Letteratura
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Domenica, 02 Giugno 2019 12:34

Cartoline portoghesi #8 Mafia In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una delle cose più divertenti del vivere in un altro paese è entrare in un supermercato per cercare di capire come sono strutturati gli alimenti sugli scaffali, e quali sono i prodotti più acquistati dalle gente del posto. È una cosa che aiuta molto ad entrare in contatto con le abitudini degli indigeni e le loro tendenze. Ebbene, uno dei prodotti che non può mai ma proprio mai mancare nel frigorifero dei portoghesi non è il baccalà o le sardine, sebbene siano vendute in tutti i luoghi, in tutti i laghi, le zuppe e la tasquinhe. No. Il prodotto per eccellenza che non può mancare è il burro salato. Manteiga lo chiamano loro, che già solo a vedere la quantità che ne spalmano sulla fetta di pane per poter fare la torrada al mattino per la prima colazione, le arterie si rifiutano e non ti riprendi più. Ho detto burro salato perché il burro normale, quella senza sale, senza sapore per intenderci, insomma quello che usiamo noi in Italia è una rarità. Evviva la ritenzione idrica. Ancora mi chiedo come facciano ad essere così magri, probabilmente saranno le mille salite e discese, i gradini infiniti delle scale monumentali. Ovviamente subito dopo il burro c’è la fila per accaparrarsi il pane in cassetta – pão de forma – che all’inizio comprai pensando erroneamente fosse un tipo di pane dietetico, per poi scoprire solo dopo che la forma che intendono loro, chiamandolo così, è quella del quadrato. C’è in realtà anche la tipologia speciale per la torrada. E potevo non comprarla? La caratteristica di questa fetta di pane è che il bordo è il doppio di quella normale, giusto per dare uno schiaffo alle calorie. Comunque, essendo un’italiana atipica (non bevo caffè, e le mie coinquiline portoghesi o brasiliane che siano, mangiano molta più pasta di quanta ne mangi io) sono stata incuriosita dalla marmellata di pomodori. Ok, lo so che letta così lascia abbastanza perplessi, ma posso giurare che è addirittura più buona di quella alle fragole (ho sempre pensato che fosse troppo sopravvalutata). Facendo lo slalom tra le nonnine portoghesi (che certe volte, c’è da dire hanno più sprint dei ventenni del posto), mi ritrovo tra distese di bacalhau, sentendomi in colpa per ignorarlo (anche se dato il suo odore è abbastanza difficile), dirigendomi piuttosto al reparto dei surgelati, dove tra verdure abbastanza comuni, patatine, petti di pollo panati, rissois di camarrão, bolinhas de bacalhau (ancora) e coxinhas de frango, spicca lei, l’irreprensibile pizza con ananas e prosciutto. Per non parlare della versione pronta da mangiare, al reparto “ristorante”, arricchita con bellissimi sfilaccetti di pollo. Ananas e pollo. Sì. 
Penso che posso dirigermi verso la cassa, e grazie a uno scivolo fatto di SuperBock, Sagres (le loro birre tipiche), sidre di mele, Fanta all’uva,mango e maracuja (influenze brasiliane), atterro su dei sofficissimi pães de deus, e apro l’ombrello per pararmi dai pastel de nata confezionati in pacchi da otto. Ma un olezzo fortissimo mi costringe ad aprire gli occhi, perché la verità è che se non metti nel carrello almeno una ventina di denti d’aglio non sei nessuno. E men che meno un portoghese.

Letto 22 volte Ultima modifica il Venerdì, 05 Luglio 2019 12:42

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi122
Ieri150
Questa Sett.657
Questo Mese3288
Totale1531229

Venerdì, 19 Luglio 2019 14:34

Chi è on line

Abbiamo 366 visitatori e nessun utente online