Cultura
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Martedì, 26 Aprile 2016 09:41

TRADIZIONI POPOLARI

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il progetto SAC Folk in Tour, è il nuovo ed alternativo progetto del SAC (Sistema Ambiente e Cultura) Arneo e Costa dei Ginepri, partito venerdì 22 aprile con la sua ufficiale presentazione presso il Teatro Comunale di Nardò e che terminerà il 30 luglio 2016, a Copertino, dopo una serie di appuntamenti alla scoperta delle bellezze artistiche e delle tradizioni dei vari comuni che fanno parte di tale sistema. Il progetto prevederà diverse tappe. Quella del 27 aprile, presso l’Avetrana, il 1° maggio attraverso i territori dell’Arneo,, il 15 maggio a Nardò, il 19 maggio a Leverano, il 22 maggio a Galatone, l’11 giugno si percorrerà nuovamente l’Arneo, in zona Boncore e “Santa Chiara”, il 19 giugno a Manduria, il 25 a Veglie, il 1° luglio a Salice Salentino in occasione della 339° Fiera Mercato “Madonna della Visitazione”, il 7-8-9 luglio a Galatina, il 15 luglio a Nardò e il 16 e 30 luglio a Copertino. Il progetto non prevede il classico percorso attraverso le bellezze architettoniche e paesaggistiche dei vari paesi, ma utilizza un approccio al territorio in una chiave del tutto originale, una lettura fatta da un altro punto di vista, quello della storia delle tradizioni del luogo, ricostruita attraverso la musica, la letteratura, la poesia. Molto infatti, dei luoghi, ci narra la poesia che spesso porta alla luce episodi sconosciuti, appartenenti alla tradizione orale o addirittura descrizioni di luoghi ormai perduti per sempre. Si tratta di documentazioni storiche nel vero senso della parola, ma che raccolgono anche l’insieme delle sensazioni e delle emozioni vissute da uomini e donne in altre epoche storiche e che ci raccontano dei loro sentimenti, del loro modo di vedere la vita e di leggere la realtà.

Il progetto, realizzato grazie al lavoro della cooperativa Fluxus e di MeditFilm, ha ospitato, per la sua apertura, il Presidente del Gal Terra d’Arneo Cosimo Durante, l’Assessore alla Cultura di Nardo, Mino Natalizio, l’Antropologa Francesca Casaluci di Galatina, la rappresentante del Consorzio Produttori Vini di Manduria Anna Gennari, la Sociologa Silvia Grasso da Salice, l’ingegnere Giuseppe Manisco di Galatone e il cantante e ricercatore di Nardò, Dario Muci, alla presenza del moderatore, il giornalista e musicista Giuseppe Tarantino.

Il percorso su Salice, avrà inizio dal Centro Espositivo, luogo restaurato recentemente grazie ad un finanziamento del GAL Terra d’Arneo, vetrina delle maggiori aziende del settore enogastronomico locale e dei loro prodotti, all’interno della quale sarà possibile conoscere e degustare i sapori della nostra terra.  La storia di Salice Sal.no, infatti, è la storia della sua tradizione contadina e affonda le sue radici nel lavoro agricolo che scandiva la vita dei suoi abitanti e la stessa organizzazione della società. Per questo, la visita prevederà momenti di riflessione e la lettura delle più belle poesie degli autori locali al fine di comprendere quell’agri-cultura che ha portato Salice a diventare uno dei maggiori produttori nel settore vitivinicolo mondiale.

Importante anche la visita al Chiostro del Convento “Madonna della Visitazione” appena restaurato e ricco di affreschi risalenti al XVII sec. e recentemente riportati alla luce.

La visita al Convento e tutto il percorso si avvarranno del contributo del famoso artista Enzo Fina, musicista e grande conoscitore della musica salentina e delle particolari sonorità del mondo contadino che ha riprodotto, attraverso la costruzione di suoi strumenti musicali particolari e della rivisitazione e composizione di alcuni brani di musica popolare, i suoni del mondo contadino, collegando la tradizione all’innovazione, in un mix ipnotico ed esplosivo, ricco di richiami ed evocazioni primordiali che rapirà il visitatore, trasportandolo in un mondo arcaico, ormai perduto per sempre. Ad accompagnare Enzo Fina ci sarà anche Claudia Tegas, attrice, cantante e cantastorie che eseguirà alcuni antichi brani di musica popolare.

 Il tour sarà organizzato entro il periodo fieristico, IL 1 luglio 2016, a partire dalle ore 18.00, nel corso dello svolgimento degli eventi previsti nel programma della 339° Fiera Mercato “Madonna della Visitazione”, detta e non a caso, la “Fera te li Culummi poiché aveva luogo proprio nel periodo di maturazione dei fioroni, dettiappunto culummi , che potranno essere degustati in piazza. Si potrà assistere, inoltre, al Canto della Salve Regina del maestro Angelo Luiso, che viene cantata nella storica Piazza Plebiscito, esclusivamente la sera dell’1 luglio, al termine della processione durante la quale viene accompagnato, per le vie del paese, l’unico complesso statuario raffigurante le due statue della Madonna della Visitazione e di Santa Elisabetta.

Necessaria risulta essere quindi la sosta in Piazza Plebiscito, per godere dell’ascolto di questo brano e per ammirare le sue bellezze architettoniche, come la meravigliosa facciata barocca della chiesa Santa Maria Assunta o Chiesa Madre, costruita nel XVIII sec., e la maestosa Torre dell’Orologio.

Letto 1181 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Silvia Grasso

Laureata in Educatori Socio-Ambientali presso la Facoltà di Scienze della Formazione e Specializzata in Sociologia e Ricerca Sociale, presso la Facoltà di Scienze Sociali, Politiche e del Territorio.

Si interessa di turismo ed esercita da breve tempo l’attività di Assistente Turistico come libera professionista.

Innamorata della sua terra e sempre alla scoperta di nuovi luoghi interessanti dal punto di vista storico-culturale, si dedica spesso ad attività di ricerca e di ricostruzione degli aspetti antropologici, culturali e sociali del suo territorio.  I suoi hobbies sono la danza, in particolare la Pizzica e l’equitazione.

È spesso  impegnata anche in attività di volontariato.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi5
Ieri126
Questa Sett.644
Questo Mese3170
Totale1536181

Sabato, 24 Agosto 2019 01:03

Chi è on line

Abbiamo 227 visitatori e nessun utente online