×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Tuesday, 09 April 2013 09:32

Organizzazione internazionale del lavoro denuncia rischi di disordini sociali legati alla disoccupazione

Written by
Rate this item
(0 votes)

L’ILO (Organizzazione internazionale del lavoro) denuncia rischi di disordini sociali legati alla disoccupazione. Sono 26 milioni, dieci milioni in più che nel 2008. A rischio anche l'Italia

È  una piaga che sta raggiungendo dimensioni bibliche. È la disoccupazione che cresce in tutta l'Unione Europea con la conferma che l’Italia con il milione di licenziati nel 2012 è tra i Paesi più grandi quello che annaspa maggiormente nel dramma. Nell’ultimo semestre, infatti, un milione di europei hanno perso il posto di lavoro ed il numero complessivo dei disoccupati ha superato i 26 milioni, ossia 10,2 milioni in più rispetto al 2008 all'inizio della crisi.

Non lo dice un qualsiasi istituto di statistica, ma è  l'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) a lanciare l’allarme con un preciso riferimento al pericolo concreto dell'aumentato di disordini sociali, anche in Italia, ed esortando misure straordinarie ed urgenti sul mondo del lavoro.

L'Ilo è lapidaria nell’individuare le cause del fenomeno che è peggiorato a causa dell'introduzione di politiche di risanamento di bilancio, unite a misure di austerità che non hanno colpito le cause profonde della crisi tant’è che a confronto di altre macroregioni, l'Ue è quella che ha segnato "l'aggravamento più significativo del rischio di disordini sociali".

È evidente, quindi, che la disoccupazione ha continuato a crescere nell'Ue e non mostra segni di miglioramento nonostante una pausa nel 2010-2011. Nell’intera aerea solo cinque paesi su 27 (Austria, Germania, Ungheria, Lussemburgo e Malta) hanno visto i tassi di occupazione superare i livelli pre-crisi, mentre gli stati più colpiti come Cipro, Grecia, Portogallo e Spagna hanno visto il tasso di occupazione scendere di oltre il 3 % negli ultimi due anni.

Il Nostro Paese risulta nella graduatoria dei dieci dove la ripresa dell'occupazione è stata insufficiente per raggiungere i livelli pre-crisi.

Nella ricerca, l'Ilo osserva che con oltre 26,3 milioni di europei disoccupati (febbraio 2013), mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per ritrovare il tasso di occupazione anteriore alla crisi.

Ma lo studio segnala anche altri aspetti della questione come la disoccupazione di lunga durata, che "sta diventando un problema strutturale per molti paesi europei", l’aumento di chi non cerca più lavoro perché definitivamente scoraggiato ed un dato da non dimenticare mai, ossia gli "allarmanti livelli" della disoccupazione giovanile (23,5 %). In 19 Stati dell'Ue - dettaglia lo studio - oltre il 40 % dei senza lavoro sono disoccupati di lunga durata (12 o più mesi).

Ciò che colpisce, sottolinea Giovanni D'Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, è una delle conclusioni cui giunge l’ILO secondo cui è in aumento anche il rischio di disordini sociali, che stando alle ultime stime è del 12 % in più rispetto a prima dell'inizio della crisi. E tra i paesi che tra il 2010 e il 2012 hanno osservato il rialzo più acuto del rischio di disordini sociali c'e anche l'Italia, insieme a Cipro, Repubblica Ceca, Grecia, Portogallo, Slovenia e Spagna.

Risulta evidente che alla luce di tali dati occorrano misure urgenti e indifferibili che comportino una vera e propria svolta rispetto alle politiche sinora adottate specie per ciò che riguarda la cosiddetta austerity, che per Giovanni D’Agata è anche una sorta di bocciatura dei governi tra cui quello dei tecnici che ha governato l’Italia nell’ultimo anno. In tal senso, infatti, l’ILO sottolinea che "Se gli obiettivi di equilibrio di bilancio e di competitività sono importanti, è fondamentale non affrontarli attraverso misure di austerità e riforme strutturali che non affrontano le cause alla radice della crisi", occorre, al contrario, "una strategia incentrata sul lavoro in grado di rispondere a obiettivi macroeconomici e di occupazione". Tra le politiche auspicate: l'accesso al credito per piccole e medie imprese, contrastare la pressione al ribasso sui salari e l'impiego, il dialogo sociale e programmi per l'impiego dei giovani.

Read 1238 times Last modified on Tuesday, 09 April 2013 14:36

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi149
Ieri504
Total212066

Who Is Online

3
Online

27 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
15 September 2020
Cartoline non spedite
Oggi la cartolina non ha un o una protagonista con nome e cognome, chi l'ha scritta ha voluto mantenere l'anonimato, e potrebbe essere stata scritta in qualsiasi luogo dell'Italia, dell'Europa o del mondo, purché questo significhi essere circondati d...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account