×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Sunday, 17 February 2013 18:09

La piaga della disoccupazione giovanile. Le ultime misure europee dopo i negoziati sul bilancio europeo 2014-2020, per l’incapacità dei nostri governi.

Written by
Rate this item
(0 votes)

La piaga della disoccupazione giovanile. Le ultime misure europee dopo i negoziati sul bilancio europeo 2014-2020, per l’incapacità dei nostri governi. Il caso Puglia. Terra tra disoccupazione e lavoro nero per i giovani 

Per i giovani italiani, in particolare quelli del Mezzogiorno d’Italia la spirale recessiva ha attivato dei meccanismi che come conseguenza hanno amplificato la disoccupazione arrivata a livelli da record e quindi una maggiore difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro.

È un dato di fatto, lo dicono tutti gli indicatori in tal senso, che la disoccupazione giovanile aumenta e i laureati non hanno opportunità. I giovani del Sud hanno ripreso ad emigrare non solo verso il nord, ma anche in quei paesi europei dove la richiesta di forza lavoro ha ripreso ad attivarsi, come in Germania dove addirittura l’OCSE ha rivelato che ci sono rischi di una penuria di nuovi lavoratori rispetto alla domanda, oppure rimangono nella zona d’origine, accettando il lavoro nero, che per fare l’esempio della sola  Puglia rappresenterebbe il 40% del mercato del lavoro e che non rare volte è anche una fonte di reddito integrativa per i tanti cassintegrati.

Se la fine del tunnel è difficile da vedere, a provare a fare qualcosa c’è l’Europa perché i governi nostrani, anche quello tecnico, si sono rivelati incapaci di riattivare la macchina Paese.

Durante i negoziati sul bilancio europeo 2014-2020, i capi di Stato e di governo hanno stanziato 6 miliardi di euro proprio per favorire l’occupazione giovanile.

A tal proposito, ricorda Giovanni D'Agata, fondatore dello “http://www.sportellodeidiritti.org/" target="_blank" style="text-decoration: underline; color: purple; cursor: pointer;">Sportello dei Diritti”, che l’Italia riceverà una fetta importante di questi fondi che si spera vengano effettivamente destinati a misure serie e non alle solite ricadute a pioggia per arginare questa piaga che affligge soprattutto il Meridione.

Inoltre, vale la pena sottolineare che la Commissione europea ha proposto che tutti gli Stati dell’Unione si impegnino ad assicurare ai giovani un lavoro o un’occasione di formazione e riqualificazione entro 4 mesi dalle fine del loro percorso di studi. Sarà possibile in Italia?

 

Read 1213 times Last modified on Sunday, 17 February 2013 19:20

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi129
Ieri416
Total213583

Who Is Online

5
Online

31 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account