×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 77

Wednesday, 21 November 2012 08:02

BUONARROTI Michelangelo

Written by
Rate this item
(0 votes)

 

BUONARROTI Michelangelo ( 1475 – 1564 ) – “ Pietà “ ( 1497 – 1499. Marmo, 174x195x69 cm. Basilica di San Pietro in Vaticano, Roma).

Possiamo anche dire che sia uno dei primi capolavori assoluti di Michelangelo, se si pensa che quando la realizzò, aveva soltanto appena 22 anni circa, quindi molto giovane, ma già pieno di talento e genio. La Pietà, è stata anche firmata da Michelangelo, infatti, sulla fascia a tracolla che regge il manto della Vergine affranta, possiamo trovare il nome dell'artista. Sembra che la Pietà, sia la sola opera firmata dal grande artista, e c'è anche un piccolo episodio che ci fa capire il motivo della sua firma, in quanto non usava mai mettere il suo nome nelle opere che realizzava. Sembra che un giorno lo stesso Michelangelo, sentì parlare due signori tra di loro, mentre rimanevano affascinati e meravigliati davanti questa stupenda scultura. Uno diceva all'altro che l'artefice di tale bellezza era uno scultore lombardo, tale Cristoforo Solari. Per questo Michelangelo, volle evitare qualunque confusione di paternità, e firmò la Pietà. La Pietà, raffigura il momento forse più drammatico dell'episodio della Crocifissione di Gesù. Nell'opera, riconosciamo subito infatti, la Vergine Maria (la Madonna), che tiene tra le braccia il proprio figlio Gesù Cristo, morto per tutta l'umanità sulla croce. Il Cristo, è stato appena deposto dalla croce, e i suoi aguzzini romani, lo consegnano nudo e pieno di piaghe, con un semplice straccio nelle mani della Madre, affranta dal dolore per la grave perdita. Ammirando la Pietà di Michelangelo, una delle prime cose che possiamo notare, è la grande naturalezza dei corpi. A differenza di altre Pietà dell'arte antica, dove la tradizione voleva che i due corpi, fossero “composti” con uno schema ben preciso, posizionati cioè, la Madonna ritta in verticale e rigida, mentre il corpo del Cristo in orizzontale, dando una sensazione irreale, di rigidezza. Nell'opera di Michelangelo grande innovatore in scultura, invece troviamo la realtà, la naturalezza e la fisicità nei corpi. Quello di Gesù per esempio è perfettamente e naturalmente appoggiato, ci restituisce le giuste pieghe fisiche delle pelle e dei muscoli, che notiamo come se fossero molli, appunto “veri”.

L'artista, con questa sua opera, è riuscito a cogliere l'istante più intimo e più toccante che possa esserci tra una Madre ed il suo Figliolo morto. Nel viso della Madonna dopo tanto dolore, urla, lacrime sparse ed ore di strazianti immagini del povero Figlio ucciso, sembra che si intraveda, quasi rassegnata, la consapevolezza del grande progetto Divino, di resurrezione e salvezza dell' umanità, per opera del figlio Gesù. Sembra che con il movimento della sua mano sinistra, la Madonna voglia invitarci a riflettere su quello che abbiamo davanti e sull'importanza del gesto divino.

Read 4905 times

More in this category: « DA VINCI Leonardo BRAQUE Georges »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi166
Ieri416
Total213620

Who Is Online

3
Online

31 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account