×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 77

Wednesday, 20 March 2013 09:55

MILLET Jean-François ( 1814 – 1875) – “ L'Angelus “ (1857/1859. Olio su tela, 55 x 66 cm. Museo d'Orsay di Parigi ).

Written by
Rate this item
(0 votes)


Il soggetto pittorico è composto da una coppia di allevatori della terra che interrompono il lavoro al suono delle campane che annunciano l'Angelus, mostrati nella loro devozione, intenti nella preghiera. Entrambi sono concentrati nell'orazione, imponendosi con la figura sulla superficie pittorica con fragile dolcezza.

I colori utilizzati da Millet sono quelli tipici dei pittori realistici, ovvero i colori caldi. L' opera è simmetrica in quanto ben bilanciata. Nel dipinto non vi è la presenza di una prospettiva e ciò che rende tridimensionale l' opera è la tecnica della sovrapposizione. La scena riprende la chiesa di Chailly-en-Bière, nei pressi di Barbizon e la campagna attigua. Nonostante ciò, Millet non dipinse il quadro en plen air, ma piuttosto basandosi sui ricordi dell'infanzia in Normandia.
Commissionato da un ricco americano, Thomas G. Appleton, e completato durante l'estate del 1857, Millet aggiunse un campanile e cambiò il titolo iniziale dell'opera, "Preghiera per il raccolto di patate" con l'"Angelus", quando nel 1859 l'acquirente finì per non entrarne in possesso. Esposto per la prima volta al pubblico nel 1865, il dipinto cambiò mani più volte, aumentando solo modestamente il suo valore, perché alcuni consideravano sospette le simpatie politiche dell'artista. Alla morte di Millet, dieci anni dopo, si scatenò una guerra di offerte tra Francia e Stati Uniti, che terminò alcuni anni dopo con un prezzo di 800 000 franchi in oro.
La differenza tra il valore apparente del dipinto e lo stato di povertà in cui versava la famiglia dell'artista fu un elemento che diede impulso all'invenzione del diritto di successione, volta a compensare gli artisti o i loro eredi, ogni volta che un'opera viene rivenduta.
L'Angelus è stato frequentemente riprodotto su diversi oggetti e supporti e copiato e reinterpretato da altri artisti nel XIX e XX secolo. Salvador Dalí, in particolare, era talmente affascinato da questo lavoro da consacrare ad esso un intero libro intitolato Il tragico mito dell'Angelus di Millet. Nel 1938 Dalí scrisse che i contadini del quadro non erano semplicemente in preghiera per l'Angelus, bensì erano raccolti davanti ad una piccola bara. Nel 1963 Dalí chiese ed ottenne un'analisi ai raggi X dell'opera presso il Louvre, da cui emerse che in primo piano era effettivamente nascosta la bara di un bambino.

 

Read 8198 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi30
Ieri385
Total213068

Who Is Online

3
Online

30 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account