Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.sali-ce.it/home/templates/modern_flavor/vertex/responsive/responsive_mobile_top_bar.php on line 50
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Lunedì, 27 Gennaio 2014 15:09

CHI SI NASCONDE DIETRO I TERRIBILI DELITTI DI SAN FRANCISCO?- IL GIOCO DI RIPPER DI ISABEL ALLENDE

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)

Per la prima volta nella sua lunga e fortunata carriera, Isabel Allende si cimenta nella stesura di un thriller; dopo "La casa degli spiriti" , "Il quaderno di Maya" e tanti altri meravigliosi testi, la scrittrice dimostra al mondo intero la sua versatilità nel saper destreggiarsi da un genere ad un altro senza mai commettere passi falsi.

 

La storia che viene raccontata ne "Il gioco di Ripper" è quella di due donne, Indiana e Amanda, madre e figlia, completamente diverse tra loro, diverse come il giorno e la notte ma unite in maniera indissolubile: la prima è una massaggiatrice che lavora in una clinica olistica decisamente fuori da ogni schema, bella, libera, indipendente, prorompente e fiera di sé, la classica donna che viene notata facilmente dagli uomini per la bellezza sfacciata e la sensualità che emana anche solo con uno sguardo; la seconda è una ragazza di 17 anni, goffa , attenta lettrice di libri intricati e macabri, un po' troppo stravagante per la sua età, appassionata per tutto ciò che di più tenebroso si può nascondere nella mente umana.

La vita della giovane Amanda trascorre in maniera monotona e relativamente tranquilla; tra casa, scuola e feste pazze, l'unica passione in grado di farla uscire dall'ordinario è quella di mettersi alla prova in un gioco online di nome "Ripper", il cui scopo è quello di ripercorrere la famosa storia di Jack lo squartatore alla ricerca del reale serial killer che nell'800 dette vita ad uno dei periodi più tormentati e spaventosi per la città di Londra.

A questo gioco partecipano anche altre ragazzini sparsi in tutto il mondo che, tenendosi in contatto tramite il computer, nel giro di poco tempo danno vita ad un piccolo gruppo di giovani investigatori del mistero, attenti ai dettagli e pronti a spingersi verso l'ignoto in cerca di risposte.

Ad un tratto però la situazione si complica decisamente, la città di San Francisco (che fa da sfondo a tutta la storia) viene messa in ginocchio dall'attacco di uno spietato assassino senza scrupoli, e così, la ridicola profezia di una stramba astrologa californiana, una certa Celeste Roko, che fino a quel momento era stata considerata una semplice pagliacciata inizia a compiersi sul serio, il bagno di sangue da tutti considerato fittizio diventa reale e le sue parole cominciano a risuonare forti e chiare come se presagissero l'inizio della fine.

A questo punto Amanda e i suoi amici investigatori decidono di cambiare la rotta del gioco di "Ripper" che da quel momento in poi avrebbe cercato di smascherare il tremendo assassino che stava tenendo sotto scacco la metropoli, formando congetture e cercando di far combaciare tutti i tasselli dell'intricato puzzle che si prospettava di fronte a loro.

Ma un evento scuote definitivamente non solo il gioco ma anche l'imperturbabile Amanda: il rapimento di sua madre.

In una terribile corsa contro il tempo , inizia il conto alla rovescia con un ritmo ferrato e incalzante, alla ricerca anche del più piccolo dettaglio in grado di fornire un indizio che possa portare la ragazzina al killer spietato, nella speranza di poter riabbracciare sua madre.

Chi sarà il tristo mietitore di anime che sta tenendo tutta la baia di San Francisco con il fiato sospeso?

Letto 8021 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Gennaio 2014 23:59

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Marzia Ianne

Laureata in "Scienza e Tecniche Psicologiche" all'Università del Salento. Da grande vorrebbe fare la psicoterapeuta o la scrittrice. Ama leggere qualsiasi cosa le capiti per le mani ma predilige i grandi classici della letteratura. Attualmente è tiratrice della squadra di carabina presso Poligono di Lecce.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi94
Ieri768
Questa Sett.94
Questo Mese7320
Totale1374945

Lunedì, 11 Dicembre 2017 08:55

Chi è on line

Abbiamo 240 visitatori e nessun utente online