×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 2682

Sunday, 12 June 2016 09:57

Il progetto i Binari della Tradizione lancia la sua sfida: “Un sistema di qualità nella legalità”

Written by
Rate this item
(1 Vote)

La splendida cornice del mare di Casalabate, presso i locali del Mar De Plata, ha ospitato, ieri, l’ultima tappa del progetto, figlio dell’intesa tra l’ Unione dei Comuni, Città di Manduria e Associazione Città del vino. Occasione, dunque, non solo per tirare le somme, su quanto di utile è stato realizzato, ma anche per stabilire in che modo, proseguire questo percorso.

Intenzioni molto chiare nell’intervento di Antonio Soleti, presente nella duplice veste di direttore tecnico del progetto e moderatore della serata, che si è soffermato sul tema, scelto non a caso, in quanto la legalità assume un ruolo chiave, in questo progetto di incontro tra i vari comuni. Le varie tappe, sono state occasione di conoscere le nostre potenzialità, per capire come meglio poter sfruttare le possibilità che il questo territorio offre. Valorizzazione che riguarda i territori coinvolti dal tracciato delle Ferrovie Sud Est, da Gagliano a Martina Franca, ma anche gran parte dei comuni del Nord Salento.

L’importanza di questa iniziativa è stata evidenziata dal Sindaco di Squinzano, Mino Miccoli, il quale ha ricordato, come tali incontri diventino occasione per abbondare le logiche individualistiche, per lasciare spazio ad un agire coordinato e di più ampio respiro, intorno al tema centrale del turismo, considerato dal primo cittadino, vero volano di sviluppo.

Sulla stessa linea il Sindaco di Trepuzzi, Giuseppe Taurino, che nel suo intervento, ha messo in rilievo, l’importanza a livello europeo di questo tipo di progetti, poiché il progetto di un singolo comune, non avrà mai le stesse opportunità di sviluppo di un progetto coordinato che unisce le eccellenze del territorio, come I Binari intendono fare.

Anche questa volta, come nei precendenti incontri, nel suo intervento, il primo cittadino di Campi, Egidio Zacheo, che ricopre anche la carica di Presidente dei Comuni del Nord Salento, ha sottolineato, come questa iniziativa, spinga a riflettere attentamente su quanto sia necessario tornare a porre la cultura al centro delle attività politiche, primo vero antidoto all’illegalità. In tal senso il percorso dei Binari, ha contribuito a creare uno spirito unitario.
Immancabile la presenza del dott. Cosimo Valzano, p
residente del Consiglio Comunale dell’Unione dei Comuni, secondo il quale, lo stesso nome del progetto, evoca l’impegno di rafforzare questa crescita comune. Ricordando a tutti gli amministratori locali, la vocazione ad essere custodi del paesaggio, richiamando all’importanza di lavorare in rete, per costituire un tavolo per poter candidare questo territorio a capitale italiana della cultura, occasione per sperimentare la collaborazione tra le eccellenze locali.

Visto il richiamo alla legalità, presente anche nel titolo scelto per il convegno, è stata di grande rilievo la presenza del Generale Guido Bellini, già comandante generale dell’Arma dei Carabinieri. Il generale ha speso parole di incoraggiamento, per questo progetto, che mira a salvaguardare il nostro territorio, svolgendo un’importante funzione per la comunità, sia dal punto di vista della valorizzazione, sia perché lavorando nella legalità, lo si sottrae all’incombente rischio di controllo da parte della malavita organizzata. Legalità che per il generale Bellini, deve essere promossa attraverso la cultura, partendo dalle scuole. In tal senso diventa assetto culturale che deve essere coltivato e maturato.

Le conclusioni sono state affidate all’ideatore del progetto Giovanni De Luca, presidente del Consiglio Comunale di Novoli e Consigliere dell’Unione dei Comuni del Nord Salento. De Luca ha pertanto evidenziato come le tappe dei Binari, abbiano avuto il grande merito di aver portato la politica, delle “stanze grigie e buie”, in mezzo alla gente. L’intero progetto contribuirà a spingere i comuni, non più a coltivare il proprio orticello, ma a collaborare per coltivare il grande giardino dell’Unione dei Comuni. Ognuno farà ciò, seguendo la propria vocazione, Campi ha scelto la sua, nella cultura e nella pubblica istruzione; Guagnano seguirà quella alle attività produttive e allo sviluppo locale, focalizzato nel terzo settore produttivo; Novoli si è vocata alla cura della polizia locale, con l’obiettivo di realizzare una polizia intercomunale, nonché alla problematica del randagismo e allo sport; per Salice le vocazioni riguarderanno agricoltura, caccia e pesca; Surbo ai lavori pubblici, all’urbanistica e all’ambiente; Squinzano al bilancio e ai finanziamenti esogeni, sportello Europa e politiche giovanili; infine Trepuzzi ha trovato la propria vocazione nei servizi sociali e nella cura della marina di Casalabate. 

L’idea del progetto è dunque quella di far emergere il potenziale della nostra terra, che inizia a farsi strada anche a livello internzionale, basti pensare al primo premio Europeo al concorso “La selezione del Sindaco”.

Durante il suo intervento, il consigliere De Luca ha colto l’occasione per chiedere pubblicamente a Cosimo Valzano e al Generale Bellini, di prendere la Presidenza del Progetto, affinché attraverso queste due figure istituzionali del territorio, sia garantita una maggiore competenza, affinché questo progetto costituisca un presidio di legalità.

Read 1386 times Last modified on Monday, 13 June 2016 10:33

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi256
Ieri306
Total229271

Who Is Online

3
Online

02 December 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

01 December 2020
Cartoline non spedite
Ho ritrovato il block-notes su cui qualche anno fa ho appuntato dei pensieri in treno durante un viaggio molto lungo. Mi divertivo a scrivere annotazioni sulla gente che mi sedeva di fronte. Alla seconda o terza fermata è salito un uomo. Quando ...
24 November 2020
Cartoline non spedite
Ci siamo. Nell'ultima settimana di novembre, con un discreto ritardo, finalmente in tv abbiamo la prima pubblicità dei panettoni. Ci stavamo preoccupando. Mia sorella aveva addirittura ipotizzato che fosse per un motivo etico e morale: niente pubblic...
17 November 2020
Cartoline non spedite
Ci sono certi gesti che arrivano inaspettati (nonostante tutto il bene che ci sia dietro), come un pacco da Madrid, mentre stai seguendo una lezione in questa bruttissima modalità online, che non ti permette né di scambiarti occhiate d'intesa o di di...
10 November 2020
Cartoline non spedite
Qualche anno fa andai a teatro a vedere lo spettacolo "Le relazioni pericolose", conto aperto tra la marchesa di Merteuil e il visconte di Valmont, dall'omonimo romanzo di Choderlos de Laclos. Una Elena Bucci così superba che mi fece venire voglia di...
03 November 2020
Cartoline non spedite
In questi giorni, si è parlato di indispensabili e sacrificabili, ma soprattutto di "assenza spettacolare". Questa è una cartolina vuota, di protesta silenziosa, tanto a chi importa, non è un bene di prima necessità. ...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account