×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 64

Sunday, 21 April 2013 22:00

Salice Salentino: le statue della SS.Verginee e di S.Elisabetta tornano al loro splendore

Written by
Rate this item
(1 Vote)

 

 

Ci sono voluti ben 9 mesi di restauro per restituire il gruppo statuario della SS.Vergine e di S.Elisabetta ai fedeli del nostro paese e riposizionare le due statue all'interno dell' antico convento dei frati minori.

Due statue a manichino di dimensione naturale, con quattro articolazioni sugli arti, risalenti alla prima metà del Settecento, molto probabilmente opera di maestri della scuola napoletana e completamente realizzate a mano.

Le due opere restaurate sono state esposte e presentate ieri sera agli occhi di tutti i cittadini presenti che hanno potuto ammirarle nella loro Sacra Eleganza.

 

Le due statue furono realizzate in maniera differente: mentre la testa della Vergine venne realizzata in carta pesta, quella di S. Elisabetta è in terracotta.

A volere la così detta copia “per i giorni feriali” è stato il Rev. Padre Guardiano del nostro Convento che, preoccupato del cattivo stato in cui erano le due statue, pensò bene di commissionare nel 1935 al pittore salicese Gennaro Fantastico la copia della testa di S. Elisabetta e ad un cartapestaio leccese la copia della testa della Vergine. Tale intervento è servito a preservare gli antichi manufatti lignei dal degrado che, inesorabilmente, avanzava.

La decisione di restaurare le due statue è stata presa nel momento in cui si è constatato che le struttura originale era degradata: il legno aveva subito l’aggressione massiccia delle tarme e si era indebolito a causa delle condizioni climatiche che ne avevano causato lo sfaldamento e la formazione di crepe ampie e profonde; lo strato preparatorio e cromatico, soprattutto su mani e alcune parti della testa, presentava infinite lacune e, i numerosi interventi di restaurazione eseguiti in tre secoli di storia, avevano modificato e compromesso l’integrità strutturale, cromatica ed estetica dell’intera opera.

Durante la serata sono intervenuti, oltre al Sindaco e all’Ass. Avv. Ruggeri che si sono detti orgogliosi del lavoro dei nostri compaesani, Rino Fantastico e Ciccio Innocente, principali attori della vicenda, in quanto sono stati proprio loro ad essersi prodigati nell’opera di ristrutturazione.

Rino Fantastico ha dichiarato “Mi fu chiesta la disponibilità di eseguire questo intervento e fui ben lieto di accettare la proposta perché sentivo il dovere di mettere a servizio della mia comunità tutta la mia esperienza e competenza per restituire ai simulacri parte della loro primordiale bellezza. A tutto ciò devo aggiungere, non per ultimo, la mia profonda devozione verso la SS. Vergine a cui ho offerto questo mio lavoro”.

Francesco Innocente, comunemente chiamato da tutti Ciccio, ha successivamente spiegato dettagliatamente tutti gli interventi da lui effettuati con maestria sulle statue ed ha poi recitato la poesia, di seguito riportata, scritta da un ignoto dopo aver vissuto il terremoto che vide coinvolto il nostro paese.

A nsonnu me nsunnai, iou ticu veru,

ca lu principiu ne speru e la fine.

Mò cuncurrimu a Matre mia ter Celu,

ci sulenziu me tati allu miu tire

iou bbu farò sintire nna storia bella:

parlu te tolugia nna cran littura.

Ci rusticu lu fazzu lu parlare,

egna Vinezia culla soa pittura;

maestri filoci te lu llitrattare

cu bbegnane ddipingane sta ficura.

Nissunu mestru nci puti arrivare!

Quannu ianca la viti, quannu scura

Sicunnu ci pe nnui face lu priare.

O piccatori, quanto simu sciocchi!

Pinsamu a llu miraculu ci è fattu.

Ci nu pe sta Cran Matre eramu muerti

Sutt’a lle petre senza sacramenti.

Lle quinnici te maggiu nn’attirrorre;

Salice a lle campagne se itìa.

Ceddhi se llamintau, c’ibbera tannu.

Cce fruttu ci nne inne quiddha tia!

Cce fruttu ci nne inne quiddha tia,

e ci me lu mannau? Lu Patreternu!

Li campanieddhi a ll’artare maggiore

Suli se la faciane nna sunata,

lu vicariu rrumase a confusione,

rrumase culla pretica ncignata.

Puru lu Sinnicu ru dilettu amore

A Diu cilebra la missa cantata

O populu te Salice, aggi tolore

Mo ci la ire te Diu già s’è parata!

Ci ole razzia cu bbegna te primura,

Salice, se ddummanna, a stu Casale,

c’a’llu Cumentu s’è dipinta sula

c’Isitazione se ose ntitulare.

Nnu sagerdotu te lintanu locu,

è fattu otu cu bbegna a stu Cumentu:

è caminato tre giurni te puntu.

L’ha ‘lluminatu lu Spiritu Santu!

E, quannu rriau addentru allu Cumentu,

mmirau l’artare e rrumase te ncantu;

stupitu nne rrumase te lu Cumentu:

L’organa le cannile nn’armunia.

Cce ddiuzione c’ia stu schiricatu:

matina e sira ‘llu Cumentu scia pe visistare la matre te Ddiu.

Intra ll’acqua minau lu simminatu;

pe miraculu sua puru nascia.

Oh! Quantu è beddha sta Madre de Ddiu!

Matina e sira socchia ‘ll’aturamu,

ca figge nnu fruttu llu quale foi Ddiu;

tuttu lu munnu lu sta ttene mmanu.

Quatri nun nci nnete a stu cunturnu;

e mancu lu pittore serà bbiu,

ca ci era iu la sapia cuntare

comu se llitrattau Matre Maria.

Se llitrattau cu ll’arcu cilistriale;

scise te celu e morse lu pittore.

Ci la tice e ci la sente

quaranta giurni àe te turligenze;

ci la tice cu ttuttu lu core

‘se nn’àe mparatisu quannu more.

 

 

Foto a cura di Cecilia Leo

{gallery}/Attualita/Sociale/restaurazioneMadonne{/gallery}

 

Read 1770 times Last modified on Monday, 22 April 2013 14:29

Ingegnere Informatico, Valentina ha da sempre avuto predilezione per tutto ciò che riguarda il sociale, la cultura e lo sport.

Vicepresidente dell'Associazione Culturale fino a settembre del 2016.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi596
Ieri582
Total209135

Who Is Online

3
Online

21 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
15 September 2020
Cartoline non spedite
Oggi la cartolina non ha un o una protagonista con nome e cognome, chi l'ha scritta ha voluto mantenere l'anonimato, e potrebbe essere stata scritta in qualsiasi luogo dell'Italia, dell'Europa o del mondo, purché questo significhi essere circondati d...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account