×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Monday, 29 July 2013 20:28

XXXIII Marcia Francescana - Chi crede Cammina

Written by
Rate this item
(1 Vote)

La Marcia Francescana è un cammino di dieci giorni per giovani dai 18 ai 32 anni circa, che desiderano impegnarsi in un breve itinerario spirituale per dare luce alla propria vita interiore e così raggiungere a piedi la meta di Assisi che coinvolge ogni anno qualche migliaio di giovani di tutta Italia e dell’Europa.

Si tratta sostanzialmente di un “viaggio a piedi” lungo un itinerario (nei diversi territori d’Italia) che ha come meta finale l’arrivo a S. Maria degli Angeli in Assisi il giorno 2 agosto, per poter vivere la Festa del Perdono.

In questo giorno solenne, voluto e istituito da S. Francesco nel 1216, traspare in tutta la sua grandezza quel perdono che il Padre elargisce a tutti coloro che sperimentano nella loro vita la gioia di essere Figli di Dio.

 

La Marcia è quindi, come detto, una sorta di “viaggio” - esteriore ed interiore - dentro la tua vita di fede. Una proposta di un cammino fisico e spirituale che ti riporti a contatto con la terra e con le sue creature, per farti riscoprire la presenza vitale dello Spirito fonte di gioia, presente in modo inconfondibile nell’uomo creato ad immagine di Dio.

Elementi portanti e irrinunciabili del percorso saranno, oltre al cammino giornaliero, lo spirito di fraternità e di sobrietà, la preghiera e l'ascolto della Parola di Dio, la condivisione del poco o del tanto che portiamo nello zaino della nostra esistenza, il confronto sulle scelte di vita e sugli ideali che coltiviamo nel nostro cuore.

 

Ogni anno la Marcia presenta una tematica - pensata insieme dai frati minori delle diverse Regioni d’Italia - con lo scopo di poter approfondire man mano il tema del perdono e la riconciliazione che siamo chiamati a vivere con noi stessi e la nostra vita.

Quest’anno la Marcia è ormai giunta alla sua XXXIII edizione e,In tutti questi anni, quest’esperienza ha fatto tanto bene alla vita di molti giovani….

Ma,come ci si prepara a tale evento? 

Si prepara il cuore …

con un cammino interiore che liberi dalle sicurezze conquistate,per sentirti straniero e pellegrino, capace di abitare nella tenda preparata dal Signore.  


Si preparano i piedi …

cominciando ad allenarti per essere pronto ad una marcia giornaliera di alcune ore. 

E una volta in marcia?

Soste e pernottamenti …

in alloggi di fortuna messi a disposizione da parrocchie, conventi, scuole, comuni …

cosa si Porta con se …

zaino, sacco a pelo, stuoino o materassino, tazza, posate, cappello, poncho e … il minimo indispensabile.

ci si lascia  soprattutto mettere in gioco dal buon Dio!!

La Marcia Francescana viene organizzata e vissuta in diverse Regioni d’Italia e d’Europa …

Ogni anno, infatti, diversi pellegrinaggi prendono il via dai diversi territori regionali italiani e oltralpe per convergere tutti ad Assisi il 2 agosto …

 

È un camminare accumunati tutti dagli stessi passi e dalla stessa meta e ciascuna Regione d’Italia offre a San Francesco l’olio per la lampada che arde presso la sua tomba …

Fu in questa circostanza che nacque la prima forma di Marcia francescana …

Nel 1980, infatti, anno in cui il turno dell’offerta dell’olio era riservato alla Regione Toscana, alcuni giovani francescani toscani desiderarono ripercorrere a piedi il tragitto dell'ultimo viaggio di San Francesco, dal monte della Verna, dove era stato segnato con le stimmate, fino alla città di Assisi.

 

Gli organizzatori di quell’anno si aspettavano circa una trentina di giovani Ma, contro ogni aspettativa, alle iscrizioni se ne presentarono più di 100!
L'anno successivo la Marcia era già divenuta un evento a carattere nazionale, con la partecipazione di quattro gruppi: Nord Italia; Marche - Emilia - Italia sud est; Lazio - Italia Sud Ovest; Toscana - Veneto - Sardegna.

I marciatori (circa 400), partiti da quattro luoghi diversi del centro Italia raggiunsero la Porziuncola a Santa Maria degli Angeli il 2 Agosto del 1981, per la festa del Perdono d’Assisi.

 

Il 1982, anniversario del Centenario della nascita di San Francesco, la Marcia Francescana aveva assunto ormai la sua identità: ossia una "forte esperienza di vita" - come veniva presentata nei volantini del tempo - un modo per lasciarsi inquietare e mettere in cammino da Dio attraverso l'esperienza della fatica vera e feconda che ti fa "uscire" dalla fatica di vivere, per mezzo della condivisione, dell'essenzialità, della preghiera, della meditazione ...

 

I partecipanti in quell’anno saranno circa 600 e continueranno ad aumentare …

Nel 1989 la Marcia compie 10 anni … in quell’occasione i marciatori vengono paternamente accolti dal Papa Giovanni Paolo II a Castelgandolfo.

Da oltre 30 anni dalla nascita di questa feconda esperienza, migliaia di giovani hanno potuto conoscere la bellezza dell’essere in cammino profondo con se stessi verso la Pace di Dio!

 

E così, ogni anno, quest’evento incredibile si ripete e centinaia di giovani  si mettono in cammino da ogni parte d'Italia per raggiungere la Porziuncola il 2 Agosto, festa delPerdono, per celebrare insieme l'amore misericordioso di Dio.

Da oltre sette secoli tantissimi pellegrini convergono verso Santa Maria degli Angeli in Assisi per ottenere il particolarissimo privilegio dell'Indulgenza, che va sotto il nome di "Perdono d'Assisi".

 

Milioni e milioni di persone, in tutti questi secoli, hanno varcato la "porta di vita eterna" della Porziuncola e si sono prostrate qui per ritrovare la pace e il perdono nella grande Indulgenza tanto desiderata da San Francesco, la cui festa si celebra il 2 Agosto di ogni anno ("Festa del Perdono").

 

Federico Faggiano

Read 9689 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi244
Ieri577
Total211657

Who Is Online

1
Online

26 October 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

20 October 2020
Cartoline non spedite
In questo periodo lo siamo tutti: tesi. Non sappiamo bene come muoverci eppure ci muoviamo. Io faccio una fatica enorme a sentirmi a mio agio quando sono in mezzo alla folla perché non so mai se sono al sicuro oppure no. Certo, vivere in questo clima...
13 October 2020
Cartoline non spedite
Ho capito che viviamo in un mondo bellissimo in cui "NON CE N'È COVIDDI" è stato il mantra di tutta quest'estate e quindi via libera ad aperitivi sulla spiaggia, discoteche aperte, lidi senza nessun distanziamento sociale, e pareva infatti che all'im...
06 October 2020
Cartoline non spedite
Marta scrive a Valerio: ci sono angoli di strade in cui ci siamo incrociati, ci siamo innamorati e poi non ci siamo più visti. Ora è ancora troppo presto per pensare alla primavera, ora che ancora non è neppure vero autunno. Sei sconosciuti si sono a...
22 September 2020
Cartoline non spedite
Ritornare. Ricominciare. Entrambi sono due momenti in cui se sbagli qualcosa, qualche passaggio, una parola di più, una di meno, il tuo risultato è compromesso, perché alle parole bisogna fare attenzione. A quelle che si dicono, al modo in cui vengon...
15 September 2020
Cartoline non spedite
Oggi la cartolina non ha un o una protagonista con nome e cognome, chi l'ha scritta ha voluto mantenere l'anonimato, e potrebbe essere stata scritta in qualsiasi luogo dell'Italia, dell'Europa o del mondo, purché questo significhi essere circondati d...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account