×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Saturday, 23 March 2013 09:06

Anche la “Sport Running Salento” alla Maratona di Roma

Written by
Rate this item
(0 votes)

 

Il 17 marzo si è svolta a Roma una delle manifestazioni podistiche più partecipate sul nostro territorio nazionale.

La Maratona di Roma giunta  alla sua 19° edizione ha visto la partecipazione di circa 14.000 atleti tra italiani e stranieri provenienti da 81 paesi.                                                                                                          Il primo a tagliare il traguardo per la categoria maschile è stato  il 29enne Etiope Negari con  2:07:56, la prima per la categoria femminile è stata la 36enne Keniana Kirop con 2:24:40. E’ arrivata la terza vittoria anche per Alex Zanardi con l’handbike.

Infine, come da tradizione, dietro la maratona è partita la stracittadina di 5 km, la RomaFun, con oltre 40 mila persone al via.                                                         

Anche nell’animo di due nostri concittadini avvicinatisi da qualche anno al podismo agonistico è maturata l’esigenza di partecipare alla maratona più popolata d’Italia  e di provare l’emozione di correre per le strade della capitale. Si tratta del 37enne Francesco Matteo arrivato 754mo con un tempo reale di 3:12:24 e del 31enne Giannuzzi Diego arrivato 1810mo con un tempo reale di 3:29:26 entrambi tesserati alla “Sport  Running Salento” associazione podistica locale con a capo il presidente Carmelo Cairo, costituita da atleti salicesi e da una corposa  rappresentanza di atleti provenienti da altri comuni limitrofi.

Certamente sul luogo dove lo sport la faceva da padrone non poteva mancare il saluto affettuoso rivolto con degli striscioni al nuovo Vescovo di Roma, Papa Francesco.  

L’elezione del nuovo Pontefice è stato, infatti, l’altro evento che ha caratterizzato questa idilliaca giornata nella “Caput mundi”, in quanto ha fatto affluire nella capitale il popolo dei fedeli desiderosi di presenziare numerosi al primo angelus del nuovo Pontefice.

Nonostante la concomitanza di questi due grandi eventi la macchina organizzativa ha funzionato alla perfezione e puntuale è stata la partenza da Via dei Fori Imperiali alle 9.30 con un percorso modificato all’ultimo momento escludendo il passaggio dei maratoneti da Piazza San Pietro.

Le condizioni meteorologiche sfavorevoli, quali l’abbassamento della temperatura e la presenza del vento, hanno rallentato un po’ gli arrivi degli atleti, che comunque in tanti hanno tagliato il traguardo. 

<<Percorrendo le strade e le piazze della capitale, oltre ad assaporare il fascino della città eterna con i suoi monumenti e le sue opere architettoniche e della romanità presente in essa>> dicono i nostri atleti <<abbiamo constatato quanto dispendio di energie umane abbia contribuito alla buona riuscita della manifestazione: dall’impegno delle forze dell’ordine chiamate a gestire il traffico all’interno della città capitolina e a garantire l’incolumità degli atleti al lavoro del personale ausiliario posizionato sui vari e ricchi punti di ristoro, pronti a fornire assistenza e soccorso. Ma soprattutto abbiamo sentito il calore del popolo romano presente lungo tutto il percorso che incitava gli atleti a non mollare. Per quanto ci riguarda e stato emozionante sentire le grida di incoraggiamento di persone sconosciute che lungo il percorso gridavano il nostro nome scritto sul pettorale>>. 

L’esperienza di correre insieme a persone,  uomini e donne, di altre nazionalità testimonia come lo sport accomuni le genti pur nelle loro diversità e le unisca. Anche la parità tra uomo e donna nel loro gesto del correre insieme,così come raffigurato nella medaglia della maratona, è un messaggio importante in una società che ancora oggi perdura nella distinzione tra i diritti dell’uomo e della donna.

                     Francesco Matteo                                                                                                              Diego Giannuzzi

 

 

 

 

Read 1119 times Last modified on Saturday, 23 March 2013 09:32

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi305
Ieri416
Total213759

Who Is Online

5
Online

31 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account