×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 420

Wednesday, 20 November 2013 08:13

RISCHIO IDROGEOLOGICO: TRA CATASTROFI E RESPONSABILITA’

Written by
Rate this item
(8 votes)

 

Alcuni parlano di “tropicalizzazione” del bacino mediterraneo, altri ancora azzardano ipotesi complottistiche racimolate dal web sulla manipolazione artificiale del clima (progetti HAARP, ecc). Sta di fatto, comunque, che la frequenza con cui si registrano casi estremi di pioggia – il cosiddetto periodo di ritorno - sta aumentando sempre più negli ultimi anni, specie nel periodo autunnale. Messina, Genova e, oggi, gran parte della Sardegna rappresentano non solo degli esempi, ma soprattutto le ennesime pagine tristi del nostro Paese.

 

Il rischio idrogeologico, però, non viene solo dalle precipitazioni. Altri fattori che causano dissesto sono, infatti, il disboscamento e la cementificazione del suolo.

Lo sappiamo tutti che l’apparato radicale delle piante assorbe l’acqua e rafforza i pendii, sappiamo anche che la cementificazione impermeabilizza il terreno; eppure il consumo incontrastato del suolo continua a rappresentare l’unica logica urbanistica ed economica dominante. Abbiamo i centri storici abbandonati a sé stessi tra mancanza di riqualificazione e assenza di politiche che ne incentivino il ripopolamento, eppure in molti piani urbanistici si continua a lottizzare nelle periferie e a consumare ettari ed ettari di suolo.

L’urbanizzazione sfrenata ha eroso dal 1985 ad oggi ben 160 km di litorale. I numeri recentemente pubblicati nell’Annuario dei Dati ambientali 2012 dell’ISPRA parlano chiaro: se in Italia per oltre 50 anni si sono consumati in media 7 mq al secondo di suolo, oggi se ne consumano addirittura 8 mq al secondo. Significa che ogni 5 mesi viene cementificata una superficie pari a quella del comune di Napoli e ogni anno una pari alla somma di quelle dei comuni di Milano e di Firenze.

Poi c’è la cementificazione abusiva, quella che alla fine viene approvata attraverso condoni e Conferenze dei Servizi al posto di essere abbattuta, che è ancora più dannosa. L’abusivismo non rispetta le regole alla base della pianificazione e spesso ricade in zone fatali, come lame carsiche o canali, occludendo i naturali percorsi dell’acqua. È stato già riscontrato che, a monte di alcune catastrofi, vi era proprio l’abusivismo.

In tutte le testate giornalistiche si sono potute osservare foto di smottamenti, auto sommerse e strade distrutte nella giornata di ieri. Non sono mancate anche le immagini salentine, da Gallipoli a Manduria.

La foto che vi propongo però va in controtendenza, è stata scattata nei pressi di Torre Uluzzo (Nardò) nella stessa mattinata ma non riporta alcun disastro, anzi. Essa riporta il naturale ruscellamento dell’acqua tra le lame carsiche quando non trova ostacoli lungo il suo percorso. E pensare che qualcuno vorrebbe “abbellire” proprio quest’area con un “fantastico” villaggio turistico…

Daniele Perrone

 

Read 1025 times Last modified on Wednesday, 20 November 2013 16:41

Collaboratore Salic'é. Appassionato di urbanistica, di
politica, di ecologia e di tutte quelle pratiche virtuose che valorizzano
l'efficienza e la tradizione di un territorio.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi363
Ieri371
Total213016

Who Is Online

3
Online

29 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account