×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 65

Monday, 07 January 2013 20:41

DIARIO DI BORDO: LA TRAVIATA A SALICE

Written by
Rate this item
(11 votes)

Stavolta mi tocca scrivere in prima persona. La sera del 5 gennaio scorso a Salice è andato in scena lo spettacolo “Libiam ne’ lieti calici”: la “Traviata” di Giuseppe Verdi, presentata quasi per intero, con dei miei piccoli interventi narrativi volti da un lato a fare da cerniera tra le varie arie (in luogo dei piccoli “tagli” apportati) e, dall’altro, a personalizzare lo spettacolo, a dargli un elemento di originalità.

 

Spero mi scusi il lettore per i toni entusiastici ma sprizzo orgoglio da tutti i pori. Orgoglio. Al di là dell’emozione, palpabile, al di là della bellezza dell’opera, al di là della commozione presente negli spettatori e in noi che eravamo dietro le quinte, il sentimento che in questo momento prevale in me è l’orgoglio. Orgoglio per aver contribuito, in minima parte, ad un progetto che, in una realtà come la nostra, in tempi in cui la parola “cultura” è quasi un sinonimo di perdita di tempo, ha davvero dei profili di straordinarietà.

 

Tutto è nato dalle menti (pensanti) di Marco Bossi e Gabriele De Matteis, due musicisti (e per questo, per i motivi di cui sopra), due folli.

Eravamo al tavolino di un bar insieme all’altro folle, Stefano Quaranta, davanti a un caffè, quando, tra amare osservazioni politiche e preoccupazioni sociali e “generazionali”, si incominciò a sviluppare l’idea di uno spettacolo sul più celebre melodramma di Verdi.

Lì ha iniziato a rotolare la piccola pallina di neve che poi si sarebbe trasformata in valanga: al progetto si sono aggiunti il flauto di Vincenzo Paolo Zecca, gli eccellenti cantanti, la regista, Rosangela Giurgola, poi il corpo di ballo di Barbara Vullo (Spazio Danza Due), il coro polifonico “Città di Santa Cesarea Terme” diretto dal M° Gabriele Maiorano. E poi ancora sono arrivate: la disponibilità e la cortesia dell’ACSI e di Mimmo Margarito, la gentilezza de “Il teatro delle Giàccure Stritte”, in particolare di Mimino Perrone ed Antonio Leuzzi, e della Compagnia della Piccola Luna, il contributo dell’Amministrazione Comunale, i patrocini di provincia e regione, la collaborazione della GM Music e il sostegno, come media partner, della “nostra” Salic’è.

 

Tanti i giorni di prova, tanti i chilometri percorsi, tante le discussioni, le chiacchierate, i confronti. Ma mi sembra che tutti siano rimasti soddisfatti.

Anche il pubblico sovrano, che ha potuto apprezzare ed applaudire la serietà e l’entusiasmo di Marco Piliego (dottore), la precisione e la delicatezza di Marta Nigro (Annina/Flora), il carisma e la potenza vocale di Giorgio Schipa (Giorgio Germont), il coraggio e la bravura di Gianni Leccese (Alfredo, che all’ultimo ha dovuto sostituire Giuseppe Tommaso), la raffinatezza e la personalità di Maria Luisa Lattante (Violetta).

Mi sia consentita una piccola sottolineatura sulla bravura dei musicisti: reggere un’opera lirica per intero con tre soli strumenti (pianoforte, clarinetto e flauto) non è da tutti.

 

Il 14 si replica. Dopo il Centro Polifunzionale di Salice, infatti, anche il teatro comunale di Novoli, accoglierà lo spettacolo che rappresenta forse il primo, forte segnale di come Salice sappia offrire a se stessa delle importanti occasioni di crescita sociale, di cooperazione tra le varie realtà associative e culturali, che lascia trasparire cosa potrebbe venir fuori, abbandonati pregiudizi, diffidenze e comodo disfattismo, da una cospicua e attiva collaborazione tra chiunque abbia voglia di rimboccarsi le maniche.

C’è da augurarsi, quindi, che questa “Traviata” di tutto ciò ne sia stata il “big bang”, in barba (mi piace sottolinearlo) a chi considera la cultura come uno spreco di tempo e denaro.

 

Nel frattempo: grazie a Salice per l’occasione che si è concessa.

Foto a cura di Sandro Rizzo disponibili al seguente indirizzo

http://piazza.sali-ce.it/it/cultura/category/39-5-gennaio-2013-traviata-a-salice-salentino.html

Read 1176 times Last modified on Friday, 12 July 2013 08:08

Laureato in Giurisprudenza, iscritto alla Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell'Università del Salento. Collabora con lo studio legale Capaldo-Pellegrino. Appassionato di teatro, politica, musica e cinema.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi138
Ieri656
Total294654

Who Is Online

10
Online

05 March 2021

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

04 January 2021
Cartoline non spedite
Ci sono certi momenti in cui bisogna sottrarre. È che una passa tutta una vita a pensare che accumulare gli servirà, perché così gli hanno fatto credere. Maledette credenze. E allora in quelle credenze, ci mette di tutto, insieme ai piatti, alle...
29 December 2020
Cartoline non spedite
 Un bicchiere di vin brulé tra i mercatini natalizi, l'entusiasmo di una ragazzina in cui ti rivedi da piccola, l'abbraccio di un'amica che non vedevi da tempo per raccontarsi la vita degli ultimi mesi. No, questo Natale non è stato proprio così...
22 December 2020
Cartoline non spedite
Si sono concluse oggi le lezioni del primo semestre dell'università. Iniziare una magistrale senza nemmeno poter guardare negli occhi qualcuno dei tuoi compagni sarebbe stato uno sproloquio solo qualche mese fa, invece non è neanche passato un anno d...
15 December 2020
Cartoline non spedite
Ho letto in un articolo che il sindaco di Parma (capitale della cultura 2020), Federico Pizzarotti, ha manifestato il suo dispiacere per la chiusura, negli ultimi mesi, di tutto ciò che riguarda il mondo della cultura. Ha proprio detto: "In un moment...
08 December 2020
Cartoline non spedite
"Distanziamento sociale" sarà parola dell'anno, o meglio, una delle parole dell'anno, anche se poi, a voler essere precisi questo termine è composto da un sostantivo e un aggettivo, quindi non è del tutto appropriato riferirsi a esso come parola e di...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account