×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 2688

Print this page
Tuesday, 21 November 2017 08:08

Fondazione Focara: parla il neo consigliere d'amministrazione Donato Leuzzi

Written by
Rate this item
(0 votes)

Donato Leuzzi, 48 anni nato a Salice. Dottore Commercialista e Revisore Contabile laureato all’Università di Lecce. Segue la politica fin da quando era ragazzino, militante della Federazione Giovanile Socialista “all’epoca del craxismo”. Ha sempre vissuto la politica non in primo piano (come adesso) ma come militante. Rimasto di area di centrosinistraprima a Salice poi a Novoli, dove vive, ora è iscritto alla sezione novolese del Partito Democratico.

Parliamo della Fondazione Fòcara. Chi l’ha fondata, quando e perché?

La Fondazione Fòcara è un ente associativo che si è costituita con atto notarile nel non molto lontano 2011, i soci fondatori sono: il Comune di Novoli, La Regione Puglia e la Provincia di Lecce. Secondo l’atto costitutivo della Fondazione lo scopo è quello di gestire l’organizzazione di mostre, eventi culturali e convegni, nonché studi, ricerche, pubblicazioni e iniziative attinenti alla Fòcara. Sostanzialmente la Fondazione andrebbe a gestire quello che è a Novoli l’evento più importante, cioè appunto quello della Fòcara. Che è conosciuta anche in ambito regionale, secondo solo alla Notte della Taranta. La Fòcaraha avuto anche dei risvolti a livello nazionale con la presenza della Rai.

Qual è il suo ruolo nella Fondazione?

Sono consigliere di amministrazione, nominato con delibera regionale del 2 maggio 2017 n. 625.

Cosa sta succedendo nella Fondazione Fòcara? Ci sono i decreti ingiuntivi? Cosa sta facendo il Consiglio di Amministrazione per far fronte a questi problemi?

Sono stato nominato dalla Regione il 2 maggio ma la mia ratifica da parte del Consiglio di Amministrazione è avvenuta il 6 ottobre 2017. Anche se, a oggi, ancora non ho la documentazione ufficiale della mia ratifica (ci sono delle formalità da espletare con comunicazioni ufficiali agli enti preposti).(ndr: l’intervista è datata 16/11/2017).

Lei ha cognizione dei decreti ingiuntivi, a quanto ammontano e chi sono i creditori?

Di questo non ne sono al corrente, so che ci sono in quanto ne hanno parlato i giornali. Li ho conosciuti non in via ufficiale ma dalla lettura dei giornali. Il 6 ottobre ho espressamente richiesto la documentazione da inoltrare alla Regione, la quale già a luglio ne aveva chiesto copia. Ho inoltre chiesto alla Prefettura di Lecce, in virtù dell’articolo 25 del codice civile, l’intervento del Prefetto quale organo deputato al controllo – secondo il codice civile – delle Fondazioni.

Ha ricevuto risposte dalla Prefettura?

No, ma qualche giorno fa son venuti gli ispettori regionali e hanno acquisito la documentazione.

Quindi, a oggi possiamo conoscere a quanto ammonta il debito della Fondazione?

No, non ho contezza di questo perché non ho la documentazione e non ho potuto prendere visione. In ogni caso, la Regione è quella che ha il compito primario di valutare.

Se le chiedessi se lei è favorevole o contrario a rendere pubblico il bilancio, cosa mi risponderebbe?

Io, dal mio punto di vista (in qualità di componente) non ho nessuna remora a renderlo pubblico. Però non sono io colui il quale ha autorità per farlo. Ci sono 5 amministratori e si vota a maggioranza. Non ho problemi a chiedere che i bilanci vengano resi pubblici.

Quest’anno si farà la Fòcara?

Sì, si farà. Stanno già lavorando. C’è il Comitato di Sant’Antonio che è interno alla Fondazione ma comunque, per determinate funzioni che non sono della Fondazione, anche esterno. La Fondazione è l’organo principale dove arrivano i fondi pubblici con i quali si organizza l’evento da un altro punto di vista.

Read 1278 times Last modified on Tuesday, 21 November 2017 18:39

Latest from

Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account