×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Thursday, 20 December 2012 09:15

Politica e violenza sulle donne: condannato il marito che impone alla moglie il saluto fascista

Written by
Rate this item
(0 votes)


La violenza sulle donne ha molte facce, può essere sessuale, economica, psicologica e può avere anche come in questo caso una matrice politica.

Ed ancora una volta nuovo stop della Cassazione nei confronti dei mariti prevaricatori e violenti con la sentenza n.35805/2012. La Prima sezione penale della Corte, si è occupata del caso di un uomo che aveva l'abitudine di imporre alla moglie il saluto nazi-fascista. Secondo quanto è emerso nel corso del giudizio, quasi tutti i giorni il marito, rincasando "imponeva il saluto nazista e pretendeva che la donna si mettesse a terra e durante i rapporti contro il volere di lei si vantava di essere un 'maratoneta' perche' era capace di stare tanto tempo sopra di lei". L'imputato aveva ridotto la moglie ad un tale stato di prostrazione tanto da indurla spesso a rannicchiarsi in un angolo per paura di essere percossa o posseduta senza il suo volere.

Alla fine però la donna ha trovato il coraggio di presentare denuncia e il caso è finito nelle aule di giustizia dove lui riportava una condanna penale per maltrattamenti e violenza sessuale. Alla fine il caso terminava dinanzi ai giudici di Piazza Cavour che hanno convalidato la sentenza di condanna impugnata con una provvisionale di 80 mila euro..

Violenze e abusi ignobili a danno delle donne, in un periodo in cui sono, purtroppo, fenomeni in costante aumento e quotidianamente alla ribalta delle cronache italiane ma che ancora una volta per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, la Suprema Corte ha punito severamente.

Giovanni D'Agata

 

 

Read 1132 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi198
Ieri579
Total196602

Who Is Online

1
Online

29 September 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
15 September 2020
Cartoline non spedite
Oggi la cartolina non ha un o una protagonista con nome e cognome, chi l'ha scritta ha voluto mantenere l'anonimato, e potrebbe essere stata scritta in qualsiasi luogo dell'Italia, dell'Europa o del mondo, purché questo significhi essere circonda...
08 September 2020
Cartoline non spedite
La protagonista di oggi è Francesca Romana Cillo, 42 anni, insegnante precaria di storia e filosofia, sebbene già abilitata e con un concorso alle spalle. Vive a Lecce, ma l'unica cosa che ama di questa città è la squadra di calcio, ...
02 September 2020
Cartoline non spedite
La protagonista di oggi è Eduarda Ferreira, una studentessa di giurisprudenza, 21 anni, brasiliana, che ci racconta com'è la situazione nello stato di San Paolo, dopo quasi cinque mesi di quarantena. Buona lettura!  by Denise Colletta ...
01 September 2020
Cartoline non spedite
Il protagonista di oggi è Edoardo Liverani, un ragazzo torinese di 31 anni, cofondatore della startup Olivelab (design e produzione di lampade d'arredo), che si occupa di progettazione tecnica ed elettronica. Durante il lockdown aveva fatto a se ...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account