delle ultime romantiche rimaste al mondo, al giorno d'oggi è così raro. Prima di salutarci dammi un motivo per il quale i nostri lettori dovrebbero guardare il tuo video musicale.
SF: Innanzi tutto perché la location è una delle più belle del Salento (Cave di Bauxite, ndr) e poi perché è fatto con impegno e passione. 

E amore?
SF: E amore, soprattutto – ride. Tutti possono immedesimarsi nel testo dato che è molto introspettivo, e si sa, i sentimenti sono universali.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Sabato, 01 Aprile 2017 10:45

Terra mia, omaggio a Pino Daniele

Scritto da

Il comune di Salice Salentino in collaborazione con la "Compagnia della piccola luna" presenta, questa sera alle ore 21.00, presso il centro polifunzionale "Padre Benigno Perrone", Terra mia, omaggio a Pino Daniele. 

Terra mia è un progetto musicale che nasce nel 2013, con l'intenzione di divertirsi con professionalità e gusto.

La band formata da sei musicisti, rigorosamente salentini, che hanno in comune la passione per il cantautore partenopeo e la gioia di suonare i suoi pezzi.

In scaletta non mancheranno i brani piu noti del grande Pino da NAPULE' a QUANN CHIOVE da CHI TENE 'O MARE a VIENT E TERRA.

Il professore Scandone  effettuerà la lettura di alcuni brani in prosa.

La voce è quella di RAFFAELE DEPALO, alla chitarra CLAUDIO GRASSO, ai sax tenore e soprano LUCIANO SCALINCI, al pianoforte GIANCARLO SCARDIA, alla batteria ROBERTO CATI, al basso FILIPPO MOTOLE. Ospiti della serata le cantanti STEFANIA TANZARELLA e DANIELA GRASSO.

Di seguito una dichiarazione dell'assessore alle politiche sociali, Margherita D'Amone.

"Continuano gli appuntamenti con la cultura e la musica.Un salice ricco di eventi importanti.

Una serata dedicata ad uno straordinario genio indiscusso della musica, che ha regalato un' importante chiave di lettura del mondo dei sentimenti e dell'amore. Un omaggio a Pino Daniele, la sua musica, il suo sound, le sue note, i suoi testi, riprodotti dai due grandi nostri Maestri Salicesi: Prof. Claudio Grasso e Prof. Giancarlo Scardia, che insieme ad altri grandi musicisti, emozioneranno il pubblico con le sue meravigliose canzoni.
Al centro polifunzionale questa sera ascolteremo e ci lasceremo avvolgere dalle note di questo musicista dal cuore profondamente blues.

Lasciamoci trasportare ancora una volta dalla sua grandezza e dalla bellezza delle sue canzoni.
Ringrazio il Prof Scardia, il Prof Grasso e tutti i grandi artisti che si esibiranno questa sera."

                                              

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Martedì, 07 Febbraio 2017 12:51

TANTI AUGURI KOM

Scritto da

Nasceva 65 anni fa, esattamente il 7 Febbraio 1952 a Zocca, una delle più importanti figure del rock italiano: Vasco Rossi.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il ritardo non conta, sì perchè quest’anno nonostante l’evento “SALICE JAZZWINE festival” si sia realizzato in versione invernale rispetto alle scorse edizioni svoltesi durante la prima settima di settembre, ha avuto ugualmente un successo strepitoso. A fare da palcoscenico alla serata è stato il centro polifunzionale ben allestito per l’occasione insieme ad un’atmosfera elegante e sofisticata in cui si potevano degustare i rinomati vini dell’azienda Leone De Castris e della Cantina di Salice Salentino, accompagnati dagli stuzzichini preparati e serviti dalla Casina Ripa. Il tutto allietato da un primo concerto di Roberto Ottaviano & Fabrizio Savino con “MirrorMirror, successivamente si è esibito Walter Ricci con “Tributo a Cole Porter”. Anche quest’anno il direttore artistico è stato Andrea Sabatino, ideatore del Wine Jazz Festival negli anni passati. La serata si è conclusa con una riffa a scopo di beneficienza dove il ricavato è stato devoluto all’associazione Smile per aiutare un nostro concittadino affetto dalla SLA. L’evento ha avuto non solo un valore artistico ma anche solidale.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Venerdì, 16 Dicembre 2016 09:25

XMAS GUITAR CONTEST

Scritto da

L' XMAS GUITAR CONTEST quest'anno è giunto alla sua nona edizione.
Sotto la guida del direttore artistico Stefano Sergio Schiattone si svolgeranno nei giorni 18-20-21-22-23 e 30 dicembre una serie di laboratori per chitarra classica e jazz, masterclass, seminari e concerti. L'Xmas Guitar Contest costituisce una cellula embrionale del Salento Guitar Festival, che già dal 2010 lascia il suo segno nel panorama musicale e culturale salentino incorniciato dalle location più belle della citta di Lecce e non solo.
Il calendario di questa nona edizione si articola in sei giorni. Nella prima serata sarà lo stesso direttore artistico ad inagurare il festival attraverso una sua performances. Le attività formative avranno luogo presso Il Teatrino dell'ex Convitto Palmieri dal 20 al 23 dicembre, con la Masterclass di chitarra jazz tenuta dal M. Nicola Cordisco , la Masterclass di chitarra classica ed acustica tenuta dal M. Stefano Sergio Schiattone ed il laboratorio “Giovane orchestra di chitarre” a cura di Daniele Vigna. Vi saranno diverse esibizioni tra cui il chitarrista Simone Manca, vincitore del concorso chitarristico internazionale del Salento Guitar Fesival ed.2015,il trio composto da Giuseppe Caggiula, Giacomo Carlino e Sara Schepis, e il duo Antonio Pisciotta e Fabio Casolaro. Mercoledi 21 e il 22 dicembre sarà dato spazio ai seminari su “La chitarra latino americana del primo '900” a cura di Francesco Vaglio, e “ Tecniche di ripresa audio degli strumenti acorde” del M. Giuseppe Spedicati, direttore del Conservatorio T. Schipa di Lecce. Questa nona edizione del Xmas Guita Contest terminerà nella bellissima cornice del Teatro Comunale di Galatone con il “Galà degli Auguri” in cui saranno ospiti il chitarrista Nicola Cordisco, il bassista Daniele Marcianò, Fulvio Panico alle percussioni, e la voce di Clarissa Colucci.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 15 Dicembre 2016 13:35

Emozioni a Salice Salentino con Jazzwine Festival

Scritto da

Un momento di incontro tra suoni e sapori ricercati dove ci si immerge dando sollievo ai sensi è il Salice Jazzwine Festival. Ritorna con la nona edizione l'appuntamento salentino con raffinati autori ed interpreti jazz contemporanei. La rassegna, che come sempre si avvale della direzione artistica del musicista Andrea Sabativo, si svolgerà venerdì 16 dicembre a Salice Salentino, all’interno del Centro Polifunzionale “p. Benigno Perrone”. Alle 21 ci sarà la performance del sassofonista Roberto Ottaviano in coppia con il giovane chitarrista Fabrizio Savino che presenteranno “Mirror Mirror”; a seguire alle 22.30 la travolgente ed impetuosa voce di Walter Ricci, accompagnato dal trombettista Andrea Sabatino e dal pianista Domenico Sanna, uniti in un eccezionale quintet al bassista Daniele Sorrentino e all’eccentrico batterista Dario Panza. Oltre al jazz, protagonista della serata sarà anche il vino Dop "Salice Salentino". Promossa dal Comune di Salice, dal GAL “Terra d’Arneo”, dall’ACSI e dall’Associazione “Suonjmprovvisi”, con la collaborazione dell’Associazione “Fotofucina” e con il sostegno dell’azienda vitivinicola Leone de Castris, dell’Industria colori “Duriplastic” (partners storici dell’evento), dell’Agenzia Lecce Sud “Reale Mutua”, della Monteco e di Viosonottica Ingrosso di Campi Salentina, la rassegna ha l’obiettivo di promuovere la conoscenza del magico mondo jazz, valorizzando l’eccellenza vinicola prodotta nell’area della Dop “Salice Salentino”. Le diverse etichette previste per la degustazione dei pregiati rossi, saranno offerte dalla Cantina cooperativa di Salice e dall’antica azienda vitivinicola “Leone de Castris”.

Sarà un jazz club esclusivo, con un connubio straordinario tra l’ottimo vino e le straordinarie note del jazz - spiega Mimmo Arnesano per l’organizzazione - cercheremo di offrire, ancora una volta,  uno spettacolo di classe e una serata magica, in questo appuntamento diventato ormai una tradizione. La sinergia tra l’Amministrazione Comunale di Salice, il GAL Terra d’Arneo e le Associazioni del territorio (ACSI, Suonjmprovvisi e Fotofucina) è sintomo di un dialogo sempre crescente che non può mancare nella valorizzazione del territorio e delle sue peculiarità”.

Info e prenotazione tavoli: 3296531651

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Venerdì, 14 Ottobre 2016 10:14

A Strings' Dramedy, la storia di una marionetta libera

Scritto da

Esce il nuovo album dei Macaria, gruppo musicale di giovani salentini con età compresa fra i 23 e i 27 anni, "A Strings' Dramedy", concept album caratterizzato da una critica sociale allegorica e a tratti grottesca. L'album racconta la storia di una marionetta che prende vita nel bel mezzo di una rappresentazione teatrale in cui essa era utilizzata. I fili che la tenevano legata si staccano improvvisamente, catapultandola da una situazione di schiavitù ed incoscienza alla libertà assoluta, ciò la porterà ad avere una percezione unica del mondo che la circonda. Inizia a muovere i primi passi in un mondo a lei completamente ignoto, fino ad arrivare al desiderio di far parte di quel mondo così vivo e dinamico. Questo la porterà a sperimentare le varie fasi della crescita e dell'integrazione all'interno della società, cosa che per lei sarà impossibile a causa della sua visione distorta degli ambienti che si troverà a frequentare, infatti ai suoi occhi le varie strutture sociali appaiono distorte e popolate da personaggi grotteschi che si comportano in modo incomprensibile. La sua visione allucinata della società la porterà quasi sull'orlo della follia e le farà quasi desiderare di ritornare incosciente e legata sul palco.
Ma è lei ad avere una visione allucinata della società? O dal suo punto di vista, completamente puro e libero riesce a vedere il vero volto delle persone?!
La proposta musicale di A Strings' Dramedy è un Folk/Death Metal con una forte componente sinfonica, in cui si alternano ritmiche violente, cori dal carattere epico, fraseggi folk e molte altre influenze.

 

 

Mcr bandChi sono i Macaria
Il progetto Macaria nasce nell’estate del 2009, sotto l'iniziale nome di Folkentroll, da un’idea di Marco Carangelo (chitarra) e Luca De Marco (basso). Dopo aver reclutato Federico Mauro alle tastiere e Luca Casto alla batteria il combo inizia subito a comporre i suoi primi pezzi alternandoli a cover dei finnici Korpiklaani. Di questi ultimi riprendono l’atmosfera festaiola sostenuta da una corposa sezione ritmica che richiama lo Speed/Thrash metal.
Pochi mesi dopo, appena dopo l’ingresso di Lorenzo Manco come cantante, la band inizia un’intensa attività live nei locali ed in diverse manifestazioni della zona.
In sala prove intanto continua un costante lavoro di composizione che porterà ad un sound più complesso, aperto a nuove sperimentazioni e con richiami Progressive. Complice di ciò è anche l’entrata in formazione del secondo chitarrista Davide Pastore.
Nell’estate del 2011 la band entra in studio per registrare il suo primo album intitolato “Jester of chaos” che raccoglie i migliori pezzi composti finora.
Nel 2013 la band decide di abbandonare il nome Folkentroll, a favore dell'attuale Macarìa. Con questo nome iniziano i lavori per il loro primo album, nel quale le vecchie sonorità vengono miscelate con una nuova componente symphonic death e varie altre influenze, cercando di superare ogni restrizione di genere.
A febbraio 2015 entrano nel Newstar REC Studio di Torre Lapillo per registrare il loro primo full-length “A Strings' Dramedy”, un concept album basato su una critica sociale in chiave allegorica.
A Maggio 2016 firmano con l'etichetta romana Revalve Records ed attualmente sono in attesa di annunciare la data di rilascio dell'album.

Lineup

Lorenzo Manco (Voce)

Federico Mauro (Tastiere)

Davide Pastore (Chitarre)

Marco Carangelo (Chitarre)

Luca De Marco (Basso)

Luca Casto (Batteria).

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Martedì, 30 Agosto 2016 18:42

8 Settembre: MERAVIGLIOSO a Salice Salentino

Scritto da

Torna a Salice Salentino l'ultimo spettacolo realizzato dalla Compagnia della Piccola Luna (Cast Senior): MERAVIGLIOSO - Storia d'amore e di guerra. E’ una storia originale ambientata nel periodo della Seconda Guerra Mondiale che fa da sfondo ad una semplice storia d’amore tra due ragazzi appartenenti alla cultura e alla società di quel periodo, il tutto contrappuntato dalle bellissime canzoni di Domenico Modugno che non solo fungono da legame tra la narrazione ma ne rafforzano l’emotività e il sentimento. Il culmine e la vittoria del bene sul male e la valorizzazione dei buoni sentimenti dell’amicizia e della solidarietà. Qualche numero… Il Musical “Meraviglioso, storia d’amore e di guerra” è una grande produzione che prevede una grossa macchina organizzativa: 16 attori in scena; 35 costumi; 2 ore di musica; 15 persone di staff tecnico; 10 persone in camerino (trucco – parrucco – sarte ecc…) 1 cambio scena ogni 10 minuti! Insomma…grandi numeri per un grande spettacolo coinvolgente e commovente! Tempi: La durata dello spettacolo è di ore 2 circa con un intervallo di 10 min tra I e II atto. Il prezzo del biglietto è di soli 5 € ma potranno entrare gratuitamente tutti coloro che hanno conservato il tagliando dello spettacolo non effettuato il 25 giugno, in Piazza Fitto. E, a proposito di locationa, per la prima volta abbiamo deciso di utilizzare l'ampio spazio antistante la nostra sede, il parcheggio del Supermercato Dimeglio, in Largo Giudice Degli Atti.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 1 di 8

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi75
Ieri185
Questa Sett.75
Questo Mese4022
Totale1489025

Lunedì, 19 Novembre 2018 14:57

Chi è on line

Abbiamo 167 visitatori e nessun utente online