×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 71

Saturday, 08 September 2012 22:55

Binari occupati a Trepuzzi e blocchi a Lecce: va in scena la crisi economica

Written by
Rate this item
(0 votes)

Binari occupati a Trepuzzi e blocchi a Lecce: va in scena la crisi

LECCE - Si sono scatenati, oggi, gli operai metalmeccanici dell'azienda "Omfesa" concedendo il bis della protesta inscenata ieri davanti alla Prefettura di Lecce insieme ai lavoratori ex Bat, ma alzando decisamente il tiro. Per loro non ci sono compromessi sugli stipendi arretrati e lo hanno dimostrato occupando i binari della stazione ferroviaria di Trepuzzi fino all'ora di pranzo.

Neanche l'incontro presso la Prefettura del capoluogo salentino, con il capo di gabinetto Guido Aprea è riuscito a smuovere le acque: la decisione degli operai di non firmare la liberatoria proposta dal gruppo guidato da Ennio De Leo, in modo da ottenere almeno una parte delle quattro mensilità arretrate, sembra irrevocabile. Il perché lo spiega il referente Fim Cisl, Maurizio Longo: "Non si fidano più dell'azienda e, nel caso in cui gli accordi venissero disattesi, non saprebbero su chi fare affidamento".

Il senso di abbandono, la frustrazione e la sensazione di "essere presi in giro" ha spinto gli operai a presentare una richiesta diretta alla principale commessa di Omfesa, Trenitalia che sembra intenzionata a tendere una mano, sbloccando nell'immediato 300 mila euro per la lavorazione delle carrozze passeggeri effettuata nei due stabilimenti di Voghera e Surbo. Ma per quanto riguarda il pagamento diretto degli operai, senza passare per il tramite di Omfesa, non se ne parla proprio. Semplicemente, precisa il sindacalista, non si può fare.

Se questa vertenza sembra aver imboccato una strada senza uscita, considerata anche la crisi di liquidità paventata da Omfesa che non trova l'assist degli istituti di credito, non se la passano meglio i "colleghi" passati all'improvviso dalla produzione di sigarette per conto di Bat, al "nulla". Si tratta delle maestranze di Ip srl (già Korus), il gruppo guidato dal senatore Pdl Filippo Piccone finito nel mirino della polemica per aver disatteso, fin'ora, l'impegno a cominciare l'attività di produzione di manufatti di alluminio nello stabilimento vuoto della Manifattura tabacchi di Lecce.

Anche in questo caso mancano all'appello tre mensilità e incombe lo spettro di un futuro a tinte fosche per gli ex lavoratori del tabacco. La "resa dei conti" sulle promesse disattese nei vari tavoli istituzionali, a partire da quel famoso piano di riconversione del 2010 che, dopo due anni, stenta a decollare, è attesa per il 19 settembre. Sempre a Roma, sempre presso la sede del ministero dello Sviluppo economico. Ma British American Tobacco questa volta ci dovrà essere: per i lavoratori non si tratta una richiesta ma di un imperativo. Da ieri hanno bloccato via XXV luglio fino a tarda sera e questa mattina erano di nuovo lì, a minacciare futuri blocchi del traffico.

In mattinata sono stati accolti dai massimi rappresentanti del territorio, dal primo cittadino Paolo Perrone fino al presidente della Provincia, Antonio Gabellone cui hanno ribadito le loro richieste, senza peli sulla lingua. Ed i dubbi su una riconversione "mancata" in cui non si profilano chiaramente le responsabilità di ciascuno. Il sindaco, dal canto suo, ha comunicato di aver formalizzato la richiesta di presenza dell'American British Tobacco al prossimo tavolo ministeriale.

"Attendiamo che il ministero risponda a questa nostra richiesta atteso che i lavoratori avvertono la necessità di un confronto con Bat, oltre che con Korus Ip. - spiega Paolo Perrone - L'amministrazione comunale è spettatore interessato, perché oltre al coinvolgimento di settanta lavoratori che non percepiscono stipendio da tre mesi, questa situazione rischia di avere ripercussioni sull'intera economia cittadina".

In favore di una risoluzione positiva delle due vertenze si sono mossi anche i consiglieri provinciali Cosimo Durante, Alfonso Rampino, Gabriele Caputo, Roberto Schiavone, Salvatore Piconese sollecitando la convocazione urgente della V Commissione consiliare di Palazzo dei Celestini.

Per quanto riguarda l'annosa vicenda Bat, torna a farsi sentire anche la senatrice di Grande Sud, Adriana Poli Bortone che domani solleciterà la risposta del ministero all'interrogazione parlamentare presentata alcuni mesi addietro. Il fine è quello di individuare le responsabilità di chi avrebbe dovuto vigilare sull'attuazione completa degli accordi, " a cominciare da un chiarimento preciso dei rapporti economici tra la British e le società subentrate".


Read 1092 times Last modified on Saturday, 29 September 2012 12:48

Associazione Culturale Salic'è.

Testata Giornalistica Salic'è l'Espressino Quotidiano

https://plus.google.com/107487753267520857467

www.sali-ce.it

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi50
Ieri385
Total213088

Who Is Online

2
Online

30 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account