×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Thursday, 10 March 2016 12:35

LATTE: COLDIRETTI PUGLIA, BENE CONVOCAZIONE TAVOLO REGIONALE DI FILIERA PER UN GIUSTO PREZZO, IN 10 ANNI CHIUSE 3.800 STALLE

Written by
Rate this item
(0 votes)

“Bene la convocazione del tavolo latte da parte dell’Assessore all’Agricoltura Di Gioia – dice il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – auspicando che possa portare ad un accordo sul prezzo del latte alla stalla in Puglia che metta d’accordo tutti i soggetti della filiera dalla produzione alla trasformazione.  Abbiamo richiesto la convocazione del tavolo già da gennaio, quando abbiamo denunciato la decisione di alcuni caseifici locali che in maniera unilaterale hanno ridotto il prezzo del latte alla stalla. Sono inaccettabili, tra l’altro, le dinamiche secondo le quali – aggiunge Cantele - un litro di latte alla stalla costa nella migliore delle ipotesi 37/38 centesimi – stesso prezzo di 20 anni fa - e un litro di latte al consumo costa da euro 1,30 fino ad euro 1,60 o un chilo di mozzarelle – vendute nel supermercato - quasi 10 euro al chilo. Nel 2015 il valore finale distribuito all’agricoltura all’interno della filiera è sceso dal 17 al 14 per cento e la differenza tra i prezzi pagati dal consumatore e il prezzo riconosciuto agli allevatori è la più alta d’Europa”.

In Puglia a fronte dei 1.939 allevamenti che producono 3,6 milioni di quintali di latte bovino, le importazioni di latte dall’estero raggiungono i 2,7 milioni di quintali e i 35mila quintali di prodotti semi-lavorati quali cagliate, caseine, caseinati e altro, utilizzati per fare prodotti lattiero-caseari che vengono, poi, ‘manipolati’ e trasformati in prodotti lattiero-caseari ‘Made in Puglia’. Per questo in soli 10 anni hanno chiuso circa 3.800 stalle, una agonia veloce e drammatica degli allevamenti, con un crollo pari ad oltre il 58% del patrimonio zootecnico pugliese. 

“La vera e unica indicizzazione di cui il comparto zootecnico ha bisogno è il vincolo indissolubile – incalza il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti - tra il prezzo del latte alla stalla e il costo di latte e formaggi che i consumatori acquistano nei negozi e nei supermercati. Inoltre, considerate le difficoltà dei nostri allevatori, chiediamo una moratoria sui debiti degli allevamenti da latte e da carne bovina e suina per non fare chiudere le imprese agricole che da troppo tempo sono costrette a lavorare con prezzi di vendita al di sotto dei costi di produzione. Servono misure nazionali di rapida attuazione con una moratoria su mutui e prestiti agli allevamenti di 24/36 mesi, nonché un riposizionamento debitorio dal breve al medio lungo termine ed un impegno straordinario sui fondi di garanzia”. E’ una necessità – sottolinea Coldiretti – che può accompagnare il position paper che l’Italia presenterà alla Commissione europea che prevede anche l’obbligo di etichettatura di origine per fermare le importazioni dall’estero di semilavorati da spacciare come Made in Italy.

Solo una busta di latte UHT su 4 venduta in Italia è prodotta con latte italiano. Oltre all’inganno a danno dei consumatori – sostiene Coldiretti - si tratta di concorrenza sleale anche nei confronti dei trasformatori che utilizzano esclusivamente latte fresco.

La definizione di un parametro condiviso per l’indicizzazione del prezzo del latte è un passo avanti importante per ‘costruire’ un prezzo che sia sostenibile per gli allevatori e tenga conto di costi di produzione e prezzo al consumo. Il consiglio per i consumatori – conclude Coldiretti Puglia - è di stare attenti ai prezzi di vendita dei prodotti.

Read 639 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi185
Ieri385
Total213223

Who Is Online

1
Online

30 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account