×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 77

Wednesday, 13 February 2013 07:45

MAGRITTE Renè ( 1898 – 1967 ) - “ Golconda “ ( 1953. Olio su tela, 81x100 cm. Menil Collection, Houston, Texas ).

Written by
Rate this item
(0 votes)


 

Raffigura una serie di uomini in bombetta che cadono giù dal cielo, come se si trattasse di una normale pioggia in una grande città. Magritte, come accade per altri dipinti, non dà una spiegazione tangibile del significato intrinseco dell'opera, ma rifacendoci alle basi della corrente surrealista possiamo dire che l'effetto di depaisement (spaesamento) è percepibile, per vari motivi. Una delle prime cose che ci rende straniti è l'idea prima del dipinto: uomini che cadono dal cielo, o uomini che si elevano da terra? E questo grazie a cosa? Ricordiamo che l'idea prima di Magritte riguardo al surrealismo è che sulla tela tutto ciò che viene rappresentato è mera rappresentazione, dunque il pittore è libero di rappresentare la realtà in modo

non reale, con oggetti comuni posti in contesti non comuni. Un'altra domanda che ci si pone osservando questo dipinto è: ma le sagome nel cielo sono ombre o sono altri uomini? Nel primo caso ci si potrebbe benissimo rifare al concetto di bidimensionalità della tela, e dunque alla conseguente bidimensionalità del cielo. Nel secondo caso, più probabile dato che le sagome sono colorate e non rispettano i canoni della profondità, tutto diventa più complesso, ma al contempo interessante perché è come se Magritte volesse renderci partecipi di questo volo in maniera ancora più veritiera. Il titolo inoltre aiuta l'osservatore: ricordiamo che Golconda fu una antica città dell'India, ricca e potente: ciò potrebbe essere visto come utopico, proprio come la presenza di uomini tutti uguali sospesi in un cielo senza nuvole e di un azzurro piatto ed inespressivo e che possono permettersi di "camminare" nel cielo senza bisogno di avere ali.

Read 17469 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi31
Ieri385
Total213069

Who Is Online

3
Online

30 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account