×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 77

Tuesday, 04 December 2012 13:57

SANZIO Raffaello

Written by
Rate this item
(0 votes)


SANZIO Raffaello ( 1483 – 1520 ) - “ San Sebastiano “ ( 1501 – 1502 circa. Olio su tavola, 43x34 cm. Accademia Carrara, Bergamo ).

Il dipinto venne probabilmente realizzato come immagine sacra destinata alla devozione privata, quando l'artista, sebbene giovanissimo, iniziava a farsi una solida reputazione in Umbria, influenzato ancora dal suo maestro Pietro Perugino. L'opera faceva parte della raccolta Zurla di Crema, per poi passare all'incisore Giuseppe Longhi e dal 1836 al conte Guglielmo Lochis che lo donò all'attuale sede nel 1836. La critica è concorde nell'attribuirlo a Raffaello, con alcune oscillazioni sulla datazione, che varia dal 1501-1502 (Gamba, Ortolani, Fischel,Longhi, Camesasca, Brizio), al 1502-1503 (Monti), fino al 1503 (Adolfo Venturi) o il 1503-1504 (Pittalunga). Isolati sono i contributi di Gronau e Ottino della Chiesa, che ipotizzarono l'opera legata al periodo fiorentino, fino al 1505. Il paesaggio e l'aspetto femmineo, dall'espressione dolcemente vacua di San Sebastiano risentono del Perugino, ma la mano emergente con la freccia, che segna la profondità, sono caratteristiche delle nuove ricerche del giovane Raffaello. Alcuni elementi fanno pensare ad una conoscenza di Leonardo, che l'artista aveva avuto modo di vedere in alcuni brevi viaggi a Firenze prima del 1504, quando vi iniziò un soggiorno più lungo. La costruzione dell'immagine ad ellissi incrociate è tutta raffaellesca. Notevole è la cura dei dettagli, dai ricami sugli abiti, alla catenella realisticamente intrecciata.

 

 

Read 5684 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi25
Ieri385
Total213063

Who Is Online

3
Online

30 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account