×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Tuesday, 17 December 2013 13:09

Il riutilizzo del rifiuto: Un albero di Natale "RICICLATO"

Written by
Rate this item
(1 Vote)

 

L’associazione Artigiani e Commercianti Salicesi, per il tramite del presidente Francesco Garganese e Confartigianato Imprese Salice Salentino con il fiduciario Giampiero Manno, hanno provveduto a far realizzare un albero di Natale alto circa 4 metri, interamente con bottiglie di plastica riciclate, raccolte con l’aiuto degli studenti delle scuole elementari e medie del paese nell’ambito della settimana europea della riduzione dei rifiuti 2013.

Lo scopo è di far sperimentare ai ragazzi, abilmente coinvolti dal dirigente scolastico, da insegnanti e professori e sostenuto dall’ amministrazione comunale, come realmente un oggetto destinato a diventare rifiuto possa essere riutilizzato, a tutto vantaggio della creatività e della manualità, qualità oramai in disuso ma che devono essere invece stimolate e valorizzate. Come duplice obiettivo l’associazione si è proposto di addobbare per Natale l’entrata del meraviglioso convento del paese in modo alternativo ed ecosostenibile, evitando inutili e dannosi tagli di alberi che, come ben sappiamo, hanno pochissime probabilità di sopravvivere dopo il periodo natalizio. Apprezzando, quindi, anche la scelta dell’amministrazione di addobbare Piazza Plebiscito senza utilizzare alberi naturali divelti dall’habitat naturale.

L’iniziativa nasce come primo passo di una strada più lunga da percorrere nel tempo e si propone l’obiettivo ultimo di “educare” ad un uso più consapevole dei materiali che siamo abituati a trattare “semplicemente” come rifiuto, nella speranza di imparare, partendo dai più piccoli, ma rivolgendosi ovviamente a tutti, a ridurre la produzione di rifiuti. 

La realizzazione si inserisce nell’ambito del successivo evento, del 1° mercatino ArtiQuariato”,che si terrà il 05.gennaio.2014 e che vedrà per la prima volta coinvolti antiquari ed artigiani locali, la meravigliosa compagnia della “Piccola Luna”, gli alunni della Scuola Media e molto altro ancora.

 

 

               Il fiduciario di Confartigianato 

                     GIANPIERO MANNO

 

 

Read 1150 times Last modified on Tuesday, 17 December 2013 13:41

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi112
Ieri416
Total213566

Who Is Online

7
Online

31 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account