×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 77

Sunday, 13 January 2013 16:05

BUONARROTI Michelangelo “ Leda e il cigno “

Written by
Rate this item
(0 votes)

 

BUONARROTI Michelangelo ( 1475 – 1564 ) – “ Leda e il cigno “ ( 1530. Tempera su tavola. Originale perduto. La copia è sita alla National Gallery di Londra ).

Nel 1512 Alfonso I d'Este, duca di Ferrara, si recò a Roma per riconciliarsi con Giulio II che l'aveva scomunicato nell'estate del 1510 per essersi alleato con Luigi XII di Francia contro Venezia, la quale, peraltro, vinse poi la guerra. Ottenuta l'assoluzione dal papa, Alfonso si fermò qualche giorno a Roma e l'11 luglio visitò la Cappella Sistina dove Michelangelo stava per concludere la volta. Salito sulle impalcature, ebbe un lungo colloquio con Michelangelo in cui gli espresse tutta la sua ammirazione, ottenendo la promessa di avere un quadro da lui dipinto. Passarono diversi anni senza che la commissione venisse formalizzata, finché nel 1529 l'artista dovette recarsi a Ferrara, per un'ispezione alle celebri mura cittadine in qualità di "Governatore generale sopra le fortificazioni" della rinata Repubblica fiorentina, in vista dell'assedio delle truppe imperiali. Qui il duca gli ricordò l'antica promessa. Michelangelo lavorò all'opera, secondo la testimonianza di Condivi e Vasari, una volta tornato a Firenze, nell'agosto del 1530, dopo la caduta della città, forse proprio sfruttando la necessità di rimanere nascosto. Si trattava di un "quadrone da sala" "colorito a tempera", rappresentante l'unione carnale tra Leda sdraiata e Giove trasformato in cigno, derivato da un modello antico noto per gemme e sigilli. Vi si vedevano anche un uovo e i fanciulli Castore e Polluce. Al momento della consegna, verso la metà di ottobre, l'opera era finita, ma un'indelicatezza dell'inviato ferraese, che la definì, al cospetto dell'autore, "poca cosa", indispettì Michelangelo, che si rifiutò di consegnarla. Scrive Condivi "licenziato il ducal messo, di lì a poco tempo donò il quadro a un suo garzone". L'opera, con alcuni disegni, venne infatti ceduta, forse in dono, forse per essere venduta, ad Antonio Miniche nel 1531 la portò in Francia. Nel 1532 venne lasciata in deposito al re di Francia Francesco I, che forse l'acquistò in seguito, destinandola al castello di Fontainebleau. Le vicende successive sono incerte: forse venne fatta bruciare da un ministro di Luigi XII per motivi moralistici, oppure venne semplicemente occultata: pare che il Milizia la vide "malconcia" nel 1740, ma da allora non se ne sa più niente. La migliore copia che se ne conosce, già attribuita al Rosso Fiorentino, è alla National Gallery di Londra (105-135 cm) e altre sono alla Gemäldegalerie di Dresda, a quella di Berlino, al Museo Correr di Venezia e alla Casa Buonarroti di Firenze. Esistono poi varie stampe, tra cui una, che pare particolarmente fedele, di N. Beatrizet (27,1x40,1 cm), in cui compaiono anche Castore e Polluce. Esiste un disegno preparatorio della testa di Leda a Casa Buonarroti, ritenuto universalmente autografo. Si tratta di un doppio studio dal vero, della testa e del particolare degli occhi, dal tratto sicuro e vibrante che l'artista fece, come di consueto, a partire da un ragazzo, probabilmente proprio l'allievo e assistente Antonio Mini.

 

 

 

Read 11702 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi187
Ieri416
Total213641

Who Is Online

2
Online

31 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account