×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 2688

Print this page
Saturday, 24 February 2018 19:07

Politiche 2018 – Il PD incontra i suoi elettori

Written by
Rate this item
(0 votes)

SALICE SALENTINO – In tanti hanno partecipato all’iniziativa organizzata dal PD di Salice Salentino, diretto da Enzo Marinaci, che ha visto Salvatore Capone e Dario Stefàno incontrare i simpatizzanti del centro sinistra in vista delle elezioni politiche del 4 Marzo 2018. Assente per contrattempo Francesco Boccia.

Per Enzo Marinaci, il Partito Democratico è l’unica vera forza di governo e nel suo appello al voto ha ricordato come l’onorevole Salvatore Capone, proprio a Salice Salentino, ha avuto un ruolo fondamentale per scongiurare la chiusura del locale Comando di Stazione dell’Arma dei Carabinieri.

Tra i presenti anche Alessandro Ruggeri, capogruppo di minoranza in seno al Consiglio Comunale di Salice, che ha lanciato un appello a votare il Partito Democratico. “… ci metto la faccia (a presentare i due candidati, ndr) perché per me la politica è stato un percorso che mi ha portato a crescere – afferma Ruggeri – Il mio augurio è che ognuno di voi sia protagonista.” – conclude.

Salvatore Capone, reduce da una mattinata a Veglie, rivendica i successi ottenuti dal PD (Reddito di Inclusione, Caporalato, Industria 4.0, Jobs Act, Credito d’Imposta). L’onorevole ha ricordato i dati del PIL, che nel 2012 era sotto il 2% mentre oggi è sopra l’1%. Nel suo appello elettorale ha invitato tutti i presenti a sentirsi candidati.

Dario Stefàno, fa un excursus sugli avversari e le loro peculiarità. “Voi immaginate che Salvini possa venire qui a sostituire me nella difesa del negroamaro o del primitivo? Io penso sia una barzelletta. – afferma il Senatore – Noi lo ospitiamo volentieri, che venga qui a fare le vacanze.”.

Anche sul fronte più centrista della destra non si risparmia “Berlusconi ha lo stesso manifesto di 20 anni”. E sull’abolizione della tassa sulla prima casa afferma: “Lui lo diceva, noi lo abbiamo fatto”.

Dure critiche anche all’operato del Movimento 5 Stelle. “Non prendo lezioni di onestà da parte di Barbara Lezzi e Maurizio Buccarella” – afferma – “C’è gente che voterà il Movimento 5 Stelle per le notizie false che hanno diffuso – continua – il rischio è che non si voti il merito ma lo slogan.”.

Nel suo appello elettorale, anche il senatore, ricorda ciò che il Partito Democratico ha fatto nel corso di questi 5 anni concludendo con “Facciamo che l’impegno sia comune”.

Read 681 times

Latest from

Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account