×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Thursday, 03 July 2014 17:42

L’Amministrazione Comunale di Campi Salentina traccia la strada per le nuove generazioni con i Programmi Regionali N.I.D.I. e Garanzia Giovani

Written by
Rate this item
(0 votes)

Parla di giovani e lavoro l’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Egidio Zacheo. Venerdì 4 Luglio il Sindaco, l’Assessore alle Attività Produttive e Commercio, Alfredo Fina e la consigliera delegata alle Politiche Giovanili, Alessandra Serio, incontrano il Sottosegretario al Lavoro ed alle Politiche Sociali, Teresa Bellanova e l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico, Loredana Capone per parlare degli interventi a favore dello sviluppo e dell’occupazione.

In particolare sotto la lente d’ingrandimento per l’incontro ci saranno i Programmi Regionali N.I.D.I. – Nuove Iniziative d’Impresa e Garanzia Giovani.

Appuntamento Venerdì 4 Luglio 2014 alle ore 19,30 nella Sala don Pietro Serio in Piazza Libertà.

 

Di seguito una breve descrizione delle due iniziative volute dalla Regione Puglia, NIDI e Garanzia Giovani. Per maggiori informazioni è possibile consultare i portali on line:

http://www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/nidi

http://www.nidi.regione.puglia.it/

http://www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/garanziagiovani

 

N.I.D.I. - Fondo della Regione Puglia a sostegno delle Nuove Iniziative d’Impresa

 

NIDI è il Fondo creato dalla Regione Puglia a favore delle Nuove Iniziative d’Impresa. Attraverso NIDI la Regione sostiene le microimprese di nuova costituzione con un contributo a fondo perduto e un prestito rimborsabile.

L’obiettivo di Nidi è quello di agevolare l’autoimpiego di persone con difficoltà di accesso al mondo del lavoro. L’iniziativa viene attuata da Puglia Sviluppo S.p.A. – società interamente partecipata dalla Regione Puglia.

Il Fondo è gestito dalla Regione Puglia con il sostegno dell’Unione Europea attraverso il Programma Operativo FESR 2007 – 2013.

 

- A chi si rivolge:

Può richiedere l’agevolazione chiunque voglia avviare una nuova impresa. In caso di impresa già costituita, è possibile presentare domanda solo se la costituzione è avvenuta da meno di 6 mesi e non si è emesso la prima fattura e non si è percepito corrispettivi. L’impresa dovrà essere partecipata per almeno la metà, sia del capitale sia del numero di soci, da soggetti appartenenti ad almeno una delle seguenti categorie:

- giovani con età tra 18 anni e 35 anni;

- donne di età superiore a 18 anni;

- disoccupati che non abbiano avuto rapporti di lavoro subordinato negli ultimi 3 mesi;

- persone in procinto di perdere un posto di lavoro

- lavoratori precari con partita IVA (meno di 30.000 € di fatturato e massimo 2 committenti)

Anche se rientrano nelle precedenti categorie, non sono considerati in possesso dei requisiti:

- i pensionati;

- i dipendenti con contratto a tempo indeterminato

- gli amministratori d’imprese, anche se inattive, e i titolari di partita IVA.

L’impresa ancora da costituire deve avere meno di 10 dipendenti.

Sono ammesse a NIDI le sole imprese corrispondenti alle forme giuridiche:

ditta individuale, società cooperativa con meno di 10 soci, società in nome collettivo, società in accomandita semplice, associazione tra professionisti, società a responsabilità limitata.

 

- Come si accede alle agevolazioni:

La procedura di accesso alle agevolazioni è molto semplice.

Inizialmente devi fornire alcune informazioni, compilando una domanda preliminare che descrive le caratteristiche tecniche ed economiche del progetto, i profili dei soggetti proponenti, l’ammontare e le caratteristiche degli investimenti e delle spese previste. Non è previsto l’invio di alcun documento cartaceo né l’uso della PEC.

Per tutte le domande preliminari che rispettano i requisiti è previsto un colloquio di tutoraggio presso Puglia Sviluppo durante il quale:

- sarai aiutato a presentare l’istanza definitiva di accesso alle agevolazioni;

- presenterai la documentazione necessaria (preventivi, individuazione della sede, ecc.);

- saranno verificate le competenze e la consapevolezza in merito all'attività da avviare.

 

- Come funziona:

Le forme di agevolazione previste da NIDI sono diverse e misurate all’investimento previsto:

Se si prevede di avviare l'impresa con investimenti fino a € 50.000 l’agevolazione è pari al 100%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.

Se si prevede un investimento compreso tra € 50.000 ed € 100.000 l’agevolazione è pari all’90%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.

Per investimenti compresi tra € 100.000 ed € 150.000 l’agevolazione è pari all’80%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.

È inoltre previsto un contributo sulle spese di gestione dei primi sei mesi pari ad € 5.000.

Il prestito rimborsabile è erogato nella forma di finanziamento della durata di 60 mesi, con tasso fisso, pari al tasso di riferimento UE (al 01/01/2014 il mutuo sarebbe concesso al tasso dello 0,53%).

Non sono richieste garanzie fatta eccezione per le società cooperative a responsabilità limitata, per le società a responsabilità limitata e per le associazioni professionali per le quali è richiesta una fideiussione personale agli amministratori.

 

- Settori interessati:

Il Fondo agevola l’avvio di nuove imprese nei settori:

- attività manifatturiere

- costruzioni ed edilizia

- riparazione di autoveicoli e motocicli

- affittacamere e bed & breakfast

- ristorazione con cucina (sono escluse le attività di ristorazione senza cucina quali bar, pub, birrerie, pasticcerie, gelaterie, caffetterie, ristorazione mobile, ecc.)

- servizi di informazione e comunicazione

- attività professionali, scientifiche e tecniche

- agenzie di viaggio

- servizi di supporto alle imprese

- istruzione

- sanità e assistenza sociale non residenziale

- attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (sono escluse le attività delle lotterie, scommesse e case da gioco)

- attività di servizi per la persona

Per le attività di consulenza o professionali è possibile accedere alle agevolazioni esclusivamente in forma di associazione o società tra professionisti.

 

 

 

Piano Regionale Garanzia Giovani – Garanzie per i giovani in cerca di lavoro

 

Rivolto a tutti i giovani tra i 15 e 29 anni, “Garanzia Giovani” è lo strumento attraverso cui l'Unione Europea vuole garantire ai soggetti privi di occupazione o fuori dal sistema di istruzione formale e della formazione professionale, un percorso di reinserimento nel sistema di istruzione e formazione o di inserimento nel mondo del lavoro attraverso le misure previste dal Programma (orientamento, tirocini, servizio civile, sostegno all’autoimpiego e mobilità professionale transnazionale e territoriale).


Per l'Italia si prevedono finanziamenti per circa un miliardo e mezzo di euro, al cui concorso partecipano la Youth Employment Initiative, il Fondo Sociale Europeo e risorse nazionali. La ripartizione delle risorse ha visto assegnare alla Puglia un fondo di circa 120 milioni di euro, che la Regione Puglia ha a sua volta suddiviso a sostegno delle singole azioni che concorrono alla realizzazione del Piano. Con queste risorse saranno realizzate politiche attive di orientamento, di istruzione, formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un'attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (Neet - Not in Education, Employment or Training). È la via pugliese al Programma Europeo “Garanzia Giovani”, un Piano di attuazione regionale che integra le misure previste dal Governo con le esperienze regionali di successo a sostegno dell'occupazione giovanile.


Per aderire a Garanzia Giovani occorre registrarsi al portale www.sistema.puglia.it.

Dopo aver effettuato la registrazione, si potrà aderire al progetto cliccando sul banner “Garanzia Giovani”, oppure accedendo direttamente alla pagina www.sistema.puglia.it/garanziagiovani e poi sul link “Proceduta di Adesione nella sezione “Iscriviti al Progetto”. In alternativa è possibile iscriversi direttamente sul portale governativo all'indirizzo www.garanziagiovani.gov.it. I due sistemi sono integrati e totalmente equivalenti.


Dopo l’iscrizione, si potrà essere chiamati ad un colloquio da uno dei Centri per l'Impiego. In sede di colloquio verrà stipulato un apposito patto di servizio e verrà successivamente formalizzata una proposta personalizzata e calibrata tra le 9 azioni che compongono il Piano, nei limiti delle risorse assegnate dal Governo nazionale.

Read 1108 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi601
Ieri597
Total254891

Who Is Online

4
Online

20 January 2021

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

04 January 2021
Cartoline non spedite
Ci sono certi momenti in cui bisogna sottrarre. È che una passa tutta una vita a pensare che accumulare gli servirà, perché così gli hanno fatto credere. Maledette credenze. E allora in quelle credenze, ci mette di tutto, insieme ai piatti, alle...
29 December 2020
Cartoline non spedite
 Un bicchiere di vin brulé tra i mercatini natalizi, l'entusiasmo di una ragazzina in cui ti rivedi da piccola, l'abbraccio di un'amica che non vedevi da tempo per raccontarsi la vita degli ultimi mesi. No, questo Natale non è stato proprio così...
22 December 2020
Cartoline non spedite
Si sono concluse oggi le lezioni del primo semestre dell'università. Iniziare una magistrale senza nemmeno poter guardare negli occhi qualcuno dei tuoi compagni sarebbe stato uno sproloquio solo qualche mese fa, invece non è neanche passato un anno d...
15 December 2020
Cartoline non spedite
Ho letto in un articolo che il sindaco di Parma (capitale della cultura 2020), Federico Pizzarotti, ha manifestato il suo dispiacere per la chiusura, negli ultimi mesi, di tutto ciò che riguarda il mondo della cultura. Ha proprio detto: "In un moment...
08 December 2020
Cartoline non spedite
"Distanziamento sociale" sarà parola dell'anno, o meglio, una delle parole dell'anno, anche se poi, a voler essere precisi questo termine è composto da un sostantivo e un aggettivo, quindi non è del tutto appropriato riferirsi a esso come parola e di...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account