×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Thursday, 01 October 2015 07:47

Cannabis Terapeutica, LetsWeed.com è la Prima Startup del Settore e mira ad Innovare la Sanità Italiana

Written by
Rate this item
(0 votes)

Il modo migliore per iniziare a fare qualcosa è smettere di parlare ed iniziare a fare.

Così parlava Walt Disney, il padre della celebre compagnia cinematografica americana ed è un messaggio che risuona molto forte nella testa di chi le cose le vogliono cambiare davvero, o almeno ci provano.

In ambito medico Antonio Pierri e Stefano Rosato, ingegnere gestionale il primo ed analista programmatore il secondo, hanno ben chiaro l’obiettivo da raggiungere: “aiutare le persone a vivere meglio ed essere più felici”.

LetsWeed.com, così si chiama la piattaforma web creata dai due trentenni, mira a raggiungere proprio questo scopo e si rivolge in particolar modo ai pazienti affetti da patologie gravi quali Sclerosi Multipla, Parkinson, Sla, Tumore, ma anche da disturbi meno gravi quali Asma, Ansia e Dolore Cronico.

Il progetto si colloca perfettamente in mezzo tra il bisogno di ridurre gli eccessivi costi del sistema sanitario italiano e quello di trovare un’alternativa più efficiente all’assunzione di decine di farmaci dagli effetti collaterali devastanti.

L’alternativa esiste e si chiama Cannabis Terapeutica.

Lo Stato italiano la importa dall’Olanda e ne consente la vendita solo dietro prescrizione medica e in apposite farmacie.

Peccato, però, che la quantità importata sia estremamente insufficiente e milioni di pazienti sono ostacolati a seguire questo tipo di terapia anche per la mancanza di una legge che regolamenti la produzione interna di Cannabis per uso Terapeutico.

Molti medici, inoltre, sono poco informati o scettici e trovarne uno in grado di effettuare una prescrizione è veramente difficile.

Se ottenere l’importante autorizzazione risulta difficile, allora ottenere il prezioso farmaco in modo legale e sicuro è praticamente impossibile.

In tutto il territorio nazionale sono solo un centinaio le farmacie che dispensano il farmaco e ancor meno quelle in grado di preparare prodotti galenici come olio, creme e bustine da infuso.

A pagarne le spese sono, come al solito, sempre i più deboli.

LetsWeed.com è pensato per aiutare le persone a vivere meglio ed essere più felici, offrendo servizi di supporto gratuiti e di qualità.

Una mappa interattiva ed un sistema di geolocalizzazione permettono di trovare rapidamente il medico che effettua le prescrizioni e la farmacia più vicina a casa.

Al momento la piattaforma è online in una versione di anteprima e viene data la possibilità di registrarsi per prenotare un account e provare il sito in una versione Beta che avverrà il prima possibile.

La registrazione è semplice e veloce e basta andare su www.letsweed.com ed inserire un indirizzo email valido.

Gli account serviranno anche a diversificare i servizi in base al tipo di patologia trattabile con la Cannabis e così il paziente potrà accedere ad un aiuto concreto e mirato in base alle sue necessità.

Il sito è stato letteralmente preso d’assalto e in pochissimo tempo ha già raccolto moltissime registrazioni tra cui quella del Dott. Paolo Poli primario della U.O. Terapia del Dolore di Pisa e Giampaolo Grassi ricercatore del CRA di Rovigo.

Anche Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, ha preso contatto con i 2 giovani fondatori per congratularsi dell’iniziativa e un’importante società di Los Angeles ha già mostrato un primo segnale di interesse.

Let’s Weed, il cui nome è un’esortazione ad abbattere gli ostacoli che limitano l’accesso alla Cannabis Terapeutica, collabora anche con Lapiantiamo.it per ovviare alla scarsità di farmaco importato dall’Olanda e che costringe i pazienti ad interminabili attese.

La proposta di cui Lapiantiamo.it è pioniere è un progetto concreto e già avviato che mira a produrre in Italia Cannabis Terapeutica di alta qualità con l’aiuto di un team di biologi, ricercatori, medici ed agronomi.

Produrre in Italia ciò che adesso viene importato dall’Olanda significherebbe garantire al paziente un prodotto di alta qualità, ad un costo enormemente più conveniente e sempre disponibile.

La produzione che dovrebbe avvenire all’interno di Cannabis Social Club non è ancora consentita dallo Stato italiano ma Let’s Weed mostra già 2 sedi attive in italia che al momento fungono da centro informativo.

Ora Antonio e Stefano si aspettano che la loro piattaforma inneschi una reazione a catena che spinga sempre più medici e farmacie a comparire sulla mappa e sempre più pazienti pronti a registrarsi.

Basta parlare, iniziamo a fare.

Let’s go, Let’s Weed.

Read 1514 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi157
Ieri504
Total212074

Who Is Online

4
Online

27 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
15 September 2020
Cartoline non spedite
Oggi la cartolina non ha un o una protagonista con nome e cognome, chi l'ha scritta ha voluto mantenere l'anonimato, e potrebbe essere stata scritta in qualsiasi luogo dell'Italia, dell'Europa o del mondo, purché questo significhi essere circondati d...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account