Letteratura
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 08 Giugno 2018 17:52

Cartoline non spedite #45 Congiunzione In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

tumblr n3s1paDIKL1s2rrw7o4 640

L’improvvisazione mi è difficilissima sulla scena, e mi riesce benissimo nella vita. È che in uno dei due luoghi non mi perdonerei mai di poter ingannare qualcuno. Allora i pensieri nella mia testa creano un grande garbuglio, e complicano quello che dovrebbe essere semplice, così semplice da diventare complicato. Non dirò mai in quale dei due posti io imponga continuamente a me stessa l’autenticità, perché i misteri sono una tra le miriadi di cose ad affascinarmi, da che ne ho memoria. Funzionano solo nei romanzi, però.
Conto fino a tredici prima di addormentarmi, anche se spero sempre di arrivare fino al diciassette. E a volte mi capita di essere ancora sveglia, ma ricomincio da capo. Volevo nascondere tra le mie frasi degli esempi di ridondanza, di modo che se qualcuno dovesse mai leggerle ne sogghignerebbe.

Ho rincorso una bambina che aveva perso un peluche grigio proprio sulla mia traiettoria, e lei non se n’era neanche accorta. (Metto la virgola prima della congiunzione perché so che si può fare, ma soprattutto perché so che a te dà fastidio, e se non posso più tediarti alzando gli occhi all’insù, permettimi almeno di prendermi questa piccola concessione.) Comunque la mamma della piccola mi ha ringraziato tantissimo, come se avessi salvato il mondo. E magari chissà, l’ho salvato davvero, quantomeno il suo.
Cammino sulle punte, e sono abituata a sopportare tanto e per un lungo periodo di tempo, ma quando decido di smettere, smetto davvero. E per sempre. Con estrema grazia, sia chiaro. Quella grazia che ha permesso ad alcuni di odiarmi, perché non potevano realmente odiarmi. Ed ha permesso ad altri anche di tornare. Più volte. Così come si torna sempre nei posti in cui si è stati bene, tu mi hai mostrato che si torna sempre anche nei posti in cui si è stati male, per capire che tutto è davvero superabile. (Tutto tranne quello che non siamo riusciti a risolvere.) Ma le persone non assomigliano a dei cubi di Rubik, se possibile sono anche più complicate. E io lo ben so. Non posso più perdere il mio tempo appresso a dei crudeli sociopatici pronti a demolire qualsiasi cosa (seppur le loro visioni utopistiche). Meno male che esistono gli occhioni di personcine squisite a ricordarmelo. E quindi ciao, molti baci e cari saluti. Cìbìcìerre.  

Letto 373 volte Ultima modifica il Venerdì, 08 Giugno 2018 18:16

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi11
Ieri404
Questa Sett.1114
Questo Mese4051
Totale1466394

Sabato, 18 Agosto 2018 00:26

Chi è on line

Abbiamo 149 visitatori e nessun utente online