Letteratura
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Martedì, 26 Aprile 2016 09:35

LE SCRITTRICI ADRIANA DISO E VALENTINA PERRONE A “LA NOTTE DI INCHIOSTRO DI PUGLIA”

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Ieri, presso la Biblioteca Comunale di Taviano “Martino Abatelillo”, situata all’interno dell’antico Palazzo Marchesale, ha avuto luogo una delle 150 tappe, dal Gargano a Santa Maria di Leuca, de “La Notte di Inchiostro di Puglia”, appuntamento annuale, organizzato allo scopo di sensibilizzare la popolazione alla lettura, preso atto che la Puglia sia la Regione con il numero più basso di lettori in Italia.

13087308 868366459973931 3571026447844565888 n Per una serata librerie, caffè letterari, sedi associative, piazze e parchi dislocati in ogni angolo della Puglia e non solo, si sono trasformati in “Fortini Letterari” ospitando eventi in simultanea che hanno avuto un unico grande protagonista: il libro.

A Taviano, tre scrittori salentini, Walter Spennato, Adriana Diso e Valentina Perrone, accompagnati dall’ensemble Elvish Dream, hanno voluto concedere al pubblico momenti di pura emozione, grazie alla lettura delle più belle pagine dei loro ormai già successi editoriali.

Walter Spennato con il suo “ PSYCHO KILLER- Quanto mi dai se ti uccido? “ ha allietato la serata con il suo sarcasmo e il suo umorismo nero, all’insegna dell’originalità e di un modo di scrivere giovane e quasi vignettistico.

Valentina Perrone, con la profondità dei suoi racconti tratti dal suo “Caffè in ghiaccio con latte di mandorla” è riuscita ad emozionare e commuovere il pubblico fino alle lacrime, raccontando l’esperienza di vita donne coraggiose e dimostrando nuovamente il suo talento di scrittrice, con uno stile ben definito, un linguaggio ricercato ed una grande capacità di trasmettere emozioni.

Adriana Diso, con il suo “Monteruga. Frammenti di Memoria” ha riportato invece il pubblico indietro nel tempo,  in una realtà ormai cancellata per sempre, quella di un paese fantasma, Monteruga ma che, immortalata nel ricordo, rimarrà per sempre “il posto più bello in cui vivere”.

 

Letto 900 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Silvia Grasso

Laureata in Educatori Socio-Ambientali presso la Facoltà di Scienze della Formazione e Specializzata in Sociologia e Ricerca Sociale, presso la Facoltà di Scienze Sociali, Politiche e del Territorio.

Si interessa di turismo ed esercita da breve tempo l’attività di Assistente Turistico come libera professionista.

Innamorata della sua terra e sempre alla scoperta di nuovi luoghi interessanti dal punto di vista storico-culturale, si dedica spesso ad attività di ricerca e di ricostruzione degli aspetti antropologici, culturali e sociali del suo territorio.  I suoi hobbies sono la danza, in particolare la Pizzica e l’equitazione.

È spesso  impegnata anche in attività di volontariato.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi2
Ieri126
Questa Sett.641
Questo Mese3167
Totale1536178

Sabato, 24 Agosto 2019 00:35

Chi è on line

Abbiamo 237 visitatori e nessun utente online