×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Sunday, 12 February 2017 13:32

Rivoluzione... a cosa? A voi stessi?

Written by
Rate this item
(5 votes)

MOVIMENTO POLITICO PER SALICE

“SALICE POPOLARE”

 

Nell’intervista al Vice Sindaco, neo candidato sindaco per la Maggioranza uscente di sinistra, apparsa su questo autorevole giornale, c’è una frase che ci ha colpito molto. Egli dice “Noi siamo un gruppo di giovani e proponiamo una rivoluzione”.

La domanda sorge spontanea: ma questa rivoluzione non poteva iniziare a farla in questi cinque anni visto che li ha passati a fare l’Assessore prima e addirittura il Vice sindaco poi?  Capiamo le difficoltà ma quando si hanno delle idee e si crede in esse, soprattutto per un giovane, la cosa più naturale da fare è lottare per la loro affermazione perciò, risulta molto difficile comprendere di quale rivoluzione si parla dal momento che in questo tempo non si sono notati ne moti e nemmeno uno straccio di sussulto “rivoluzionario”.

Riconosciamo che governare è molto più difficile che fare opposizione, ma anche in questo caso occorre ricordare all’aspirante sindaco che non lo si può fare sfuggendo ai problemi e alla gente. Infatti, la lamentela più diffusa tra i compaesani è quella di essere stati lontani dai bisogni e dalle sofferenze del Popolo.

Basti ricordare l’emergenza maltempo; fuori il disagio, le difficoltà, soprattutto degli anziani chiusi in casa senza medicine e provviste, le strade occupate dalle neve e dal ghiaccio e gli Amministratori, tra cui chi vorrebbe fare domani la rivoluzione, a godere del tepore delle loro case e del calore dei caminetti.

Suvvia, un minimo di realismo! Sarebbe oggi credibile se con i suoi colleghi fosse stato visibile, in piena urgenza, a coordinare i soccorsi e le attività di sgombero, perché i cittadini amano vedere i loro rappresentanti che si sporcano le mani e sono in prima fila quando c’è da stringere i denti e soffrire.

Egli dice ancora: “se la nostra cittadinanza capirà che è giunto il momento del cambiamento, noi saremo a disposizione per servire ancora il nostro paese”

Siamo sicuri che la cittadinanza ha capito che è giunto il momento del cambiamento ma questa volta, si vuole liberare per sempre di questa evanescenza culturale di cui oggi Ruggeri si fa interprete di una plastica rappresentazione.  Per molto tempo, Salice ha dovuto subire l’egemonia di una classe dirigente inconcludente e autoreferenziale, di chi sa della vita amministrativa e dispensa ricette senza mai riuscire a farsi mentore del grido di dolore di un popolo che reclama riscatto.

 E’ questa la vera svolta, penetrare le coscienze con la prova della condivisione degli stessi destini, far rifulgere lo spirito dei salicesi con il mantra del sacrificio e della lotta al loro fianco.

E allora poteva ben intervenire in maniera energica il nostro Vice Sindaco candidato sindaco, per far sì che in questi anni Salice avesse i locali della Guardia Medica più decorosi, poteva badare di avere strade più decenti, poteva badare di avere un ambiente piùrispettoso delle tradizioni e valori legati alla nostra storia, poteva battersi per la promozione del territorio, poteva battersi per un Ufficio Postale dignitoso, poteva fare mille battaglie con l’entusiasmo che non gli dovrebbe mancare… E invece, al posto di considerare la rivoluzione come un processo insito nello spirito umano, vuole cercarla convinto che troverà l’agiatezza.

                                Salice Popolare

                                                                                          Il  Coordinamento 

Read 1093 times Last modified on Sunday, 12 February 2017 13:40

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi188
Ieri597
Total254478

Who Is Online

4
Online

20 January 2021

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

04 January 2021
Cartoline non spedite
Ci sono certi momenti in cui bisogna sottrarre. È che una passa tutta una vita a pensare che accumulare gli servirà, perché così gli hanno fatto credere. Maledette credenze. E allora in quelle credenze, ci mette di tutto, insieme ai piatti, alle...
29 December 2020
Cartoline non spedite
 Un bicchiere di vin brulé tra i mercatini natalizi, l'entusiasmo di una ragazzina in cui ti rivedi da piccola, l'abbraccio di un'amica che non vedevi da tempo per raccontarsi la vita degli ultimi mesi. No, questo Natale non è stato proprio così...
22 December 2020
Cartoline non spedite
Si sono concluse oggi le lezioni del primo semestre dell'università. Iniziare una magistrale senza nemmeno poter guardare negli occhi qualcuno dei tuoi compagni sarebbe stato uno sproloquio solo qualche mese fa, invece non è neanche passato un anno d...
15 December 2020
Cartoline non spedite
Ho letto in un articolo che il sindaco di Parma (capitale della cultura 2020), Federico Pizzarotti, ha manifestato il suo dispiacere per la chiusura, negli ultimi mesi, di tutto ciò che riguarda il mondo della cultura. Ha proprio detto: "In un moment...
08 December 2020
Cartoline non spedite
"Distanziamento sociale" sarà parola dell'anno, o meglio, una delle parole dell'anno, anche se poi, a voler essere precisi questo termine è composto da un sostantivo e un aggettivo, quindi non è del tutto appropriato riferirsi a esso come parola e di...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account