×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 2678

Tuesday, 12 January 2016 17:34

Vita da panchina

Written by
Rate this item
(1 Vote)

Oggi parleremo di coloro i quali il campo lo vedono poco, pochissimo I PANCHINARI. Ne esistono diverse tipologie ognuna delle quali ha un tratto unico se non distintivo che rende quel micromondo un luogo dove nascono miti e leggende di ogni genere. Partiamo con ordine e premettiamo che in ogni sport di squadra vi è una panchina, ma avendo giocato a rugby, per tanto tempo e a causa della dovuta gavetta ho fatto anche tanta panchina, infondo tutti noi giocatori a qualsiasi livello lo abbiamo fatto sarebbe ipocrita dire il contrario. Ora andremo ad analizzare alcune delle infinitesimali categorie esistenti, spero che questo post vi faccia scappare almeno un sorriso. La prima categoria che voglio analizzare è quella del MI RISCALDO? questa figura sin dai primi secondi del match inizia a tormentare allenatore e colleghi con il suo andirivieni ed estenuanti esercizi, che distolgono l’attenzione dalla partita, quando entrano in campo sono più morti di chi è in campo già dal primo minuto. Contrapposti a questa categoria vi sono I PIGRI, coloro i quali la sera prima della partita sapendo di essere in panchina hanno fatto le sei del mattino e si presentano con la stessa voglia di giocare di un bradipo, rimangono il nell’ ultima sedia della panchina muti nascosti come vampiri e non bisogna mai disturbarli; quando entrano in campo pregano che ogni secondo sia l’ ultimo,per poi tornare a casa e dormire. Altra categoria presente su ogni panchina di ogni sport ad ogni livello è il QUANDO ENTRO?  questa figura spesso va a braccetto con il mi riscaldo? Molto spesso vivono in simbiosi. Dal primo minuto ammorba chiunque spettatori compresi: “di quando entro?, mi fai entrare?”, una categoria da eliminare e sterminare,quando mettono piede sul campo sono talmente tanto carichi da uscire circa 10 secondi dopo per un fallo da espulsione. Categoria opposta sono i TANTO IO NON GIOCO, persone che già dalla prima giornata sono rassegnate al fatto che loro il campo non lo vedranno mai e quindi tendono a essere tristi e musoni come un tapiro per tutta la durata della partita. Ma al momento del loro ingresso in campo danno il 100%  anche l’ anima pur di dimostrare che sono vivi e vegeti e non solo dei nomi sul foglio gara. Altra categoria ignobile è IL GUFO, il suo posto non dovrebbe essere in panchina ma sulla panchina. Un mix di cattiveria, pessimismo e malaugurio; se lui non è in campo augura sciagure infinite a chiunque pur di entrare lui, malefico a tal punto di augurare la sconfitta alla propria squadra, somiglia più ad becchino che ad un giocatore. Quando entra in genere minaccia di mandare all’ ospedale  chiunque con un legamento rotto o una spalla slogata, quando ci riesce esulta come se avesse vinto il mondiale. Per contrapporsi al gufo il karma ha creato IL POSITIVO, una personaggio che stimola e incita i compagni fino all’ ultimo anche se il punteggio è 100 a 0, una macchina da guerra che quando entra in campo da pacche a tutti, anche all’ avversario. Non può mancare all’ appello IL MARPIONE colui il quale con la scusa di riscaldarsi ci prova con tutte le ragazze della tribuna, quando entra e segna una meta la dedica a tutte le ragazze presenti perché lui è fatto così dentro e fuori dal campo. Ultima categoria è IL CAPITANO DELLA PANCHINA, giocatore dalle discrete qualità e volontà che conosce ogni singolo schema a memoria ( anche meglio di chi è in campo o dello stesso allenatore) sempre il primo a portare l’ acqua ai propri compagni in campo o a soccorrerli in caso di infortunio. Quando entra, anche se solo per un minuto, è una vera e propria mina vagante è in ogni ruck, maul, su ogni pallone ha la voglia e lo spirito per essere il futuro leader della squadra. Concludendo possiamo dire che il momento di entrare arriva per tutti l’ importante è sempre farsi trovare pronti.

Read 1458 times Last modified on Tuesday, 12 January 2016 17:45

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi196
Ieri579
Total196600

Who Is Online

3
Online

29 September 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
15 September 2020
Cartoline non spedite
Oggi la cartolina non ha un o una protagonista con nome e cognome, chi l'ha scritta ha voluto mantenere l'anonimato, e potrebbe essere stata scritta in qualsiasi luogo dell'Italia, dell'Europa o del mondo, purché questo significhi essere circonda...
08 September 2020
Cartoline non spedite
La protagonista di oggi è Francesca Romana Cillo, 42 anni, insegnante precaria di storia e filosofia, sebbene già abilitata e con un concorso alle spalle. Vive a Lecce, ma l'unica cosa che ama di questa città è la squadra di calcio, ...
02 September 2020
Cartoline non spedite
La protagonista di oggi è Eduarda Ferreira, una studentessa di giurisprudenza, 21 anni, brasiliana, che ci racconta com'è la situazione nello stato di San Paolo, dopo quasi cinque mesi di quarantena. Buona lettura!  by Denise Colletta ...
01 September 2020
Cartoline non spedite
Il protagonista di oggi è Edoardo Liverani, un ragazzo torinese di 31 anni, cofondatore della startup Olivelab (design e produzione di lampade d'arredo), che si occupa di progettazione tecnica ed elettronica. Durante il lockdown aveva fatto a se ...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account