×

Warning

JUser: :_load: Unable to load user with ID: 42

Saturday, 04 May 2013 07:10

Consiglio d'Europa: prigioni italiane ancora tra le più sovraffollate d’Europa.

Written by
Rate this item
(0 votes)


 

Con una media di 147 detenuti per 100 posti dietro le sbarre, l’Italia è terza per sovraffollamento. Lo “Sportello dei Diritti”chiede trattamenti più umani nei confronti dei detenuti e che sia creata la figura istituzionale del garante per i diritti dei detenuti in ogni regione ove hanno sede istituti detentivi

Le carceri italiane vivono una situazione che definirla un dramma è quasi un eufemismo, che purtroppo emerge solamente in poche occasioni come oggi quando il Consiglio d'Europa ha richiamato l'attenzione sull'emergenza carceraria nel nostro Paese pubblicando le statistiche penali annuali. Secondo i dati dell'indagine 2011 la metà dei 47 paesi membri sono in realtà presi con problemi di sovraffollamento e le prigioni italiane sono ancora tra le più sovraffollate d’Europa.

Con una media di 147 detenuti per 100 posti dietro le sbarre, l’Italia è e' al terzo posto, dopo la Serbia (157,6), Grecia (151,7), Ungheria (138,2), Cipro (137,5) e la Croazia (129,7).

Secondo i dati del Consiglio d'Europa, resta il sovraffollamento il problema principale delle carceri i tutta Europa, nonostante il leggero calo della popolazione detenuta complessiva, diminuita del 2% tra il 2010 e il 2011, passando da 1.861.356 detenuti a 1.825.356. A fronte della riduzione complessiva del numero dei detenuti, e' aumentato il tasso medio della popolazione carceraria europea, passato da 149 a 154 detenuti su 100mila abitanti nel 2011. Nel settembre 2011, le carceri erano utilizzate al massimo delle capacita' delle strutture, con una media di 99,5 detenuti per 100 posti. La media di eta' della popolazione delle carceri europee e' di 33 anni, risulta ancora dall'indagine, e le detenute donne rappresentano il 5,3% del totale.

In media, il 21% dei reclusi, sempre a settembre 2011, era straniero, con notevoli differenze tra i vari paesi. Il numero piu' basso di stranieri si registra nell'Europa orientale, con solo il 2%, il piu' alto nei paesi occidentali, con oltre il 30%. Quanto ai reati che hanno determinato la detenzione prevalgono quelli legati agli stupefacenti (17.5%), furti (17.5%), rapine (12.2%), e omicidi (12.2%). La media del tempo di detenzione era nel 2010 di 9 mesi, e di 5 mesi il tempo medio di custodia cautelare prima del processo. Sempre nel 2010 la media della mortalita' era di 28 morti su 10.000 reclusi. Se da una parte i detenuti italiani non vivono in condizioni accettabili, dall’altra richiedono un elevato costo di gestione. Nel 2010 l’Italia ha infatti speso, escludendo le spese mediche, 116,68 euro al giorno per ogni detenuto. Per Giovanni D'Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, è giunto il momento di creare in ogni regione ove hanno sede gli istituti di detenzione la figura istituzionale del “Garante per i diritti dei detenuti” affinché siano costantemente tutelati i diritti umani delle persone soggette a pene detentive troppo spesso calpestati in conseguenza di istituti stracolmi ed inadeguati. Ciò anche al fine di tutelare le migliaia di agenti di polizia penitenziaria costretti a tour de force inimmaginabili in altri Paesi europei.

Read 1175 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oggi656
Ieri662
Total227249

Who Is Online

9
Online

26 November 2020

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

24 November 2020
Cartoline non spedite
Ci siamo. Nell'ultima settimana di novembre, con un discreto ritardo, finalmente in tv abbiamo la prima pubblicità dei panettoni. Ci stavamo preoccupando. Mia sorella aveva addirittura ipotizzato che fosse per un motivo etico e morale: niente pubblic...
17 November 2020
Cartoline non spedite
Ci sono certi gesti che arrivano inaspettati (nonostante tutto il bene che ci sia dietro), come un pacco da Madrid, mentre stai seguendo una lezione in questa bruttissima modalità online, che non ti permette né di scambiarti occhiate d'intesa o di di...
10 November 2020
Cartoline non spedite
Qualche anno fa andai a teatro a vedere lo spettacolo "Le relazioni pericolose", conto aperto tra la marchesa di Merteuil e il visconte di Valmont, dall'omonimo romanzo di Choderlos de Laclos. Una Elena Bucci così superba che mi fece venire voglia di...
03 November 2020
Cartoline non spedite
In questi giorni, si è parlato di indispensabili e sacrificabili, ma soprattutto di "assenza spettacolare". Questa è una cartolina vuota, di protesta silenziosa, tanto a chi importa, non è un bene di prima necessità. ...
27 October 2020
Cartoline non spedite
Sylvia Plath (che oggi avrebbe compiuto gli anni) ha scritto: "Quello che più mi fa orrore è l'idea di essere inutile: ben istruita, piena di promesse, sbiadita verso una maturità indifferente". Non lo so che cosa ci sta succedendo, ma è bene che non...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account