Cultura
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Cultura

Cultura (634)

Salice, sali-ce, salic'è, salicè, salicé, salice salentino, salento, informazioni, lecce, portale, associazione, cultura, sport, attualità, fotografia, ricette, ricette del giorno, ricette antiche, sport, calcio, bocce, torneo, acsi, campionato,

Lunedì, 12 Agosto 2019 14:07

Quattro Borse di Studio per Spazio Danza Due

Scritto da

4 borse di studio arrivano in casa Spazio Danza Due per Martina Pendinelli e Ludovica Scardia. 4 borse di studio arrivano in casa Spazio Danza Due per Martina Pendinelli e Ludovica Scardia. Nella ventiquattresima Edizione di "Danza si", il 9 e il 10 agosto a Lecce, la scuola diretta da Barbara Vullo si è aggiudicata ben quattro riconoscimenti per le due giovani allieve Ludovica Scardia (14 anni) e Martina Pendinelli (16 anni) in diversi settori. 2 borse di studio per ognuna sono state assegnate dai maestri Rosanna Filipponi e Gennaro Maione e Massimo Zannolla che hanno visto le ragazze alle prese con la danza classica, il Teatro Danza ed il contemporaneo. Un anno ricco di eventi per Spazio Danza Due, riconoscimenti, podi, 30 anni di attività della maestra Spazio Danza Due e oggi queste quattro borse di studio giunte in pieno agosto... Perché la danza non va mai in ferie!

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Venerdì, 26 Luglio 2019 10:29

Non raccontarmi il cielo di Luigi Palazzo

Scritto da

La poesia rappresenta da sempre dolce espressione dell'anima, ciò che si ha dentro e si vuol comunicare all'esterno.

E' così che Luigi Palazzo, giovane avvocato Salicese, ha voluto trasmettere attraverso le sue rime disegnando una mente che pensa e che, al contempo, sta già creando. Tra le righe si legge di vita e di morte, di sensibilità e di insensibilità, di valori, di speranza, tutto corredato di sentimenti, di emozioni e sensazioni.

Stasera, presso l'open space di Palazzo Carafa, alle ore 19 si potranno assaporare tutte quelle parole che parlano di vissuto, di esperienze, di un'anima pulsante, quella di Luigi Palazzo.

Alla serata parteciperanno Stefano Minerva (Presidente della Provincia di Lecce), Carlo Salvemini (Sindaco di Lecce), Salvatore Cosentino (magistrato e autore teatrale), Piero Manni (editore). Modererà lo scrittore GiacomoToma. Letture a cura di Ilaria Giannotta.

"Non raccontarmi il cielo" vi aspetta, non mancate.

Il libro. Il fiore della poesia di Luigi Palazzo sboccia sul terreno intellettuale e morale. È espressione vivente di umanità. La sua filosofia, mai disgiunta da un'anima pulsante, è metodo di umanizzazione. La sua rima è linfa per il pensiero. La raccolta, nella sua tripartizione, disegna una mente che mentre vive pensa e mentre pensa crea. L'autore pennella impressioni che uniscono filosofia e poesia, intese come autentiche espressioni del mondo del sensibile, e anche dell'insensibile. Per un canto della vita che si fa anche canto della morte. Mai disgiunta dai sentimenti, però. Si fanno poesia i pensieri, proiettati in tutte le direzioni possibili, soprattutto verso quelle più ricche di senso e di valore. Il senso della speranza, che non fa smettere “di guardare la luna e parlarci / anche quando scappa”; il valore della dignità, che ha “sguardo fermo, occhi onesti / il respiro affannoso di chi sta combattendo col mondo e sta vincendo, nonostante tutto”.

L'autore. Luigi Palazzo è nato a San Pietro Vernotico, in provincia di Brindisi, nel 1986, vive a Salice Salentino. Avvocato, autore di contributi giuridici su riviste di settore, è da sempre impegnato in progetti culturali e ha firmato testi e regie teatrali. Questa è la sua prima raccolta poetica.

 

 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Domenica, 09 Giugno 2019 12:37

Cartoline portoghesi #9 Mondego

Scritto da

Una delle cose più divertenti del vivere in un altro paese è entrare in un supermercato per cercare di capire come sono strutturati gli alimenti sugli scaffali, e quali sono i prodotti più acquistati dalle gente del posto. È una cosa che aiuta molto ad entrare in contatto con le abitudini degli indigeni e le loro tendenze. Ebbene, uno dei prodotti che non può mai ma proprio mai mancare nel frigorifero dei portoghesi non è il baccalà o le sardine, sebbene siano vendute in tutti i luoghi, in tutti i laghi, le zuppe e la tasquinhe. No. Il prodotto per eccellenza che non può mancare è il burro salato. Manteiga lo chiamano loro, che già solo a vedere la quantità che ne spalmano sulla fetta di pane per poter fare la torrada al mattino per la prima colazione, le arterie si rifiutano e non ti riprendi più. Ho detto burro salato perché il burro normale, quella senza sale, senza sapore per intenderci, insomma quello che usiamo noi in Italia è una rarità. Evviva la ritenzione idrica. Ancora mi chiedo come facciano ad essere così magri, probabilmente saranno le mille salite e discese, i gradini infiniti delle scale monumentali. Ovviamente subito dopo il burro c’è la fila per accaparrarsi il pane in cassetta – pão de forma – che all’inizio comprai pensando erroneamente fosse un tipo di pane dietetico, per poi scoprire solo dopo che la forma che intendono loro, chiamandolo così, è quella del quadrato. C’è in realtà anche la tipologia speciale per la torrada. E potevo non comprarla? La caratteristica di questa fetta di pane è che il bordo è il doppio di quella normale, giusto per dare uno schiaffo alle calorie. Comunque, essendo un’italiana atipica (non bevo caffè, e le mie coinquiline portoghesi o brasiliane che siano, mangiano molta più pasta di quanta ne mangi io) sono stata incuriosita dalla marmellata di pomodori. Ok, lo so che letta così lascia abbastanza perplessi, ma posso giurare che è addirittura più buona di quella alle fragole (ho sempre pensato che fosse troppo sopravvalutata). Facendo lo slalom tra le nonnine portoghesi (che certe volte, c’è da dire hanno più sprint dei ventenni del posto), mi ritrovo tra distese di bacalhau, sentendomi in colpa per ignorarlo (anche se dato il suo odore è abbastanza difficile), dirigendomi piuttosto al reparto dei surgelati, dove tra verdure abbastanza comuni, patatine, petti di pollo panati, rissois di camarrão, bolinhas de bacalhau (ancora) e coxinhas de frango, spicca lei, l’irreprensibile pizza con ananas e prosciutto. Per non parlare della versione pronta da mangiare, al reparto “ristorante”, arricchita con bellissimi sfilaccetti di pollo. Ananas e pollo. Sì. 
Penso che posso dirigermi verso la cassa, e grazie a uno scivolo fatto di SuperBock, Sagres (le loro birre tipiche), sidre di mele, Fanta all’uva,mango e maracuja (influenze brasiliane), atterro su dei sofficissimi pães de deus, e apro l’ombrello per pararmi dai pastel de nata confezionati in pacchi da otto. Ma un olezzo fortissimo mi costringe ad aprire gli occhi, perché la verità è che se non metti nel carrello almeno una ventina di denti d’aglio non sei nessuno. E men che meno un portoghese.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Domenica, 02 Giugno 2019 12:34

Cartoline portoghesi #8 Mafia

Scritto da

Una delle cose più divertenti del vivere in un altro paese è entrare in un supermercato per cercare di capire come sono strutturati gli alimenti sugli scaffali, e quali sono i prodotti più acquistati dalle gente del posto. È una cosa che aiuta molto ad entrare in contatto con le abitudini degli indigeni e le loro tendenze. Ebbene, uno dei prodotti che non può mai ma proprio mai mancare nel frigorifero dei portoghesi non è il baccalà o le sardine, sebbene siano vendute in tutti i luoghi, in tutti i laghi, le zuppe e la tasquinhe. No. Il prodotto per eccellenza che non può mancare è il burro salato. Manteiga lo chiamano loro, che già solo a vedere la quantità che ne spalmano sulla fetta di pane per poter fare la torrada al mattino per la prima colazione, le arterie si rifiutano e non ti riprendi più. Ho detto burro salato perché il burro normale, quella senza sale, senza sapore per intenderci, insomma quello che usiamo noi in Italia è una rarità. Evviva la ritenzione idrica. Ancora mi chiedo come facciano ad essere così magri, probabilmente saranno le mille salite e discese, i gradini infiniti delle scale monumentali. Ovviamente subito dopo il burro c’è la fila per accaparrarsi il pane in cassetta – pão de forma – che all’inizio comprai pensando erroneamente fosse un tipo di pane dietetico, per poi scoprire solo dopo che la forma che intendono loro, chiamandolo così, è quella del quadrato. C’è in realtà anche la tipologia speciale per la torrada. E potevo non comprarla? La caratteristica di questa fetta di pane è che il bordo è il doppio di quella normale, giusto per dare uno schiaffo alle calorie. Comunque, essendo un’italiana atipica (non bevo caffè, e le mie coinquiline portoghesi o brasiliane che siano, mangiano molta più pasta di quanta ne mangi io) sono stata incuriosita dalla marmellata di pomodori. Ok, lo so che letta così lascia abbastanza perplessi, ma posso giurare che è addirittura più buona di quella alle fragole (ho sempre pensato che fosse troppo sopravvalutata). Facendo lo slalom tra le nonnine portoghesi (che certe volte, c’è da dire hanno più sprint dei ventenni del posto), mi ritrovo tra distese di bacalhau, sentendomi in colpa per ignorarlo (anche se dato il suo odore è abbastanza difficile), dirigendomi piuttosto al reparto dei surgelati, dove tra verdure abbastanza comuni, patatine, petti di pollo panati, rissois di camarrão, bolinhas de bacalhau (ancora) e coxinhas de frango, spicca lei, l’irreprensibile pizza con ananas e prosciutto. Per non parlare della versione pronta da mangiare, al reparto “ristorante”, arricchita con bellissimi sfilaccetti di pollo. Ananas e pollo. Sì. 
Penso che posso dirigermi verso la cassa, e grazie a uno scivolo fatto di SuperBock, Sagres (le loro birre tipiche), sidre di mele, Fanta all’uva,mango e maracuja (influenze brasiliane), atterro su dei sofficissimi pães de deus, e apro l’ombrello per pararmi dai pastel de nata confezionati in pacchi da otto. Ma un olezzo fortissimo mi costringe ad aprire gli occhi, perché la verità è che se non metti nel carrello almeno una ventina di denti d’aglio non sei nessuno. E men che meno un portoghese.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Domenica, 26 Maggio 2019 03:45

Cartoline portoghesi #7 Supermercado

Scritto da

Una delle cose più divertenti del vivere in un altro paese è entrare in un supermercato per cercare di capire come sono strutturati gli alimenti sugli scaffali, e quali sono i prodotti più acquistati dalle gente del posto. È una cosa che aiuta molto ad entrare in contatto con le abitudini degli indigeni e le loro tendenze. Ebbene, uno dei prodotti che non può mai ma proprio mai mancare nel frigorifero dei portoghesi non è il baccalà o le sardine, sebbene siano vendute in tutti i luoghi, in tutti i laghi, le zuppe e la tasquinhe. No. Il prodotto per eccellenza che non può mancare è il burro salato. Manteiga lo chiamano loro, che già solo a vedere la quantità che ne spalmano sulla fetta di pane per poter fare la torrada al mattino per la prima colazione, le arterie si rifiutano e non ti riprendi più. Ho detto burro salato perché il burro normale, quella senza sale, senza sapore per intenderci, insomma quello che usiamo noi in Italia è una rarità. Evviva la ritenzione idrica. Ancora mi chiedo come facciano ad essere così magri, probabilmente saranno le mille salite e discese, i gradini infiniti delle scale monumentali. Ovviamente subito dopo il burro c’è la fila per accaparrarsi il pane in cassetta – pão de forma – che all’inizio comprai pensando erroneamente fosse un tipo di pane dietetico, per poi scoprire solo dopo che la forma che intendono loro, chiamandolo così, è quella del quadrato. C’è in realtà anche la tipologia speciale per la torrada. E potevo non comprarla? La caratteristica di questa fetta di pane è che il bordo è il doppio di quella normale, giusto per dare uno schiaffo alle calorie. Comunque, essendo un’italiana atipica (non bevo caffè, e le mie coinquiline portoghesi o brasiliane che siano, mangiano molta più pasta di quanta ne mangi io) sono stata incuriosita dalla marmellata di pomodori. Ok, lo so che letta così lascia abbastanza perplessi, ma posso giurare che è addirittura più buona di quella alle fragole (ho sempre pensato che fosse troppo sopravvalutata). Facendo lo slalom tra le nonnine portoghesi (che certe volte, c’è da dire hanno più sprint dei ventenni del posto), mi ritrovo tra distese di bacalhau, sentendomi in colpa per ignorarlo (anche se dato il suo odore è abbastanza difficile), dirigendomi piuttosto al reparto dei surgelati, dove tra verdure abbastanza comuni, patatine, petti di pollo panati, rissois di camarrão, bolinhas de bacalhau (ancora) e coxinhas de frango, spicca lei, l’irreprensibile pizza con ananas e prosciutto. Per non parlare della versione pronta da mangiare, al reparto “ristorante”, arricchita con bellissimi sfilaccetti di pollo. Ananas e pollo. Sì.
Penso che posso dirigermi verso la cassa, e grazie a uno scivolo fatto di SuperBock, Sagres (le loro birre tipiche), sidre di mele, Fanta all’uva,mango e maracuja (influenze brasiliane), atterro su dei sofficissimi pães de deus, e apro l’ombrello per pararmi dai pastel de nata confezionati in pacchi da otto. Ma un olezzo fortissimo mi costringe ad aprire gli occhi, perché la verità è che se non metti nel carrello almeno una ventina di denti d’aglio non sei nessuno. E men che meno un portoghese.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Un nuovo appuntamento con le pagine di Valentina Perrone. Sarà presentato venerdì 14 giugno alle 20 presso la Farmacia Letteraria Corte Grande di Martano, il romanzo della scrittrice e giornalista salentina, “Memorie di Negroamaro”.

Dopo i saluti della padrona di casa, la libraia Maria Assunta Russo, dialogherà con l’autrice Cristina De Vito. Il romanzo, pubblicato da Edizioni Esperidi, narra la storia di Alessandra, giovane docente di Filosofia che si trasferisce a Milano per insegnare in un liceo. La sua nuova vita, accanto al compagno Paolo, viene interrotta da una telefonata: poche parole del tutto inattese la riporteranno nella sua terra, il Salento, per risvegliare, in una manciata di giorni, un passato da cui credeva di essere guarita e per il quale perderà, forse, pezzi del suo presente.

Quello compiuto dalla protagonista è un viaggio a ritroso lungo pagine di ricordi indissolubili, in una terra fatta grande dalla sua gente, dai suoi frutti, dai suoi profumi, a cominciare dal Negroamaro, tassello indelebile delle sue memorie. Il libro, particolarmente toccante in ogni sua pagina, si è reso destinatario di numerosi riconoscimenti: primo classificato al Premio Letterario Internazionale Città del Galateo 2017, terzo classificato al Premio Presìdi del Libro Alessandro Leogrande 2018, terzo classificato al Premio Letterario nazionale Città di Taranto 2018, terzo classificato al Premio Letterario Internazionale Un libro nel Borgo 2018, menzione d’onore al Premio Letterario Nazionale Bari Città Aperta 2017.

Valentina Perrone, che collabora con Nuovo Quotidiano di Puglia, ha ricevuto numerosi premi non soltanto per i suoi libri ma anche per l’impegno in ambito culturale e nel volontariato. Nel 2015 ha pubblicato il suo fortunato libro d’esordio “Un caffè in ghiaccio con latte di mandorla”.

 

Il suo sito web: www.valentinaperrone.it.

(Foto di Salvatore Marcucci).   

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Adunanza Mistica” è il titolo del concerto che Juri Camisasca presenta per la prima volta in Salento, nel Chiostro del Convento dei Frati Minori francescani di Leverano (Lecce) venerdì 7 GIUGNO alle ore 20:30.“

Juri Camisasca è un cantautore di straordinaria sensibilità, compositore di musica sacra arricchita con arrangiamenti elettronici e raffinate sfumature dai toni sperimentali.

A tale passione per la musica, l'artista milanese affianca anche quella delle icone. Nel 1974 inizia la carriera con le prime sperimentazioni elettro pop in collaborazione con l’amico Franco Battiato, successivamente, a fine anni 70, l'artista milanese esce dalle scene musicali per 11 anni e diviene monaco benedettino. In questi anni di ritiro tra meditazione, preghiera, canto gregoriano, ricerca spirituale, si appassiona con grande maestria alla scrittura di icone sacre, opere che esprimono una splendida bellezza di forme e colori.

Torna sulla scena musicale passando dalla vita monastica condivisa alla vita ancora più solitaria, da eremita immerso nella natura alle pendici dell’Etna.I suoi album sono rare perle frutto di un percorso di ricerca interiore e di armonia con se stessi e col mondo e la sua penna raffinata nel tempo ha incontrato la voce di alcuni cantanti come Giuni Russo, PFM, Milva, Carla Bissi(Alice) e lo stesso Battiato.Attualmente presenta a livello nazionale ed internazionale il suo nuovo percorso artistico e musicale chiamato “Adunanza Mistica”, realizzato in trio con la tastierista Erika Lo Giudice e il percussionista Peppe Di Mauro. Dopo le tappe di La Valletta, Palermo, Bergamo e Milano approda a Leverano (Lecce).

Siamo lieti di promuovere a Leverano, il concerto di Juri Camisasca, musicista raffinato ed eclettico. L’evento “Adunanza Mistica”, che fa da cerniera tra la rassegna primaverile e quella estiva, si avvale anche della preziosa collaborazione della Comunità Francescana Leveranese e della partecipazione del coro Sidèreus di Leverano, il quale accompagnerà l’artista in alcuni brani, incarnando lo spirito del progetto; come recita il titolo stesso” - commentano il Sindaco di Leverano Marcello Rolli e l’assessore alla cultura Laura Giannotta – sottolineandone così la profonda valenza culturale ed artistica.Nella serata che precede il concerto, giovedì 6 giugno alle ore 20.30, ci sarà la possibilità di conoscere meglio l'artista Camisasca, attraverso la proiezione di alcuni estratti dal recente docufilm “Non cercarti fuori” sulla vita e percorso spirituale dell’artista, dialogando col giornalista Enzo Ferrari e i frati francescani. I due appuntamenti, che accompagnano la comunità leveranese nei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio di Padova, si svolgeranno presso il Chiostro del Convento Santa Maria delle Grazie e saranno ad ingresso libero.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Mercoledì, 22 Maggio 2019 11:04

"Non vergognatevi di me" raggiunge Salice Salentino

Scritto da
Venerdì 24 maggio alle ore 19.00, il giornalista e scrittore lametino Antonio Chieffallo, presenterà la sua ultima fatica letteraria Non vergognatevi di me, al Club Civico 5 di via Dante Aligheri a Salice Salentino. Introdurranno Cosimo Gravili, Presidente dell'associazione Vox Populi e Giovanna Politi, scrittrice. A dialogare con l'autore sarà la sociologa Silvia Grasso, il docente di Marketing del Territorio Ronny Trio e il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Tonio Tondo. Intermezzi musicali a cura di Domy Siciliano.
 
Il 20 dicembre del 1993, Leopoldo Chieffallo, allora assessore alla regione Calabria, viene arrestato a seguito di un’inchiesta sulla realizzazione di una strada. Il figlio Antonio, nel libro “Non vergognatevi di me” racconta quella che può essere definita una vera e propria odissea personale e familiare, vissuta nei quattro anni durante i quali si è svolta l’intera vicenda. L’aspetto giudiziario rimane sullo sfondo, per lasciare spazio agli episodi di vita quotidiana, raccontati senza filtri ed alcuna forma di alterazione della realtà. Il titolo del libro nasce da un episodio accaduto quattro giorni dopo la traduzione in carcere di Leopoldo Chieffallo, quando un agente penitenziario si presenta a casa con un biglietto indirizzato ai figli. All’interno del foglio, piegato in due, (che sarà la copertina del volume), tre righe con su scritto: «Non vergognatevi di me, sono innocente. Papà». Va sottolineato che non si è lasciato spazio ad elementi che potessero aprire dibattiti politici su quanto avvenuto nella stagione di mani pulite o su eventuali storture giudiziarie e questo perché il libro racconta semplicemente una storia umana che viene offerta alla riflessione ed alla curiosità dei lettori. Certo, il tema degli errori giudiziari ed anche della discussione su quanto accaduto nei primi anni novanta nel nostro paese finisce per affacciarsi nelle presentazioni che l’autore sta tenendo in tutta Italia. 
 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Lunedì, 20 Maggio 2019 23:05

Cartoline portoghesi #6 Pintxos

Scritto da

Alle sette del mattino la stazione São Bento di Porto è completamente deserta. O quasi. Sul mio volto ci sono tutti i segni della notte appena passata, nove ore in pullman, e la beffa è che per il mondo ora ho un’ora indietro, perciò di che mi lamento. Sono appena passata accanto a due ragazzi che hanno tirato una striscia di cocaina. Non mi era mai successo prima. Alle sette del mattino. Li ho guardati negli occhi e ridevano (quanto è grande la differenza tra chi ride sempre e chi è felice), ho provato un senso di nausea che quasi stavo per vomitare il pão com chouriço mangiato alle cinque del mattino, durante l’ultima sosta in autogrill. Il confine tra Spagna e Portogallo. Avresti voluto chiedere a questi ragazzi perché gli esseri umani hanno bisogno di scendere così in basso per sentirsi in alto. Quante dimostrazioni di esseri umani che non sanno fare altro che scendere in basso in questi ultimi giorni. Eppure solo dodici ore prima i miei occhi erano pieni di bellezza.

Che strano effetto vedere dal vivo le opere studiate sui libri. Ad essere sincera, alcune le avevo dimenticate. Ora che le ho viste con i miei occhi, difficilmente scorderò, soprattutto grazie ai commenti della gente. Il Guggenheim di Bilbao è come un elefante in una stanza di cristalli. Tutta l’architettura di questa città è sconvolgente. Surreale, sfrontata, ironica. Piena di vita, una culla di cultura. Ti ho pensato, ti sarebbe piaciuta. E con le luci accese, di notte, perfino romantica. Di quel romantico timido, che non t’aspetti, che non lo diresti mai. Di quel romantico tipico di chi s’innamora davvero (non plateale, sussurato, per paura di rovinare tutto. Che poi tutto si rovina comunque, ma questa è un’altra storia). Sarà che per me le città sono come delle donne, e Bilbao è stata quella che mi ha fatto pensare di voler iniziare una nuova vita insieme a lei (probabilmente perché sapevo che di lì a poco l’avrei lasciata). Chissà cos’è che ci fa commuovere. All’improvviso m’è venuta addosso una malinconia perché ho pensato che tutto quello che stavo vivendo non sarei mai stata in grado di descriverlo sufficientemente bene per far provare lo stesso sentimento di meraviglia, come se fossi una bambina di due anni che per la prima volta vede il mondo, e si sorprende di tutto. Che poi penso anche che bambina non sono più, e di cose (e brutture) ne ho viste ed è per questo che forse niente è mai abbastanza per sentirmi in pace e dire “okay, sono a posto così, grazie” e allo stesso tempo tutto è meravigliosamente brutale. Nel museo un ragazzo italiano ha detto ad un altro ragazzo “questo avrei potuto farlo io”, riferendosi ad un quadro di Lucio Fontana. E invece sai che c’è? Tu sei dall’altra parte, carissimo, e nessuno si ricorderà di te. Perché il punto non è tanto se avresti potuto farlo tu o meno. Il punto è che non l’hai fatto, ed ora sei qui a commentare sarcasticamente colui che invece è diventato immortale. E invece sai che c’è davvero? Neanche te lo dico, perché tanto finirà comunque tutto quanto. Forse è un male se vorrei comunque mangiarmi i chilometri pure se ci siamo persi di vista. Forse no. (E invece). Ogni città ha un qualcosa che vorrei vedere con te. Nel frattempo Simone, il poeta, si è sposato e qualcuno gli ha chiesto “Qual è la più bella poesia che hai scritto?”, lui ha risposto: non l’ho scritta, l’ho sposata. Esagerato lo so, ma rende bene l’idea di chi vorrei al mio fianco. E del perché non possa accontentarmi. Anche se mi manchi. La lingua conosce le rotte, mentre la vita continua. Ma anche lo stomaco ha fame e sebbene per me sia normalissimo farmi tre giorni senza dormire pur di conoscere una nuova cultura, torno a casa delusissima dai “pintxos” baschi – questi paninetti farciti in mille modi diversi che in realtà hanno lo stesso fottutissimo sapore e cioè ZUCCHERO CARAMELLATO. Mi faccio uno sfilatino coi pomodorini ciliegini, tonno, olio d’oliva e sale. Tanto sale. Mi apro pure una Super Bock, che m’è venuta voglia da quando ho varcato il confine e ho letto il cartellone super gigante che diceva “Sentivi la sua mancanza eh?” e dire che a me la birra neanche piace. Ma questa è diversa. Ecco. Amico mio, ti ho sentito triste ultimamente, brindo alla tua, dimmi che almeno tu sei felice. Non ho niente da dichiarare sulla geografia che divide le anime, canta in sottofondo Dimartino. E a te cosa importa di tutto se hai visto il mondo e non hai niente da chiarire, niente da dichiarare? Però dimmi almeno che sei felice, dico io.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Sabato, 11 Maggio 2019 20:49

MANOLO e i Wild Boys

Scritto da

“Ricordati di non dimenticare”, questo è il motto di Giulia Reale e, il sunto del suo nuovo racconto “Manolo e i wild boys”  pubblicato con “Edit Santoro”, Galatina.

Domenica 12 maggio 2019 alle ore 19.30 presso il Centro Studi "Don Tonino Bello" in Piazza San Nicola a Squinzano, Giulia Reale autrice del Libro "Manolo e i wild boys" racconterà la storia di Emanuele Vetrugno, boy scout novolese venuto a mancare  tre anni fa a causa di un incidente stradale.

L' autrice dialoghera'con Giovanni Rocca e il prof. Gianni De Pascalis. Venerdì 26 aprile presso la Caffetteria Normal situata a Taurisano si rammentera' la storia di Emanuele Vetrugno, boy scout novolese venuto a mancare  tre anni fa a causa di un incidente stradale.

“ Ho deciso di scrivere questa storia- dichiara l’autrice- nel momento in cui il fratello minore di Emanuele, Michele, mi ha fatto notare nel corso delle mie attività laboratoriali a scuola le similitudini con il fratello. Ma sono stati sostanzialmente gli appunti trovati su alcuni quaderni del ragazzo, che la famiglia Vetrugno mi ha concesso di visionare, a far nascere questo libro. È una storia che contiene un'altra storia tramite la quale il lettore può trarre le sue conclusioni:il libro non ha una fine. È il lettore a decidere il finale ”La storia, ambientata  a Novoli, ha inizio con uno dei suoi scritti intitolato “la partenza”. E già dall’ incipit si può evincere il temperamento e il pensiero del protagonista.  Coraggio, forza, altruismo, fede, amicizia e fiducia nel prossimo spolverati con un pizzico di creatività e passione per la musica sono i leitmotiv del racconto, “ingredienti” che contraddistinguevano Emanuele Vetrugno che, tra l’altro,  era un boyscout, un dj, un animatore.

“Manolo e i wild boys”  è una sorta di “racconto di bivacco” (racconto con una morale diffuso tra gli scout) che presenta Manolo, il suo modo di vivere la vita e di rapportarsi con il prossimo.  Chi legge la storia di Manolo può riflettere su diverse tematiche: -il  pensiero dei ragazzi nati  negli anni  ‘90, - lo scoutismo e il pensiero di Baden Powel,-il lavoro  dell’ animatore turistico,-i  valori, l’ amore, l’ amicizia, il lavoro spiegati da un giovane che sorrideva alla vita e, soprattutto, un ragazzo che sognava ad occhi aperti ed era sempre pronto a donare un sorriso a chi ne aveva bisogno.Inoltre, la storia è stata scritta dall’autrice non solo per ricordare un concittadino molto amato per il modo di essere e il suo operato, ma anche con un fine didattico, in quanto compare un’altra figura di rilievo nel racconto: Sara.

La descrizione dell’ incontro fortuito  con questa ragazza sfuggente e misteriosa, la sua presenza/assenza condurranno i lettori  a una riflessione più accurata sulla figura di Sara e sul sentiero della fantasia tanto amato da Manolo. Il racconto si chiude con il testo di una canzone scritta dall’autrice.

Per chi fosse interessato a conoscere la storia di Emanuele e avere una copia del libro può contattare tramite la pagina fb“Giulia Reale scrittrice”.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 1 di 46

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi6
Ieri118
Questa Sett.360
Questo Mese2886
Totale1535897

Giovedì, 22 Agosto 2019 02:33

Chi è on line

Abbiamo 236 visitatori e nessun utente online