×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 2688

Monday, 29 May 2017 11:55

Intervista a Silvia Grasso, candidata con la lista “Salice nel Cuore – con Itaca”

Written by
Rate this item
(0 votes)

Si presenti

Mi chiamo Silvia Grasso, sono laureata all’Università del Salento in Sociologia e Ricerca Sociale e in Pedagogia come Educatore socio-ambientale. Amo organizzare eventi e mi occupo di manifestazioni culturali anche dal punto di vista organizzativo. Lavoro per il Centro Polifunzionale gestisco il Chiostro del Convento. Quest’anno ho curato una “Rassegna Letteraria”, presentando quasi venti libri presso il Centro Polifunzionale. I corsi di ECDL, il “Progetto maschere veneziane in cartapesta” e tre campus estivi. Ho cercato di mettere in risalto i talenti salicesi con l’evento “Salice Paese d’Arte, Musica, Letteratura e Poesia”. Inoltre, mi sono occupata della realizzazione dei Mercatini di Natale nel Chiostro con gli artigiani dei Teatini.

Assieme a Mirella Capoccia, invece, abbiamo realizzato: 3 edizioni della Focara di Sant’Antonio, 2 fiere, 3 parate storiche, 3 tornei dei rioni. Realizzammo anche “Grano e Tabacco in Piazza” e “Vendemmia in Piazza”, “Cinema a Portata di Mano” e i Concerti Lirici. Abbiamo realizzato anche il progetto AGRI, assieme alle scuole, vincendo il premio EXPO “Città degli antichi sapori”. In questo progetto i bambini hanno piantumato le insalate, hanno cucinato e visitato i luoghi di produzione. Per concludere abbiamo dato vita al coro lirico “Angelo Luiso”.

Parlaci dell’associazione “Emozioni del Salento”

Premetto che al momento mi sono autosospesa per la campagna elettorale. Grazie a quest’associazione ma soprattutto grazie al lavoro dei soci, siamo riusciti a realizzare moltissime manifestazioni. L’associazione è nata per promuovere il territorio salentino e salicese. Per me bisogna lavorare sotto tanti aspetti per migliorare il nostro paese. Ci sono delle ricchezze che andrebbero valorizzate come il: Presepe Artistico Poliscenico, il museo De Castris, Castello Monaci, la chiesa della “Cona” o della Madonna del Latte, le Case del Re (residenza estiva di Raimondello Orsini del Balzo).

Quali sono le tue ambizioni politiche

Mi sono sempre occupata di cultura e manifestazioni ma non ambisco a ruoli specifici. Più che a incarichi ambisco a progetti. Vorrei riuscire a realizzare a Salice una manifestazione alla pari di quelle di altri comuni limitrofi, per attirare gente da fuori come evento catalizzatore di turismo. C’abbiamo provato con successo con la Parata, circa 7000 mila persone. L’obiettivo è quello di ingrandire l’evento collegandolo alla Fiera.

Vorremmo creare una Fondazione per gli eventi per promuovere lo sviluppo economico e creare una rete turistica, valorizzando anche le campagne. Sicuramente Salice deve essere curato, in questi anni è stato fatto tanto e ora bisogna aggiungere (e non distruggere) per migliorare il processo che già è iniziato. Voglio che il mercatino, che il natale nel chiostro e che la parata diventino una tradizione. Vorrei che l’evento Fiera risorgesse trasformandolo in un evento importante

Un giudizio sul passato

A me non importa fare la rivoluzione, perché la mia rivoluzione l’ho già fatta. A livello di manifestazioni culturali tutto questo fermento non c’era. Ho cominciato tre anni fa e l’ho fatto perché era ed è la mia passione. Il mio giudizio sul passato è assolutamente positivo. Hanno ristrutturato la Piazzetta Trisolino e questo splendido Chiostro, per il quale sono stati stanziato altri 900mila euro per il piano superiore. Sono state ristrutturate le scuole, le strade, la villetta del convento e anche il cimitero. Inoltre, c’è un altro progetto che prevede la sistemazione di altre strade non previste dall’attuale progetto.

E il Centro Storico?

Il Centro Storico credo sia l’unica cosa realmente rimasta da valorizzare in maniera seria, assieme al Castello e al Cinema Marzano. Andrebbe ristrutturato, con la creazione di attività commerciali che possano far rivivere la Piazza e farla ritornare il fulcro sociale di questo paese. Si chiama Piazza Plebiscito, proprio perché lì il popolo si riuniva. Inoltre, questo è anche rimasto invariato nel tempo dato che i comizi si svolgono in piazza. Il popolo si riunisce e decide. Questo fa che quella piazza sia stata ed è il centro sociale, culturale e politico del paese. C’è anche in progetto il piano dei colori.

Un giudizio sull’altra lista.

A me non piace dire cose negative su nessuno, spero solo che vinca il migliore e questo lo decideranno i cittadini. Qui non ci sono nemici, stiamo giocando una partita che dovrà essere vinta da chi il popolo sceglierà.

Un giudizio sulla tua lista e sul tuo candidato Sindaco.

Si è creato un rapporto di amicizia e di stima reciproca. Ci vogliamo bene e per la maggior parte siamo giovani. Vogliamo promuovere e creare a Salice ciò che andiamo a cercare fuori. Alessandro è una persona di cultura, che sa parlare e sa ragionare. È un professionista ma non un professionista della politica. Spesso ha trascurato i suoi interessi personali per dedicarsi alla politica. Credo che la vecchia amministrazione abbia fatto tutto sotto il punto di vista culturale.

Come vedono le giovani donne la politica?

Io non credo che ci siano differenze tra donne e uomini. La differenza sta nella persona. Sono una donna e mi sento un essere umano che potenzialmente può fare tutto ciò che può fare un uomo. Da parte delle donne c’è una certa frenesia nel raggiungere l’obiettivo, forse perché si impegnano di più. Le donne sono molto più interessate alla realizzazione degli eventi, alla cultura e si danno molto da fare.

Faccia un appello agli elettori.

Quello che faccio lo faccio con passione. Credo che chi abbia lavorato e chi abbia prodotto tanto sia giusto possa ricevere una legittimazione per ciò che ha fatto. Non è giusto partire al contrario, mettendosi prima in lista per poi fare. Spero che gli elettori non compiano un’ingiustizia e riescano a ripagare chi ha lavorato per la comunità. Credo nella meritocrazia.

Read 1019 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi472
Ieri691
Total257479

Who Is Online

5
Online

24 January 2021

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

04 January 2021
Cartoline non spedite
Ci sono certi momenti in cui bisogna sottrarre. È che una passa tutta una vita a pensare che accumulare gli servirà, perché così gli hanno fatto credere. Maledette credenze. E allora in quelle credenze, ci mette di tutto, insieme ai piatti, alle...
29 December 2020
Cartoline non spedite
 Un bicchiere di vin brulé tra i mercatini natalizi, l'entusiasmo di una ragazzina in cui ti rivedi da piccola, l'abbraccio di un'amica che non vedevi da tempo per raccontarsi la vita degli ultimi mesi. No, questo Natale non è stato proprio così...
22 December 2020
Cartoline non spedite
Si sono concluse oggi le lezioni del primo semestre dell'università. Iniziare una magistrale senza nemmeno poter guardare negli occhi qualcuno dei tuoi compagni sarebbe stato uno sproloquio solo qualche mese fa, invece non è neanche passato un anno d...
15 December 2020
Cartoline non spedite
Ho letto in un articolo che il sindaco di Parma (capitale della cultura 2020), Federico Pizzarotti, ha manifestato il suo dispiacere per la chiusura, negli ultimi mesi, di tutto ciò che riguarda il mondo della cultura. Ha proprio detto: "In un moment...
08 December 2020
Cartoline non spedite
"Distanziamento sociale" sarà parola dell'anno, o meglio, una delle parole dell'anno, anche se poi, a voler essere precisi questo termine è composto da un sostantivo e un aggettivo, quindi non è del tutto appropriato riferirsi a esso come parola e di...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account