Letteratura
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 29 Giugno 2018 16:37

Cartoline non spedite #48 Interruzione In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

bbbbbbb

Non può piovere per semp‒. Ecco che la fronte di Paloma era appena stata raggiunta da una gocciolina dispettosa e scongiurava ora tutti i piani fatti insieme a Jean. Avevano raggiunto il mare insieme ai loro sedici anni, con la fede e la scarsa lungimiranza di quell’età. Nessuno di loro considerava il potenziale destino avverso, cullandosi soltanto sulle loro sensazioni e su di un raggio di sole flebile che ogni tanto tagliava le nuvole. Non pioverà, si erano detti. Credendoci davvero, perché le bugie migliori sono quelle a cui uno s’aggrappa come se fossero verità. La strada principale era stata imboccata grazie a uno scooter nero malridotto, ma abbastanza sicuro da rischiarsela per i soli quattro chilometri che li separavano dalla spiaggia. Lei aveva un vestitino leggero a fiori, di un azzurrino carta da zucchero. E il costume da bagno che si intravedeva sulle spalle scoperte prometteva l’accensione di voglie sopite. Le converse bianche, usurate dal tempo, ai piedi di lui, avevano accompagnato con grazia magistrale le salite e le discese sul pedale. Quella gocciolina dispettosa interrompeva ora non solo la frase a mezz’aria sulla bocca di Paloma, ma anche le labbra di Jean, che complici di una sincronia perfetta, avevano appena schioccato un bacio. E quello schiocco pareva avere lo stesso fragore di un tuono (che vi giuro, proprio in quel momento si era schiantato). La scena si interrompe così, in preda alla curiosità di chi, morboso vorrà saperne gli sviluppi, e gli imprevisti.
Cari voi, che vi siete apprestati ad arrivare fin qui, mi pare il caso di mettere in chiaro e illuminarvi, con molta stima, che la letteratura, quella che non rassicura, quella che ha molta fiducia in chi la legge, non offre soluzioni, né verità assolute, ma solo tanti dubbi. È un gioco, in cui voi siete complici, nel bene e nel male. E non basta possedere gli indizi per ricostruire la verità. Occorre affidarsi anche all’immaginazione, e fare i conti con i limiti del possibile, del reale; considerare le verità parziali, demistificare; esercitare la propria responsabilità individuale in quella ricerca profonda e mai finita.

 

Letto 332 volte Ultima modifica il Venerdì, 29 Giugno 2018 16:55

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi577
Ieri157
Questa Sett.577
Questo Mese5508
Totale1475892

Lunedì, 24 Settembre 2018 19:23

Chi è on line

Abbiamo 164 visitatori e nessun utente online