×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 77

Monday, 28 January 2013 07:53

RENOIR Pierre Auguste ( 1841 – 1919 ) - “ Ritratto di Irene Cahen d’Anversa “ ( 1880. Olio su tela, 65x54 cm. Collezione Burle, Zurigo ).

Written by
Rate this item
(0 votes)

 

A differenza ad esempio di Cézanne, Renoir non godeva di indipendenza dal punto di vista economico, ed era costretto - per sopravvivere - ad eseguire ritratti su commissione. Questo accadde anche negli anni settanta del XIX secolo, la decade in cui dipinse i suoi più grandi capolavori. Per questo motivo, si recava spesso nelle abitazioni di membri dell'alta borghesia e fu in una di queste che conobbe l'editore Charpentier e il finanziere Cernuschi, futuro proprietario della "Gazette des Beaux-Arts".

A casa di quest'ultimo incontrò poi la moglie del banchiere Louis Cahen d'Anvers che gli chiese di dipingere la figlia Irene, di otto anni. Il ritratto fu eseguito in due sedute svoltesi a casa del banchiere. La bimba, vestita con un abito di un blu pallido, è raffigurata seduta quasi di profilo, ma con il volto leggermente ruotato verso l'osservatore, con un'espressione sognante. I suoi folti capelli rossi, con la frangia, assai di moda in quegli anni, le coprono le spalle e la schiena. Lo sfondo è costituito da una tappezzeria con un motivo verde, che fa risaltare la figura della giovane.

Più tardi a Renoir vennero commissionati due altri dipinti raffiguranti le due sorelle minori di Irene. Le due tele non soddisfecero però i gusti dei Cahen che, prima di disfarsene vendendole, le destinarono alle stanze della servitù.

Read 10629 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi317
Ieri416
Total213771

Who Is Online

2
Online

31 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account