×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 2684

Monday, 30 January 2017 08:45

Morte sospetta per infezione al Vito Fazzi di Lecce

Written by
Rate this item
(0 votes)

Decesso di un paziente al Vito Fazzi di Lecce dopo un intervento chirurgico. La prematura scomparsa del 77enne Giovanni Corvaglia di Tricase è avvenuto il 21 gennaio dopo un intervento andato a buon fine che prevedeva tre bypass a due valvole plastiche.

Il paziente fu operato il 29 dicembre, ma subito dopo presentò disturbi non coincidenti in nessun modo con l'intervento appena subito. Presentò da subito stati febbrili, confusionali e sofferenze fino al momento del decesso. A causare la morte dell'anziano sembrerebbe essere stato un'infezione contratta all'interno dell'ospedale stesso, molto pobabilmente nelle normali operazioni svolte all'interno della terapia intensiva. Il batterio responsabile (Pseudomonas aeruginosa o Klebsiella pneumoniae) sembra essere già noto negli ambienti ospedalieri e soprattutto nelle sale operatorie. Intanto aumentano le morti sospette all'interno degli ospedali pugliesi e non solo. Il problema sui tagli alla sanità si ripercuote ancora una volta sui cittadini. Sembra paradossale che in un luogo dove si dovrebbero curare le malattie si possa morire per dei virus causati da scarsa igiene. A pagarne le conseguenze oltre ai pazienti, è anche tutto il personale sanitario che incontra sempre più difficoltà nel garantire un dignitoso servizio ai malati. I parenti del defunto intanto, attraverso gli avvocati Ivan Mangiullo e Fabio Accogli chiedono di far chiarezza sull'accaduto e hanno presentato un esposto in Procura. E' prevista un'autopsia il cui risultato sarà d'ausilio alle indagini.

Read 666 times

Latest from

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi262
Ieri565
Total211098

Who Is Online

4
Online

25 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
15 September 2020
Cartoline non spedite
Oggi la cartolina non ha un o una protagonista con nome e cognome, chi l'ha scritta ha voluto mantenere l'anonimato, e potrebbe essere stata scritta in qualsiasi luogo dell'Italia, dell'Europa o del mondo, purché questo significhi essere circondati d...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account