×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 77

Tuesday, 27 November 2012 14:40

RENOIR Pierre-Auguste

Written by
Rate this item
(0 votes)


 

RENOIR Pierre-Auguste ( 1841 – 1919 ) – “ Ragazze al piano “ ( 1892. Olio su tela, 116x81 cm. Musée d’Orsay ).

 

Il tema delle due ragazze al piano appare sovente nell'opera di Renoir. Il presente studio a olio fu realizzato per una commessa ufficiale di stato. Oltre a questa versione, che fu una delle prime, Renoir realizzò un pastello e quattro altre tele ad olio (tutte di dimensioni assai importanti), tra cui quella che fu acquisita dal Museo del Lussemburgo nel 1892 (dove venivano esposte le opere di artisti ancora in vita acquistate dallo stato prima di passare al Museo del Louvre) e che si trova oggi al Musée d'Orsay. 

Nel dipinto della collezione Guillaume, lo sfondo è appena suggerito e mancano alcuni dei dettagli come il mazzo di fiori sopra il piano, i candelabri, ecc. Nonostante lo studio dei personaggi, della loro espressione concentrata, è già molto avanzato rispetto alla versione finale, la sua incompiutezza ci fa pensare che si tratti di una bozza. Renoir lavorò fino all'ultimo alla realizzazione di questa comanda, come conferma la testimonianza di Arsène Alexander nel 1920: "ricordo l'impegno infinito che mise nel portare a termine la commessa di un quadro, ottenuta grazie alla mediazione di un amico. Si trattava delle Ragazze al Piano, eseguite con delicatezza e flessibilità ma con un colore che tendeva leggermente al giallo. Renoir ricominciò cinque o sei volte questo quadro, ogni volta quasi allo stesso modo. La sola idea della commessa di stato lo paralizzava e gli impediva di lanciarsi in una sfida con se stesso. Alla fine, dandosi per vinto, finì per consegnare alle Belle Arti la versione che oggi si trova al museo e che, appena più tardi, giudicò come la peggiore delle cinque o sei realizzate...."

Questo dipinto è una vera e propria icona dei piaceri della borghesia. Il pianoforte, infatti, è lo strumento per eccellenza di una classe sociale che ama la musica, la trasmette ai propri figli e attorno alla quale si perpetuano pratiche sociali tradizionali. Esso infatti offre alla donne di famiglia, che lo praticano in modo amatoriale, una possibilità di evasione da una vita racchiusa tra le mura domestiche. A questo si aggiunge il tema altrettanto importante della concentrazione: quella inerente all'ascolto (anche i fondi verdi, blu e gialli, sembrano diluiti nell'atmosfera musicale) che sembra interessare soprattutto la ragazza con gli occhi chiusi e quella "attiva" della giovane intenta a decifrare le note dello spartito: il collo è teso, il mento leggermente alzato, le labbra semi aperte, lo sguardo segue lo spartito, forse troppo difficile, obbligando così la mano sinistra a rinunciare, mentre la mano destra, appena sospesa è indizio dell'esitazione della giovane.

 

Read 5182 times

More in this category: « PICASSO Pablo EDOUARD Manet »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi174
Ieri416
Total213628

Who Is Online

4
Online

31 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account