Letteratura
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 29 Dicembre 2017 20:54

Cartoline non spedite #22 Senza titoli (di coda) In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Non so se questa causa poi la vincerai, ma al momento sono in uno stato di diritto che mi fa sentire euforica ed esagitata. Ho un sorriso ebete su per la faccia, che mi è rimasto dagli ultimi dieci minuti e non credo mi passerà a breve. Per la strada fa un freddo fastidioso, almeno per me, ed i guanti non li ho presi. Vedo questi ragazzini che si baciano, con impudenza e trasporto ed in mano ho un sacchettino con dei profumi artigianali che provengono dalla Provenza. Un'amica che ho appena salutato, mi ha ricordato che la vita può essere altro da quello che si era immaginato o programmato. Io per esempio, potrei raccontarti che ho uno sposo da cui ho divorziato e due figli già cresciuti. Ne arriverà una terza a breve, si chiamerà Sveva. E tornerò insieme al mio caro marito, fino ad arrivare alla pagina 99 del manuale della perfetta storia d'amore. In fondo, sono tutte storie d'amore. O quasi. Mi chiedo come sarebbe la mia vita se fossi alta un metro e novanta, con un due terni vincenti al Lotto. Prenderei un aereo solo per una notte insieme a te, ma dovrebbe essere quella definitiva, l'ultima (dell'anno, s'intende). Poi il giorno dopo andresti via, andrei via. Andrea l'abbiamo trovato per caso e per destino l'abbiamo vestito dei nostri rimpianti. Di sé e ma, di noi e mai.
Intorno a pagina 100 mi chiederò perché a volte ci concentriamo sulle mancanze di più o meno tutto il mondo, meno che le nostre e poi chiuderò il capitolo per non iniziarne un altro, visto che mancano solo pochi minuti a mezzanotte. Gli scaffali in libreria con scritto "ultimi arrivi" sono quelli che si consultano per primi ed io volevo un'edizione limitata che ormai è fuori commercio. Chissà perché mi viene il torcicollo quando ti sto ad ascoltare, anche se mi fai ridere, anche se hai gli occhiali e mi guardi dritto negli occhi. Mi devo spostare perché c'è una signora che sta scattando una foto insieme ad un'altra signora, mi pare francese, e io odio rovinare le foto degli altri. Ho un grande rispetto per chi è scattante, non si lascia sfuggire l'occasione. I fraintendimenti mi lasciano sempre un'aria abbastanza interrogativa, così come lo sguardo di disapprovazione sul tuo volto. Non dire niente, sbagliamo tutto. Non ci resta quasi nulla, solo pochi giorni. Siamo in cerca di una presa elettrica per ricaricare questa batteria morente. Poi si ricomincia. Noi dovevamo ancora iniziare. Un cane fiuta sul parquet e ci scivola sopra. Tienimi per mano. Se solo il mio cuore fosse di pietra, come la tua faccia. Amo gli elenchi dei propositi non rispettati e la scaramanzia, attesa, speranza, dell'oroscopo del nuovo anno. Io osservo le stelle, ma non le capisco. Vorrei altre storie, altri spazi, un altro Natale. Un cappello per uscire con tutti gli uomini della mia vita. I ricci di mare che non ho mai assaggiato, anche se me ne vergogno. Se torno a casa, ti chiamo. Se non ti chiamo è perché ho perso le chiavi. Tornerei indietro nel tempo solo per dirti che ci vediamo l'anno prossimo. Fuori, lungo un boulevard di Parigi, irriducibile, farai un gesto con la mano, come se avessi dato il via ad una corsa. Non ci avviciniamo troppo, fanno tutti abbastanza schifo da vicino. Sarà un pomeriggio lunghissimo, non mangiare pesante. Ridi della tragedia, ci sono così tante vite che non sono la tua. C'è un posto in cui io e tutte le cose che mi appartengono siamo legate strettissimo. Non so dove sia ma so esattamente com'è fatto. Ti è mai capitato? Detta così, non sembra avere molto senso. È un mondo spietato, metti la giacca e le mani in tasca. È raro che qualcuno scriva per noi, ma dove ci sarà carta bianca, io metterò una firma e traslocheremo insieme. Nascerà il quarto figlio, o foglio. Saremo infelici parecchie volte, mi taglierò i capelli e tutte quelle consapevolezze inutili. Chiuderò il libro e tornerò a mettere i piedi nelle pozzanghere. Non drammatizzare, non banalizziamo. Dammi solo ciò che è inessenziale. Sarà abbastanza. Nascondiamoci nelle ultime righe, i titoli non rimangono mai fino alla fine.

Letto 522 volte Ultima modifica il Domenica, 31 Dicembre 2017 17:22

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi974
Ieri449
Questa Sett.2022
Questo Mese4579
Totale1481854

Mercoledì, 17 Ottobre 2018 21:18

Chi è on line

Abbiamo 272 visitatori e nessun utente online