×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Thursday, 10 January 2013 08:38

Povertà in Italia: dal Rapporto Ue rischio "esclusione sociale di lungo periodo" una vera e propria "enorme trappola della povertà"

Written by
Rate this item
(0 votes)

Arriva il Rapporto Ue 2012 su occupazione e sviluppi sociali e conferma la situazione che gran parte degli italiani percepiscono. Secondo le statistiche europee, infatti, l’aggravarsi della crisi ha "drammaticamente aumentato i rischi di esclusione sociale di lungo periodo" nei paesi del Mediterraneo e nelle repubbliche baltiche.

Situazione che non risparmia l’Italia che è a pieno titolo tra i paesi in cui si sta peggio e che con il peggiorare della crisi, subirà un "rischio elevato" di finire in un’"enorme trappola della povertà". Ciò vuol dire che se un cittadino dovesse avere difficoltà economiche, circostanza assai probabile per tanti, troppi italiani, è assai complicato che sia in grado ad uscirne.

Il prolungarsi della recessione che sta attanagliando gran parte dei Paesi Ue ha "drammaticamente aumentato i rischi di esclusione sociale di lungo periodo", che, per quanto confermato dal report "variano enormemente" tra i diversi paesi membri.

Come era prevedibile l'Italia, unitamente a Grecia, Spagna, Malta e i paesi Baltici, fa parte del gruppo di stati in cui "c'è un alto rischio di entrare nella povertà e basse possibilità di uscirne, con la creazione di una massiccia trappola della povertà".

Ciò che è più preoccupante secondo Bruxelles è che "la situazione sta peggiorando dato che le prospettive attuali sono cupe" proprio per questi paesi.

Ed ora che sono arrivate anche le conferme di ciò che i nostri concittadini stanno subendo sulla propria pelle, Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, ancora una volta torna a rilevare che le ricette scelte per tentare di uscire dalla crisi da parte dei due precedenti governi, compreso l’ultimo, quello cosiddetto “tecnico” siano state completamente sbagliate perché sono andate a colpire maggiormente le fasce più deboli e quelle intermedie della popolazione facendole finire in una spirale della povertà cui non si riesce ad intravedere una via d’uscita, mentre i tagli al welfare hanno ridotto la possibilità di interventi di assistenza sociale.

Read 1536 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi97
Ieri416
Total213551

Who Is Online

5
Online

31 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account