Letteratura
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 26 Luglio 2019 10:29

Non raccontarmi il cielo di Luigi Palazzo

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La poesia rappresenta da sempre dolce espressione dell'anima, ciò che si ha dentro e si vuol comunicare all'esterno.

E' così che Luigi Palazzo, giovane avvocato Salicese, ha voluto trasmettere attraverso le sue rime disegnando una mente che pensa e che, al contempo, sta già creando. Tra le righe si legge di vita e di morte, di sensibilità e di insensibilità, di valori, di speranza, tutto corredato di sentimenti, di emozioni e sensazioni.

Stasera, presso l'open space di Palazzo Carafa, alle ore 19 si potranno assaporare tutte quelle parole che parlano di vissuto, di esperienze, di un'anima pulsante, quella di Luigi Palazzo.

Alla serata parteciperanno Stefano Minerva (Presidente della Provincia di Lecce), Carlo Salvemini (Sindaco di Lecce), Salvatore Cosentino (magistrato e autore teatrale), Piero Manni (editore). Modererà lo scrittore GiacomoToma. Letture a cura di Ilaria Giannotta.

"Non raccontarmi il cielo" vi aspetta, non mancate.

Il libro. Il fiore della poesia di Luigi Palazzo sboccia sul terreno intellettuale e morale. È espressione vivente di umanità. La sua filosofia, mai disgiunta da un'anima pulsante, è metodo di umanizzazione. La sua rima è linfa per il pensiero. La raccolta, nella sua tripartizione, disegna una mente che mentre vive pensa e mentre pensa crea. L'autore pennella impressioni che uniscono filosofia e poesia, intese come autentiche espressioni del mondo del sensibile, e anche dell'insensibile. Per un canto della vita che si fa anche canto della morte. Mai disgiunta dai sentimenti, però. Si fanno poesia i pensieri, proiettati in tutte le direzioni possibili, soprattutto verso quelle più ricche di senso e di valore. Il senso della speranza, che non fa smettere “di guardare la luna e parlarci / anche quando scappa”; il valore della dignità, che ha “sguardo fermo, occhi onesti / il respiro affannoso di chi sta combattendo col mondo e sta vincendo, nonostante tutto”.

L'autore. Luigi Palazzo è nato a San Pietro Vernotico, in provincia di Brindisi, nel 1986, vive a Salice Salentino. Avvocato, autore di contributi giuridici su riviste di settore, è da sempre impegnato in progetti culturali e ha firmato testi e regie teatrali. Questa è la sua prima raccolta poetica.

 

 

Letto 147 volte Ultima modifica il Venerdì, 26 Luglio 2019 10:39

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Sandro Rizzo

Associazione Culturale Salic'è.

Testata Giornalistica Salic'è l'Espressino Quotidiano

https://plus.google.com/107487753267520857467

www.sali-ce.it
Altro in questa categoria: « Cartoline portoghesi #9 Mondego
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi0
Ieri126
Questa Sett.639
Questo Mese3165
Totale1536176

Sabato, 24 Agosto 2019 00:05

Chi è on line

Abbiamo 189 visitatori e nessun utente online