×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 629

Friday, 21 March 2014 19:37

25 Maggio 2014: le elezioni della svolta europea?

Written by
Rate this item
(4 votes)

Le elezioni europee 2014 sembrano davvero poter avere dei risvolti “storici”. Alla luce della crisi che ha colpito l’Eurozona, della spada di Damocle del default che pende su molti Paesi membri, delle politiche di austerity, i cittadini verranno chiamati a dare il loro contributo e a scegliere i loro rappresentanti. La risposta che l’Europa riuscirà a dare alla sempre maggiore necessità di misure che favoriscano la crescita, passa dalle urne. La stessa Unione è messa sotto esame da questa tornata elettorale.

La novità, che sottolinea la sempre maggiore attenzione delle istituzioni europee nel rapporto coi cittadini, è stata introdotta con il Trattato di Lisbona: il presidente della Commissione Europea verrà eletto dal Parlamento Europeo, invece che essere nominato dal Consiglio.

Purtroppo, i media non facilitano il percorso di conoscenza delle istituzioni europee da parte del cittadino e la politica del Bel Paese, col ridondante “ce lo chiede l’Europa”, ha spesso accresciuto la confusione, e l’astio, nei confronti di Bruxelles.

Il Parlamento Europeo è l’unica istituzione eletta direttamente dai cittadini. Dei 751 deputati, 73 saranno espressione del voto italiano del 25 maggio: il sistema è quello proporzionale, sulla base di 5 circoscrizioni (Nord-ovest, Nord-est, Centro, Sud, Isole).

Principalmente, il Parlamento assolve a tre funzioni: discussione ed approvazione delle normative europee, controllo sulle altre istituzioni europee ed approvazione del bilancio.

La Commissione Europea è l’organo esecutivo dell’UE, ad essa è demandato il compito di promuovere atti legislativi al Parlamento ed al Consiglio, di gestire del bilancio, di vigilare sulle altre istituzioni e di rappresentare l’UE stessa.

L’importanza di queste elezioni, dunque, è subito evidente: per la prima volta, i cittadini influenzeranno direttamente l’indirizzo politico-economico dell’Unione.

I candidati alla presidenza della Commissione sono: per l’EPP Jean-Claude Junker, ex primo ministro del Lussemburgo; per il PES Martin Schulz, attuale presidente del Parlamento Europeo; Guy Verhofstadt, ex premier belga, è stato scelto da Liberali e Democratici; per i Verdi saranno candidati José Bové e Ska Keller; mentre Tsipras, leader del gruppo greco Syriza, è stato proposto da Sinistra Europea.

Il sogno degli Stati Uniti d’Europa non ha mai conosciuto momenti più difficili di questo. Le sfide che attendono l’Eurozona sono molte e di non facile soluzione; i cittadini, esasperati da una lunga crisi, hanno bisogno di guardare al futuro con fiducia: partendo dal mercato del lavoro fino allo sviluppo economico, dai diritti civili all’ambiente, il voto del 25 maggio e la partecipazione democratica segneranno la storia del Vecchio Continente.

Read 1392 times

Studente di Giurisprudenza presso l'Università del Salento. Si diletta nella recitazione. Appassionato di politica e di satira politica, curioso osservatore di tutto ciò che lo circonda. Ha un debole per la poesia e per la bellezza. Avverso a paletti e confini, soprattutto culturali. Per descriversi, non potrebbe non fare riferimento a due citazioni che lo guidano quotidianamente: "Restiamo Umani" di Vittorio Arrigoni; "Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te, ma cosa tu puoi fare per il tuo paese" di John Fitzgerald Kennedy.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi651
Ieri662
Total227244

Who Is Online

8
Online

26 November 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

24 November 2020
Cartoline non spedite
Ci siamo. Nell'ultima settimana di novembre, con un discreto ritardo, finalmente in tv abbiamo la prima pubblicità dei panettoni. Ci stavamo preoccupando. Mia sorella aveva addirittura ipotizzato che fosse per un motivo etico e morale: niente pubblic...
17 November 2020
Cartoline non spedite
Ci sono certi gesti che arrivano inaspettati (nonostante tutto il bene che ci sia dietro), come un pacco da Madrid, mentre stai seguendo una lezione in questa bruttissima modalità online, che non ti permette né di scambiarti occhiate d'intesa o di di...
10 November 2020
Cartoline non spedite
Qualche anno fa andai a teatro a vedere lo spettacolo "Le relazioni pericolose", conto aperto tra la marchesa di Merteuil e il visconte di Valmont, dall'omonimo romanzo di Choderlos de Laclos. Una Elena Bucci così superba che mi fece venire voglia di...
03 November 2020
Cartoline non spedite
In questi giorni, si è parlato di indispensabili e sacrificabili, ma soprattutto di "assenza spettacolare". Questa è una cartolina vuota, di protesta silenziosa, tanto a chi importa, non è un bene di prima necessità. ...
27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account