×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Sunday, 12 January 2014 20:07

FOCARA 2014: ALL’INSEGNA DI MUSICA E TRADIZIONE

Written by
Rate this item
(0 votes)


 

Dal 16 al 18 gennaio torna il Fòcara Festival,nell'ambito de “La “Fòcara”, il fuoco più grande del bacino del Mediterraneo, un falò di 25 metri di altezza e 20 metri di diametro che viene costruito ed acceso a Novoli, in provincia di Lecce, in occasione delle celebrazioni della festa di Sant’Antonio Abate, patrono della città.


Nove artisti terrano banco tra il pubblico in uno spettacolo unico pensato solo per questa speciale occasione. Alpha Blondy, Omar Souleyman, Tinariwen, Muchachito Bombo Infierno, Bandadriatica, Bombino, BoomDaBash, Dubioza kolektiv, Motel Connection si alterneranno sul palco allestito nella grande piazza dove arde la pira realizzata con circa 80mila fascine di tralci di vite secchi provenienti dai feudi del Parco del Negroamaro sapientemente legate e posate con tecniche tramandate gelosamente di padre in figlio.

Giovedì 16 gennaio subito dopo l'accensione della Fòcara il programma si aprirà con i Tinariwen, alfieri del rock sahariano di Tessalit, in Mali. La loro musica, il Tishoumaren, mischia tra loro elementi blues, rock, world e di musica tradizionale Tuareg. A seguire Omar Souleyman, artista siriano che canta in arabo, curdo e turco cercando di unire tutte le influenze della sua terra e della sua musica. In chiusura Alpha blondy, superstar del reggae della Costa D’Avorio, attivo sulla scena fin dagli anni '80, molti dei suoi brani sono diventati dei classici per gli amanti del genere, da “Brigadier Sabary” a “Jérusalem”.
Venerdì 17 gennaio la seconda serata del festival sarà aperta dalla musica dei Bandadriatica. L’ensemble guidato da Claudio Prima, eclettico organettista salentino, è un incontro di culture e provenienze sotto il segno del Mar Adriatico. Subito dopo spazio a Bombino, nato e cresciuto in Niger, nella tribù berbera dei Tuareg, è ormai diventato una rock star riconosciuta a livello mondiale, e Muchacito Bombo Infierno, che proietteranno il pubblico verso un concerto omaggio alle chitarre di strada, dei vicoli, che sono alla base del Rock spagnolo. Una selezione di brani degli ultimi 3 album di Muchacito e le sue cover preferite, il tutto decorato dai fantastici quadri pitturati dal vivo dallo straordinario e poliedrico Santos de Veracruz, che danno ancora più colore al muro del suono.
Sabato 18 gennaio la serata conclusiva ospiterà i Dubioza Kolektiv, una band di origine bosniaca, fondata nel 2003 da Adis Zvekić e Almir Hasanbegović (ex membri della band, “Gluho doba against Def Age”) e Brano Jakubović e Vedran Mujagić (ex membri di “Ornamenti”, originari da Sarajevo). Subito dopo appuntamento con il reggae dei BoomdaBash, band nata nel 2002 e giunta al terzo cd "Superheroes", un disco eterogeneo che sa sapientemente dosare le radici reggae con il soul, la drum'n'bass, l'hip Hop, il tutto orchestrato da sintetizzatori, suoni elettronici, chitarre in levare e ritmi one drop. Infine si ballerà con i Motel Connection, progetto nato a Torino nel gennaio 2000, dall’incontro di tre artisti torinesi già noti nel panorama musicale italiano. Samuel, già celebre voce dei Subsonica, Pisti, dance oriented Dj e produttore di forte presenza scenica, e Pierfunk, primo bassista dei Subsonica dallo spirito funk. Non ci resta che augurarvi buon divertimento! Ricordiamo inoltre che in occasione della Focara saranno messi a disposizione treni speciali per permettere a chiunque di raggiungere più comodamente il luogo dell’evento.

 

Massimo Trisolini

Read 3561 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi559
Ieri582
Total209098

Who Is Online

3
Online

21 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
15 September 2020
Cartoline non spedite
Oggi la cartolina non ha un o una protagonista con nome e cognome, chi l'ha scritta ha voluto mantenere l'anonimato, e potrebbe essere stata scritta in qualsiasi luogo dell'Italia, dell'Europa o del mondo, purché questo significhi essere circondati d...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account